GC 2008

Provato LEGO Batman

Il LEGO invade Gotham City

Provato LEGO Batman
Articolo a cura di
Disponibile per
  • DS
  • Xbox 360
  • Wii
  • PS3
  • Psp
  • Un Batman fatto di mattoncini

    Tra gli stand austeri e grigi della Halle 1 della Leipziger Messe spicca un enorme Batman interamente costruito con mattoncini LEGO. Come si può intuire, trattasi della zona Warner Bros dove è stato presentato il nuovo capitolo legato al variopinto mondo delle costruzioni fatte in casa: LEGO Batman. A colloquio con Richard Earl, produttore del titolo, abbiamo potuto ammirare buona parte dei livelli presenti nella versione finale, attesa entro la fine di settembre per tutte le consoles presenti sul mercato.

    Qualche novità

    LEGO Batman è il terzo colossal - dopo Star Wars e Indiana Jones - riportato su schermo sotto forma di mattoncini LEGO. I predecessori si sono rivelati dei successi commerciali e degli ottimi prodotti videoludici, in grado di attirare anche gli hardcore gamers più incalliti in un variegato mondo dominato dalla semplicità e dalla fine ironia che rende i personaggi LEGO, nonostante la limitata espressività e la mancanza di voce, dei veri e propri attori. Squadra che vince, insomma, non si cambia, e anche in questo LEGO Batman godremo della medesima struttura di gioco: un action/adventure tridimensionale ambientato nella Gotham City di Bruce Wayne, appositamente ricostruita (è proprio il caso di dirlo) pezzo per pezzo dagli sviluppatori. Le novità sono rappresentate dal rapporto ancor più stretto tra i due personaggi su schermo (i classici duetti Batman e Robin, Joker e Harley, Ivy e Bane,...) e dalla possibilità di rigiocare lo stesso livello di gioco vivendo il punto di vista del nemico, in una modalità denominata Villain Mode.
    La collaborazione tra i due personaggi su schermo sarà fondamentale per avanzare nel gioco. In uno dei livelli con protagonista il Joker, il giocatore si trova all'interno di un enorme circo. La prima parte dello stage è suddivisa in due piani, ognuno dei quali nasconde ostacoli e leve che possono liberare una via di fuga al compagno. Bisognerà quindi prendere il controllo prima di Joker e poi di Harley per arrivare in fondo al livello sani e salvi, oppure trovare un amico e affrontare con lui l'avventura in cooperativa. Analogamente, nei livelli ambientati a Gotham City, Batman e Robin dovranno vestire diverse tute speciali per superare gli ostacoli più pericolosi: tra le versioni del bat-costume che abbiamo potuto ammirare, possiamo annoverare uno speciale mantello per volare all'interno dello stage e una corrazza protettiva dotata di bombe che potranno venir piazzate e fatte brillare grazie ad un telecomando. Ma ciò che stupisce di più è l'enorme varietà di azioni che gli sviluppatori sono riusciti ad inserire in ogni livello. Si tratta di piccoli enigmi che non si riducono mai alla mera distruzione di tutto ciò che si muove per ottenere preziosi cubetti (e quindi punti): bisognerà utilizzare la testa per sbloccare ogni segreto insito nel titolo.

    Tecnica e atmosfere dark

    LEGO Batman godrà di una storia originale, a differenza dei predecessori che si basavano in massima parte sui film dai quali traevano ispirazione. La presenza del cosiddetto Villain Mode, in tal senso, è una boccata d'aria fresca. Nella sua presentazione, Earl ci ha fatto un esempio molto chiaro: se nel primo livello dovremo liberare Gordon dalle grinfie del Joker, nel medesimo livello vissuto dal nemico di Batman dovremo catturare il commissario di polizia e portarlo nel nostro covo. Una scelta apprezzabile, specie per la possibilità di controllare alcuni dei nemici più famosi del fumetto: Due Facce, l'Enigmista, Freezer. Ognuno di loro, perlopiù, gode di personali mosse e atteggiamenti: Batman, ad esempio, sfodera il suo ju jitsu nel combattimento, afferrando i nemici per la collottola in caso di prese e lanciando Bat-arang per gli avversari più lontani. Joker, invece, usa la propria stretta di mano elettrica per abbattere i poliziotti e spara con un buffo revolver, simile a quello utilizzato da Jack Nicholson nel primo Batman di Tim Burton.
    Earl ha voluto sottolineare come l'ambientazione di Gotham City abbia permesso agli sviluppatori di creare un'atmosfera dark del tutto nuova; in Indiana Jones, ad esempio, l'ingombrante presenza di ambienti desertici limitava molto la possibilità di realizzare effetti grafici di una certa qualità. Nei tre livelli di gioco visti nella presentazione (ognuno dei quali appartenente a un capitolo diverso), abbiamo potuto ammirare in particolare gli effetti di luce realizzati dal team di sviluppo. In "There she goes again", un inseguimento di Catwoman sui tetti di Gotham City, il riflesso dei lampioni sulle pozzanghere d'acqua e sulla superficie degli abiti di Batman e Robin è particolarmente realistico. Allo stesso modo, nei livelli multicolori dedicati al Joker e nelle caverne esplorate da Freezer (il suo capitolo è tutto un programma: "On the rocks") la cura del dettaglio è ammirevole. Earl, a tal proposito, ci ha fatto notare che se guideremo in uno di questi livelli una semplice automobile potremmo saltare in aria con lei, mentre un'auto di polizia - dotata di carrozzeria e vetri anti-proiettile - rappresenterà un riparo certo più sicuro, in grado di respingere i colpi dei nemici. Lasciano invece un po' a desiderare le animazioni dei nemici, a volte legnose e realizzate a scatti; un difetto, unito a un po' di aliasing, che non può inficiare più di tanto la qualità del prodotto.

    LEGO Batman LEGO Batman è un successo praticamente annunciato. Sull’onda dell’entusiasmo lasciata dai predecessori e dal film “Il Cavaliere Oscuro”, il titolo pubblicato da Warner Bros Interactive affronta una scommessa già vinta. L’aggiunta del Villain Mode e la stretta collaborazione tra i personaggi su schermo sono le ciliegine sulla torta di un prodotto che, inutile a dirsi, si rivelerà particolarmente affascinante agli occhi di tutti coloro che amano l’ironia dei LEGO software o l’universo dark creato da DC Comics.

    Che voto dai a: LEGO Batman

    Media Voto Utenti
    Voti: 213
    6.8
    nd