Achilles Legends Untold: un action rpg soulslike di stampo mitologico

Achilles Legends Untold vuole proporsi come un Action RPG Soulslike di proporzioni mitiche, ma ci sono fin troppi punti di domanda.

Achilles Legends Untold
Anteprima: Multi
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • L'incrocio tra l'Iliade e Diablo nel formato di Achilles: Legends Untold, con un pizzico di Titan Quest, ha finalmente esordito su Steam dopo anni di lavoro da parte del team polacco Dark Point Games. Nel febbraio 2022 abbiamo analizzato la campagna di Achilles Legends Untold grazie all'Open Beta, la quale ci ha dato delle impressioni non propriamente positive. L'approdo in Early Access su PC è riuscito a ribaltare le prime opinioni, offrendoci una panoramica più completa sugli aspetti fondanti della produzione?

    In vista del lancio ufficiale nel primo trimestre del 2023, gli sviluppatori prevedono, durante l'accesso anticipato, una modalità Storia composta da un prologo e dal primo capitolo (sono 5 quelli in fase di scrittura, con due finali diversi), accompagnata da quest secondarie e dungeon generati proceduralmente. Nei sotterranei è possibile inoltre giocare in co-op per un massimo di due giocatori. Al netto delle premesse, quello di Achilles è un pacchetto ludico tanto mitico quanto l'ambientazione che fa da sfondo alla produzione?

    Una narrazione non proprio mitica

    La leggenda di Achille viene rivisitata: nel pieno dell'assalto alla città di Troia, dopo avere avuto la meglio su Ettore, l'eroe si accinge a sfidare in duello Paride, l'amante di Elena. In questa battaglia infuocata a perire sarà proprio il Pelide che,all'improvviso, si trova nel Tartaro al cospetto di Ade. Il signore dell'oltretomba stima la spigliatezza e le capacità del guerriero, tanto che gli offre un accordo per rispedirlo in superficie. Così facendo, Achille può ritornare nel suo corpo umano per soddisfare la sua sete di vendetta, mentre Ade ottiene uno strumento sovrumano pronto a eseguire ogni suo ordine. Una condizione vantaggiosa per ambo le parti, impossibile da rifiutare.

    La vicenda ci porta innanzitutto dal dio Efesto, con il quale il redivivo eroe escogita un piano avvincente: ristabilire il collegamento tra la Grecia e il mondo sotterraneo affinché le anime rinchiuse nel Tartaro possano tornare nelle loro case. La fantasiosa aggiunta al mito dell'Iliade viene purtroppo presentata con dialoghi tutt'altro che intriganti. Ovviamente non ci aspettiamo certo una sceneggiatura epica quanto i versi di Omero ma resta comunque necessario rifinire buona parte della scrittura per raggiungere un livello quantomeno sufficiente. Dal momento che sono previsti la ben cinque capitoli, siamo speranzosi che la storia conosca un progressivo e significativo miglioramento.

    Combat system e animazioni da perfezionare

    La natura indipendente della produzione si manifesta con forza nelle animazioni dei personaggi e nel sistema di combattimento. Da Achille agli scheletri, passando per le numerose creature fantastiche che dovremo affrontare, si palesa un'evidente carenza di cura nella resa dei modelli e nei loro movimenti, spesso eccessivamente rigidi.

    Avremmo volentieri chiuso un occhio se simili spigoli fossero stati compensati da un'intelaiatura ludica più solida. E invece il combat system ci è parso piuttosto banale nell'esecuzione, composto da attacchi leggeri e pesanti, concatenabili in combo, ai quali si affiancano le classiche schivate e parate. A volte sembra che Achille agiti la lama in aria, il che crea una sorta di dissonanza con gli effetti a schermo, dato che ogni nemico - compresi i boss - pare subire il colpo fin troppo duramente. In aggiunta, le parate non bloccheranno integralmente gli assalti avversari, bensì ridurranno la nostra stamina e intaccheranno la salute: questo approccio punitivo si rivelerà abbastanza fastidioso contro gli arcieri, spesso proposti in gruppo e pertanto particolarmente insidiosi. Nota abbastanza positiva invece per l'intelligenza artificiale : capita spesso infatti di incontrare un singolo nemico che, in evidente inferiorità, corre ai ripari verso un gruppo di simili, con i quali formerà una resistenza più compatta pericolosa.

    I boss rappresentano alla stessa maniera una sfida non indifferente: a volte, specialmente nelle fasi iniziali, alcuni presenteranno pattern elementari, e la difficoltà sarà dovuta principalmente all'interminabile barra della vita in loro possesso, ma proseguendo nell'avventura ci troveremo dinanzi contendenti mastodontici e più elaborati, senza dubbio maggiormente piacevoli da affrontare.

    L'ispirazione da capisaldi del genere

    Achilles: Legends Untold non nasconde l'ispirazione a Diablo e Dark Souls . In quanto action RPG di stampo souls-like, determinate meccaniche vengono recuperate dai titoli di riferimento, tra cui non manca la presenza di santuari dove riposare e accedere alla struttura dello skill tree a forma di costellazione. In questo modo potremo ottenere bonus per le statistiche base dell'eroe (Vitalità, Forza, Resilienza, Precisione, Ira e Fortuna) e abilità speciali, come affondi dopo una rotolata, o una sorta di drenaggio per risucchiare forza vitale a distanza sicura da ignari nemici.

    Ogni stella che compone la costellazione potrà essere accesa spendendo Fato, risorsa presa dai corpi esanimi dei caduti, la cui spesa crescerà quasi esponenzialmente man mano che sbloccheremo nuovi rami.

    Ad assisterci ulteriormente durante le nostre peregrinazioni saranno le risorse ottenibili sconfiggendo gli avversari: nelle sacche dorate si trovano numerose fiale curative - forse anche troppe per un titolo di questo genere - piante che ci garantiranno danni oscuri, di sanguinamento, la cura da effetti come l'avvelenamento e buff aggiuntivi, oltre a giare contenenti Fato in quantità più o meno abbondanti. Al netto di alcuni spigoli, avventurarsi per il mondo di Achilles resta comunque gradevole se non altro per la realizzazione dell'ambientazione. I luoghi esplorabili sono caratterizzati a dovere e piuttosto carichi di personalità. Peccato solo per l'assenza di una esplorazione più libera, che ci avrebbe invogliato a immergerci ancora di più nel reame di Legends Untold.

    Quanti problemi tecnici...

    Allo stato attuale, sono i problemi di natura tecnica a inficiare ulteriormente la piacevolezza dell'esperienza. Il sistema di blocco della visuale sul nemico non funziona affatto bene, ignorando a tratti i bersagli a distanza e in alcune occasioni non selezionando nessun target.

    O ancora, in circostanze non specificate diventerà impossibile interagire con casse e personaggi, senza contare l'impossibilità di accedere ad altre aree e la presenza di un consistente lag durante gli scontri. Insomma, Achilles: Legends Untold è in uno stato ancora abbastanza acerbo: il potenziale c'è ma le carenze da limare sono piuttosto evidenti.

    Achilles: Legends Untold Achilles: Legends Untold potrebbe non essere destinato al dimenticatoio, nonostante un esordio in early access poco entusiasmante: le basi ci sono, specialmente nell’ambientazione e nel comparto artistico. Si potrebbe dire che persino le fondamenta narrative risultino intriganti, benché non emergano di certo nella fase ad accesso anticipato. In linea generale, tuttavia, al momento Achilles ha ancora tanto, troppo da dimostrare e sistemare prima che il gioco sia all'altezza della leggenda del suo protagonista.

    CONFIGURAZIONE PC DI PROVA

    • CPU: AMD Ryzen 5 5600X
    • RAM: 16GB
    • GPU: NVIDIA GeForce RTX 3070

    Che voto dai a: Achilles: Legends Untold

    Media Voto Utenti
    Voti: 6
    4.2
    nd