E3 2010

Hands on Gears of War 3

Marcus Fenix ha compagnia

hands on Gears of War 3
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360

Gears of War e' al tempo stesso uno dei titoli piu' attesi di questo E3 e uno dei meno misteriosi. Sapevamo sarebbe uscito, sapevamo su quale console, sapevamo come sarebbe stato il multiplayer online. Insomma, sapevamo tutto. Tuttavia, ogni anno Gears of War ha la capacita' di calamitare le attenzioni della stampa specializzata, del pubblico e di tutta l'industry, vuoi per il gameplay perfettamente bilanciato, vuoi perche', ormai, Gears e' diventato sinonimo di FPS in terza persona, dopo che il seminale primo capitolo ha dato il la ad una nuova generazione di sparatutto basati sull'uso delle coperture.

Gears of War 3 rappresenta la punta di diamante della line up invernale Microsoft e, in questo E3, per la prima volta, abbiamo avuto la possibilita' di toccare con mano l'ultima avventura di Marcus Fenix e soci, pronti, come sempre, a sterminare le Locuste e, finalmente, a concludere la battaglia che abbiamo iniziato ormai quattro anni fa. In questo nuovo capitolo, pero', oltre a Marcus e Cole faremo la conoscenza di due protagoniste inedite. Ricordate Anya, il nostro ufficiale di collegamento sempre pronta a sostenerci via radio? Bene, l'era delle belle ragazze un po' imbranate che se ne stanno chiuse negli uffici e' finita, Alix e Daisy, le nostre nuove compagne di squadra, sono Gears a tutti gli effetti e sul campo di battaglia sapranno, in molti casi, destreggiarsi meglio di noi. Stando alle parole di uno dei producer, la trama dietro a Gears 3 (che, ricordiamo, e' stata scritta da Karen Traviss, una delle piu' note autrici dello Star Wars Expanded Universe) sara' molto piu' corale, Marcus naturalmente rimarra' il protagonista ma i comprimari, soprattutto le ragazze, avranno un ruolo di primo piano e saranno molto rare le occasioni in cui ci troveremo a comportarci come novelli Rambo, pronti all'azione individuale. Gears of War 3 punta molto sulla cooperazione e, per la prima volta nella serie, sara' possibile giocare tutta la campagna in co - op a quattro giocatori. Ogni player potra' scegliere autonomamente la difficolta', permettendo cosi' a tutti di divertirsi senza modificare l'esperienza di gioco degli altri. Questo risultato e' stato ottenuto con un mix di modifiche che vanno a influire in tempo reale sia sul nostro personaggio che sull'ambiente e sui nemici. Per esempio, se stiamo giocando in due, con due livelli di difficolta' diversi, il giocatore piu' "forte" sara' il bersaglio preferito dei nemici, mentre il secondo, oltre a godere di una relativa pace, avra' piu' energia e i quick time events (come la classicissima superircarica del Lancer) saranno piu' lenti. Il producer ha ammesso che le demo dell'E3 soffrono ancora di qualche problemino di bilanciamento, dato che, anche a livello Insane, Gears of War 3, se giocato in quattro, diventa molto, molto semplice, con i personaggi che, se ben coordinati, possono limitarsi a falciare cavallette senza la benche' minima difficolta'. Per quanto riguarda la collaborazione fra giocatori, oltre a eventi classici, come l'attivare certi interruttori o aprire alcune porte, finalmente e' stata modificata la gestione delle munizioni, per cui, anche se un player razzia tutte le ricariche, sara' comunque possibile condividerle con gli altri.
Per quanto riguarda i personaggi, ognuno avra' un'arma predefinita, ma sara' possibile cambiarla in ogni momento e non ci saranno differenze sostanziali fra l'intepretare Marcus o Daisy, questa scelta, che potrebbe far storcere il naso a qualcuno, e' giustificata dalla volonta' di mantenere il gioco "compatto" sul suo gameplay di base, senza aggiungere elementi che creerebbero squilibrio.
Passando all'online, il matchmaking verra' totalmente rivisto anche se, con molta onesta' intellettuale, Epic ha ammesso che e' molto difficile migliorarlo, dato che se si punta troppo sul Ping basso, diminuiscono le possibilita' di trovare molti giocatori, se, al contrario, si sacrifica il Ping in favore della quantita' si rischia di trovarsi sbattuti in partite palesemente ingestibili. Tecnicamente il gioco continua a sfruttare la stessa versione dell'Unreal Engine che muoveva gia' il capitolo precedente, ovviamente con le classiche rifiniture di rito, dunque texture piu' definite, un uso accorto dei caricamenti e, in generale, un aspetto molto fluido e dettagliato. I nuovi nemici sono ben caratterizzati e saranno una grande sfida anche per i veterani della serie, dato che le nuove Locuste mutano in continuazione, con tentacoli che appaiono dal nulla, e nuovi poteri come un dolorosissimo laser energetico che puo' atterrare anche il Gears piu' corazzato in pochi secondi. La battaglia ricomincera' ad Aprile 2011. Lucidate i Lancer.

Gears of War 3 Gears of War 3 non e’ un semplice more of the same. Certo, recupera tutti gli stilemi classici della serie, ma con la sua componente cooperativa pone le basi per sviluppi molto interessanti. La sostanza pare esserci tutta, cosi’ come la frenesia cui siamo abituati. Resta da vedere come saranno risolti i problemi di bilanciamento e i bug che affliggono l’online. Epic di norma non delude, per cui aspettiamo fiduciosi il prossimo Aprile, per tornare su Sera e concludere la guerra.

Che voto dai a: Gears of War 3

Media Voto Utenti
Voti: 171
8.8
nd