Football Manager 2022: squadra che vince non si cambia, si perfeziona

Poco prima dell'uscita della nuova stagione della storica IP manageriale abbiamo potuto chiacchierare con gli sviluppatori di Football Manager 2022.

Football Manager 2022: squadra che vince non si cambia, si perfeziona
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • Xbox One
  • Switch
  • Xbox Series X
  • Dopo aver provato per diverse ore il nuovo capitolo dello storico manageriale targato Sport Interactive (leggete la nostra anteprima di Football Manager 2022, per saperne di più) abbiamo potuto approfondire, in compagnia degli sviluppatori, le principali novità riguardanti il cosiddetto Match System. Con noi, ovviamente collegati da remoto, c'era sia Nic Madden, Senior Producer che dirige il team al lavoro sul Match System e supervisiona lo sviluppo dell'engine e il miglioramento dell'intelligenza artificiale, sia CJ Ramson, Lead QA Analyst.

    Quest'ultimo lavora a stretto contatto con gli chi si occupa del Match System per ottimizzare l'engine, in modo da garantire che l'esperienza ludica sia la più realistica possibile. Oltre a trascorrere ore e ore a guardare e giocare le partite in Football Manager, Ramson osserva i match di calcio reali tra squadre di tutto il mondo (e a tutti i livelli) allo scopo di raggiungere un alto livello di fedeltà. Ecco cosa ci hanno raccontato.

    Migliorie e difficoltà di sviluppo

    Everyeye.it: Prima di iniziare, una domanda di rito: siete soddisfatti dei risultati raggiunti dalla scorsa edizione?
    Nic Madden: Siamo stati davvero sorpresi dell'accoglienza riservata a FM 21 (recuperate la recensione di Football Manager 2021). I giocatori sono stati entusiasti delle migliorie e delle novità che abbiamo introdotto. Inoltre, siamo rimasti alquanto colpiti da tutto questo fervore maturato attorno al titolo, proprio per la particolare situazione che abbiamo tutti vissuto l'anno scorso.

    Un momento molto difficile, che però non ci ha impedito di tirar fuori il meglio dal nostro lavoro. E, lo ripeto, l'accoglienza del pubblico ce l'ha dimostrato. Inoltre, nel 2020 abbiamo dialogato come non mai con la community, e questo ci ha permesso di apportare quei perfezionamenti che in molti chiedevano. Il nostro lavoro comunque non è ancora finito: c'è ancora così tanto da fare. Football Manager 2022, del resto, ne è la prova.

    Everyeye.it: Quanto il Covid ha sconvolto lo sviluppo di Football Manager 22? Avete avuto ancora difficoltà nel flusso di lavoro o siete riusciti ad accelerare strada facendo?
    CJ Ramson: Di sicuro, FM 2021 è stato influenzato dalla pandemia più di quanto sia accaduto all'edizione di quest'anno. Con il lockdown, nel 2021 abbiamo lavorato molto più da casa rispetto agli scorsi mesi, durante i quali - almeno in parte - siamo tornati in ufficio, in una sorta di mix di smart working e lavoro in presenza.

    Tutt'oggi ci manca però quella atmosfera "collaborativa e creativa" che si respirava in ufficio. Per riassumere, possiamo dire che sviluppare FM 22 è stato in qualche modo sicuramente più "semplice" rispetto all'edizione precedente. Con FM 21 il grosso del lavoro è stato quello di imparare a interfacciarsi con gli altri da remoto. Per fortuna, nello sviluppo dei videogiochi è possibile testare e realizzare un'opera comodamente da casa.

    Nic Madden: Il nostro "reparto", ovvero il team che si occupa del Match System, era già abituato a lavorare da remoto e in un ambiente virtuale. Quindi possiamo dire che la transizione, per noi, è stata tutt'altro che difficile. Certo, abbiamo dovuto imparare a fare molte cose. CJ ha toccato un punto davvero molto importante. Anzi, fondamentale. La creatività è stata molto più ardua da innescare, lavorando da remoto. Perché essere creativi è difficilissimo se non ci si trova fisicamente in gruppo, nella stessa stanza.

    Certo, il metodo di lavoro ibrido che abbiamo trovato per l'edizione di quest'anno ci ha aiutato comunque parecchio sia dal punto di vista dell'ideazione sia sul fronte del miglioramento delle feature ludiche. Come diceva CJ lavorare da casa ci ha permesso di testare molto più a lungo ciò che volevamo implementare.

    Everyeye.it: Potete dirci come siete entrati a far parte della squadra e quanto sia stata fondamentale la vostra passione per lavorare per un'IP storica e così imponente come Football Manager?

    CJ Ramson: Io e Nic abbiamo un background piuttosto simile ma allo stesso tempo abbastanza diverso. Io ho iniziato da piccolo ovviamente giocando a calcio, poi sono passato all'allenamento, e successivamente ho cominciato ad analizzare i dati delle partite. Questo è un aspetto che mi ha sempre appassionato. Guardo le partite di tutto il mondo, raccolgo e controllo i dati, li elaboro. Inoltre sempre stato un grande appassionato della serie di Football Manager, sin dal primo episodio. Questa mia esperienza nell'analisi mi ha alla fine portato a entrare nel team di sviluppo, ed è stata una delle gioie più grandi poter coniugare la mia passione con il mio lavoro.

    Nic Madden: Similmente a CJ, ero prima di tutto un grandissimo fan del gioco sin da quando ero bambino. Diciamo che io e CJ arriviamo dallo stesso percorso. Questo è il sesto anno, nel team, e il primo come Senior Producer. Sono davvero orgoglioso di far parte di questo gruppo, di averne visto l'espansione e la crescita, di lavorare al fianco di vere e proprie leggende che sono in ufficio dal primo giorno, che hanno fondato Sport Interactive come Paul Collyer.

    Le novità di Football Manager 2022

    Everyeye.it: Match AI in FM22 ha compiuto un altro notevole passo avanti con una serie di aggiornamenti che lo rendono il più avanzato nella storia del brand. Potete parlarci dei miglioramenti? E quanto tempo avete impiegato per implementare simili novità?

    Nic Madden: Come hai premesso, l'Animation Engine è una delle novità più imponenti di Football Manager 22. Possiamo dire che questo rappresenta la fondazione del nostro futuro. Nell'edizione del 2022, l'Animation System non è più slegato rispetto a ciò che compie l'intelligenza artificiale. Del resto stiamo parlando di un engine unico, che dialoga con le sue molteplici anime.

    Ciò si traduce in animazioni migliori e più fluide, in tocchi e rimbalzi più intelligenti e soprattutto più realistici, in migliori decisioni da parte dei giocatori. In aggiunta, il tutto rende la resa visiva quanto più realistica possibile, supportata da un inedito sistema di pressing e dribbling. Questi update ci rendono particolarmente orgogliosi, perché da ora in avanti cambierà per sempre il modo in cui guarderete le partite nel gioco. Davvero, è incredibile il lavoro svolto dal team quest'anno.

    Everyeye.it: Che difficoltà avete avuto nell'inserire le nuove funzionalità nella struttura esistente?
    CJ Ramson: Il mio ruolo, all'interno del team di animazione, è appunto quello di testare il modo in cui funzionano e reagiscono le nuove feature del gioco. Io e i miei compagni dobbiamo assicurarci che le nuove caratteristiche si incastrino a dovere all'interno della "vecchia" struttura, senza che tutto si rompa.

    Come saprete, la serie esiste da moltissimo tempo, così come il Match System, e ovviamente il modo di intendere il calcio, oltre che il videogioco, è cambiato tantissimo negli anni. Ecco perché la difficoltà per noi è sempre quella di aggiornare il sistema preesistente senza però demolirlo del tutto, per non far crollare tutta la struttura. Non nascondo che il lavoro è stato davvero tanto, soprattutto quest'anno, però devo dire che non abbiamo avuto grosse difficoltà nel plasmare ciò che i videogiocatori potranno vedere tra qualche giorno.

    Everyeye.it: Solo un'ultima domanda: cosa possono aspettarsi i fan per il futuro?
    Nic Madden: Stai cercando di scucirci informazioni su Football Manager 23? A parte gli scherzi, come dicevamo prima, questo episodio rappresenta la fondazione tra ciò che potremmo considerare il "vecchio" sistema e ciò che verrà nel prossimo futuro.

    Con l'edizione di quest'anno abbiamo solo gettato le basi di ciò che arriverà. Ogni volta, in ogni edizione, noi cerchiamo di evolverci, anche un pezzettino alla volta, come probabilmente i videogiocatori avranno visto sin da FM 21. In quell'occasione abbiamo potuto migliorare il mercato, la gestione dei dati, la parte relative ai rapporti con la stampa guidata dall'IA.

    Inoltre, mi preme ricordare che tutto questo processo di perfezionamento non sarebbe possibile senza il feedback della community. Il nostro lavoro si basa proprio sulle opinioni che arrivano dagli utenti. Quanto suggeriscono gli appassionati può persino rappresentare un percorso capace di guidarci in una direzione diversa rispetto a quella che avevamo ipotizzato all'inizio. Spesso ci chiediamo: il nostro prodotto è completo? Cosa ne pensa la community? Qual è il feedback? Cosa manca per migliorarlo davvero? Cosa gli appassionati vogliono che sia perfezionato? Quindi, per riassumere, molto dipende da ciò che la community ci dice e noi ascoltiamo sempre con grande attenzione.

    Che voto dai a: Football Manager 2022

    Media Voto Utenti
    Voti: 3
    7.3
    nd