The Witcher 3 Nintendo Switch: guida e trucchi per i nuovi giocatori

The Witcher 3 Complete Edition approda su Switch: se siete al vostro primo viaggio nei panni dello Strigo, ecco alcuni trucchi e suggerimenti.

guida The Witcher 3 Nintendo Switch: guida e trucchi per i nuovi giocatori
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Switch
  • La versione Nintendo Switch di The Witcher 3: Wild Hunt ha finalmente raggiunto gli scaffali di tutti i negozi, consentendo agli appassionati della serie di godersi l'ultima avventura con protagonista Geralt di Rivia sia in modalità TV che in portatilità. Se state per iniziare il gioco per la prima volta o più semplicemente avete la memoria corta, ecco una serie di informazioni che potrebbero tornarvi utili nelle vostre passeggiate in giro per Novigrad e dintorni.

    Missioni secondarie

    Nel corso dell'avventura di The Witcher 3 vi ritroverete ad esplorare numerosi centri abitati di dimensioni più o meno generose. La cosa migliore che potete fare una volta raggiunto uno di questi luoghi è senza ombra di dubbio quella di recarvi presso la bacheca locale e dare un'occhiata a tutte le missioni secondarie disponibili. Così facendo non solo avrete l'opportunità di ottenere un bel po' d'esperienza, ma sarete anche sicuri di non ritrovarvi a liberare inutilmente le aree dai nemici durante le fasi d'esplorazione nei dintorni della città.

    Ovviamente le bacheche non sono l'unica fonte di attività secondarie nel mondo di The Witcher 3, ed è molto importante cercare di interagire con il maggior numero possibile di personaggi non giocanti per poter aggiungere al proprio diario una discreta quantità di missioni. Prima di iniziare una qualsiasi quest secondaria vi suggeriamo sempre di dare uno sguardo al livello consigliato per affrontarla, così da essere sicuri che il vostro Geralt disponga delle giuste abilità e di un equipaggiamento sufficientemente potenti per poter sconfiggere le creature e i banditi nei quali potreste imbattervi.

    Borsa di Roach

    Tra un combattimento e un dungeon, in The Witcher 3 si finisce sempre col raccogliere un gran quantitativo di oggetti ed è spesso difficile scegliere quali tenere nel proprio inventario e quali lasciare a terra per via del loro peso. In aiuto del giocatore arriva la bisaccia del fido destriero di Geralt, ovvero Roach, il quale dispone di un proprio inventario che potrà essere potenziato nel tempo e consentirà di lasciare al suo interno un discreto numero di oggetti.
    Se avete iniziato da poco il gioco vi consigliamo di fare un giro a Nido del Corvo, luogo nel quale potrete partecipare a una serie di corse in sella al vostro cavallo. Trionfate in ciascuna di queste gare per ottenere la vostra prima bisaccia, che vi darà sicuramente una marcia in più nelle prime fasi dell'avventura.

    Salvate spesso

    Nonostante in The Witcher 3 sia presente il salvataggio automatico, è davvero difficile che il gioco riesca sempre a registrare i vostri progressi al momento giusto, e potrebbe capitare con una certa frequenza di morire nel corso di una missione o durante la libera esplorazione della mappa, e perdere così i progressi accumulati.

    A questo proposito non possiamo che consigliarvi di salvare ogni volta che potete, magari anche in slot diversi, così da poter ripristinare la vostra partita in caso di errori o situazioni di grave difficoltà. Non è nemmeno da escludere che possano verificarsi bug o altri problemi tecnici tanto gravi da impedirvi il corretto proseguimento dell'avventura e un salvataggio extra potrebbe aiutarvi ad evitare queste circostanze.

    Axii e Quen

    Con l'avanzare di livello, il protagonista di The Witcher 3 potrà apprendere e potenziare i Segni, l'equivalente degli incantesimi. Nell'albero delle abilità avrete a disposizione diversi Segni ma quelli che potrebbero farvi più comodo nelle fasi iniziali del gioco sono due: Quen e Axii. Il primo permette di evocare una bolla intorno al protagonista in grado di assorbire un colpo ed è forse l'abilità più utile tra quelle legate al combattimento, soprattutto se sfruttata assieme allo Scudo Esplosivo, un potenziamento che infligge danni agli avversari che colpiscono il vostro scudo.

    Axii è invece un'abilità dal doppio utilizzo. Questa può essere attivata sia nel corso di una battaglia, dandovi modo di stordire l'avversario e mettere a segno un paio di colpi senza che possa in alcun modo reagire, sia nel bel mezzo dei dialoghi. Grazie a Axii infatti, il nostro Geralt potrà in alcuni casi influenzare le azioni del nostro interlocutore rendendo molto più semplice il raggiungimento di determinati obiettivi.

    Affilate la spada

    Che si tratti di missioni principali o di attività secondarie, in The Witcher 3 il pericolo è sempre dietro l'angolo. Quando siete sicuri che affronterete a breve un avversario temibile o più semplicemente avete il timore di cosa accadrà nello step successivo di una quest, il suggerimento è sempre quello di attivare un potenziamento temporaneo al potere d'attacco e a quello di difesa.

    Vi basterà infatti recarvi presso un qualsiasi fabbro del mondo di gioco (ne troverete quasi sicuramente uno in ogni città) ed interagire con i suoi attrezzi da lavoro per attivare un buff del 20% ai vostri parametri della durata di ben 15 minuti, abbastanza per andarle a suonare a quel gruppo di banditi che vi ha infastidito appena fuori città.

    Esplorazione

    Aprendo la mappa del mondo di The Witcher 3 noterete sparsi per l'intera area di gioco tantissimi punti interrogativi. Ciascuno di questi simboli indica un luogo d'interesse all'interno del quale si nasconde magari del bottino da raccogliere o qualche mostruosa creatura da uccidere. Il consiglio che possiamo darvi è quello di non lasciarvi mai sfuggire nessuno di questi punti, così da raccogliere qualsiasi arma, oggetto e armatura che il gioco ha da offrirvi.

    Quando questi punti sono situati in acqua non dovrete far altro che immergervi alla ricerca di forzieri da aprire e, per facilitarvi al massimo il lavoro, vi basterà attivare i sensi da Witcher per evidenziare tutti i contenitori di loot nei paraggi.
    Se durante una delle vostre gite all'aperto doveste imbattervi in nemici troppo forti per il vostro livello (ve ne renderete immediatamente conto) non esitate a fare marcia indietro e magari segnarvi quel luogo, così da farci ritorno in un secondo momento. Dopotutto la vendetta è un piatto che va servito freddo.

    Diamoci un taglio

    Oltre ad avere l'opportunità di scegliere con cura le armi e le armature da far indossare al protagonista, in The Witcher 3 è anche possibile personalizzare alcune caratteristiche estetiche di Geralt.

    In alcune città dell'enorme mondo di gioco sono infatti presenti dei barbieri che, al costo di qualche moneta, ci consentiranno di modificare il taglio di capelli e lo stile della barba dello Strigo. A differenza del bizzarro barbiere di GTA San Andreas, sappiate che in The Witcher 3 dovrete attendere che scorra il tempo in gioco perché cresca una lunga barba a Geralt, condizione necessaria affinché sia possibile per voi modificarla a piacimento.

    Che voto dai a: The Witcher 3 Wild Hunt

    Media Voto Utenti
    Voti: 464
    8.9
    nd