Esport

Fordzilla: Ford, il gaming e l'eSport, ne parliamo con Emmanuel Lubrani

Abbiamo avuto il piacere di scambiare due chiacchiere con Emmanuel Lubrani, senior manager content production and brand communications di Ford of Europe.

intervista Fordzilla: Ford, il gaming e l'eSport, ne parliamo con Emmanuel Lubrani
Articolo a cura di

Nel corso dei mesi abbiamo parlato molto dell'ambizioso progetto eSports di Ford in ambito esport e per il gaming in generale. Abbiamo potuto assistere alla nascita della prima racing car virtuale progettata dalla community e alla nascita del Team Fordzilla; abbiamo intervistato il capitano Kurolily, a capo della squadra italiana, scoprendo come è nato il progetto e qualche curiosità interessante.

Infine, assieme al pro player Enzo Canta abbiamo esplorato la genesi e le caratteristiche di iRacing, uno dei sim racing game più famosi al mondo, in cui competono anche i ragazzi di Ford. Non potevamo, infine, non dare la parola a colui che coordina il progetto dell'Ovale Blu: Emmanuel Lubrani. Ecco cosa ci ha raccontato.

Ford, il gaming e l'esport: Emmanuel Lubrani racconta Fordzilla

Emmanuel, prima di iniziare, vuoi presentarti brevemente ai nostri lettori?
Sono Emmanuel Lubrani. Sono francese ma vivo a Londra, dove lavoro come senior manager per il team communication e public affairs di Ford Europe per la produzione di contenuti e il brand communication. Sono stato coinvolto nella scommessa di Ford di puntare al gaming sin dal 2017 e attualmente gestisco il programma del Team Fordzilla.

Come (e quando) Ford ha deciso di scommettere sul gaming e sugli esport?
Il primo coinvolgimento di Ford nel gaming qui in Europa risale al 2015, quando abbiamo collaborato con Microsoft per organizzare una gara con una Ford Focus RS che è stata presentata alla vigilia della Gamescom. L'anno successivo, nel 2016, abbiamo stabilito un Guinness World Record per la "longest video marathon on a racing game" utilizzando una Ford GT per 48 ore, 29 minuti e 21 secondi.

Nel 2017 abbiamo deciso di essere presenti alla Gamescom e siamo diventati la prima casa automobilistica presente con uno stand. Alla Gamescom 2018, abbiamo presentato un simulatore di gioco 4D che ha supportato il debutto del Ranger Raptor in Europa, il primo veicolo in assoluto lanciato grazie a una convention. Infine, nel 2019, Ford ha inaugurato il suo primo team di esport in assoluto, il Team Fordzilla.

Ford ha deciso di avvicinarti al mondo del gaming con un metodo molto particolare: coinvolgere i fan e partecipare a convention come la Gamescom. Pensi che questo metodo abbia avuto successo? Sei soddisfatto della reazione dei fan?
Sì. Non abbiamo mai voluto investire denaro solo per mostrare il nostro logo a una fiera o in un gioco. Per noi è sempre stato di fondamentale importanza entrare a far parte della community e interagire con i giocatori in modo autentico e genuino. La reazione che abbiamo avuto finora è stata estremamente positiva e le persone ci danno davvero il merito di questo approccio.

Sei soddisfatto degli attuali driver virtuali Fordzilla?
Il lancio del nostro programma di esport nel 2019 è stato un grande passo per noi. Abbiamo deciso di avere squadre in cinque paesi europei (Germania, Italia, Spagna, Francia e Regno Unito in ordine cronologico). E siamo ancora molto giovani poiché la nostra ultima squadra nel Regno Unito è stata lanciata solo a dicembre 2019, quindi un anno fa. Nel nostro primo anno si è trattato di reclutare piloti virtuali e conoscere la scena esport dei sim racing. Siamo soddisfatti dei nostri progressi fatti finora.

Quanto ha influito la situazione Covid sui piani dell'azienda?
Come per tutti, il Covid ha stravolto i piani poiché era nostra intenzione organizzare molti eventi nei nostri cinque mercati per reclutare piloti e rafforzare il nostro brand. Quindi abbiamo dovuto fare affidamento al 100% sull'esperienza online.

Guardando come le vite sono state influenzate dal virus, siamo stati davvero in una posizione fortunata poiché il disagio per noi è stato in qualche modo trascurabile rispetto ad altri settori o industrie.

Hai notato una crescita negli spettatori per quanto riguarda i contenuti di gioco ed esport durante i vari lockdown?
È davvero difficile da dire poiché non abbiamo alcun riferimento con gli anni precedenti, ma una cosa è che alcuni giochi hanno tratto sicuramente beneficio dai lockdown e si spera che abbiano svolto un ruolo positivo nel mantenere le persone distratte e intrattenute a sufficienza, oltre che connesse durante questi momenti estremamente difficili.

Come pensi che possano crescere gli esport nei prossimi mesi? Se gli eventi live riprendessero, potremmo pensare a futuri tornei realizzati direttamente da Ford? Penso ad esempio a una "Forzilla Cup" live, col pubblico.
È davvero presto per rispondere a questa domanda in questa fase, ma sì, la nostra speranza è di poter tornare agli eventi live a un certo punto il prossimo anno. E sì, stiamo pensando a una Fordzilla Cup che potrebbe essere un ibrido tra eventi online e offline, ma ancora una volta è un po' troppo presto per fornirti dettagli!

Puoi spiegarci chi sono i piloti delle "future star" e qual è la differenza tra i piloti Gold, Elite e Club?
Dopo aver reclutato piloti in eventi live come Gamescom, Milan Games Week, Madrid Games Week, abbiamo lavorato con i capitani delle nostre squadre per completare le squadre in ogni paese. Abbiamo circa 45 "piloti" al momento, alcuni lavorano, altri sono studenti, etc. Questi sono appassionati di Sim Racing e sono più o meno attivi nelle competizioni online, sono il nostro Livello Club.

Il successivo è il livello Gold, ovvero ragazzi che stanno dedicando molte ore ad allenarsi e gareggiare ad altissimo livello, vincendo importanti campionati. E poi abbiamo i nostri piloti Elite, i professionisti che sono tra i migliori al mondo nella loro specialità. Le nostre Future Stars sono i ragazzi della nostra "accademia", sono super talentuosi e mostrano capacità impressionanti. Sono la prossima generazione di stelle del Team Fordzilla!

Quanto può aiutare il gaming a migliorare le abilità dei veri piloti? Soprattutto: i sim driver Fordzilla potranno aspirare ad entrare a far parte della vera squadra, magari in futuro?
Il mondo virtuale e quello reale ora si stanno sempre più fondendo. Non posso parlare molto dei piloti reali, perché non me ne occupo, ma l'accuratezza dei sim racing game ha raggiunto livelli sorprendenti; basti pensare al degrado delle gomme, consumo di carburante, impostazioni della macchina, strategia di gara... Il livello è semplicemente strabiliante! Sono abbastanza sicuro che tutti i nostri piloti del Team Fordzilla siano anche ottimi e abili piloti della vita reale e alcuni di loro competono effettivamente nelle gare locali!

Che rapporto hai con i tuoi piloti virtuali, come li supporti, come decidi a quali gare partecipano e cosa significa essere un pilota Fordzilla?
Come accennato in precedenza, abbiamo i capitani delle squadre nei nostri cinque paesi e sono loro che gestiscono il rapporto con i piloti e il nostro coordinatore generale del team. Il dialogo con loro è aperto e frequente.

Il più delle volte decidono in quale evento locale vogliono competere, tuttavia quando si tratta di grandi gare o campionati di esport europei o globali, è compito dei capitani selezionare i migliori talenti della squadra.

Il progetto P1 è stato un grande successo. Quale sarà il futuro della racing car virtuale? Dove la vedremo?
Stiamo progredendo molto bene su quel fronte ma purtroppo non posso dirvi molto di più in questa fase rispetto a quanto abbiamo già annunciato: questa vettura sarà disponibile in un gioco nel 2021. Aspettatevi di saperne di più entro la fine dell'anno!

Qualche altro progetto per il futuro? Espandersi in nuovi mercati (in USA / Asia) nuove squadre e così via...
Abbiamo ovviamente in mente alcuni sviluppi, per il prossimo anno e oltre i quali, ancora una volta, non posso davvero parlare in quanto sono ancora in corso. Siamo stati contattati da alcuni colleghi nei mercati al di fuori dell'Europa che erano interessati al Team Fordzilla, quindi stiamo lavorando a un processo che consenta loro di replicare ciò che stiamo facendo qui per assicurarci che lo spirito del Team Fordzilla rimanga intatto!

Ringraziamo Emmanuel per averci concesso il suo tempo.