E3 2019

Apex Legends: Stagione 2 al via a luglio, tutte le novità

Electronic Arts approfitta dell'evento EA Play per svelare tutti i dettagli sull'imminente Stagione 2 di Apex Legends.

Apex Legends Stagione 2
Anteprima: PC
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • Dopo una partenza esplosiva il Battle Royale firmato Respawn Entertainment ha subito una fisiologica battuta d'arresto, ma nonostante il calo di giocatori resta un prodotto decisamente frequentato e sempre seguitissimo su Twitch. È naturale quindi che il team di sviluppo voglia supportarlo a dovere, e che EA gli abbia concesso un posto in prima fila durante il suo evento streaming, collocandolo subito dopo la presentazione del Gameplay di Star Wars: Jedi Fallen Order. Nella mezz'ora di presentazione sono state ufficializzate diverse novità: gli annunci che più ci hanno colpito, paradossalmente, non sono quelli legati ai nuovi contenuti, bensì quelli inerenti le modifiche strutturali della progressione e del battle pass.

    Le novità della Stagione 2

    Respawn conferma in primis l'arrivo di un sistema di ranking, che suddividerà i giocatori in sedici gradi d'abilità. Un'aggiunta che non esitiamo a definire fondamentale, in grado di rendere le partite più stimolanti e bilanciate, sia per chi si affaccia sui server per la prima volta che per i più competitivi, alla ricerca di una sfida serrata e impegnativa. Persino in ottica eSport la possibilità di salire in graduatoria, cominciando con il grado "Bronzo" per arrivare a quello di "Predatore Apex", potrebbe smuovere un po' la situazione, mentre le ricompense esclusive alla fine di ogni stagione saranno uno stimolo importante per dare il meglio.

    Ben mirate anche le revisioni del Battle Pass, che introdurrà una serie di sfide settimanali sul modello di Fortnite, rendendo più morbida la scalata dei 100 livelli stagionali. Respawn Entertainment smussa quindi gli spigoli di un grinding un po' ossessivo, per proporre un'esperienza più gratificante.
    Con l'arrivo della Stagione 2 di Apex Legends, "titolata" ufficialmente Battle Charge e pronta a debuttare il 2 luglio, spunteranno ovviamente nuove skin per personaggi e armi, caratterizzate da uno stile infernale e demoniaco. Sul fronte dei contenuti in-game troviamo invece la nuova arma L-Star: un fucile che il team stesso definisce "palesemente OP". Il caricatore esteso e l'elevata efficacia dei colpi energetici la rendono perfetta per nuclearizzare intere squadre avversarie; la contropartita è rappresentata ovviamente dal fatto che la L-Star potrà essere recuperata soltanto all'interno dei Care Package, e sfrutterà di conseguenza munizioni specifiche, la cui riserva non potrà essere rimpinguata raccogliendo i proiettili disseminati sul campo di battaglia. Durante le brevi partite organizzate all'EA Play non è stato possibile provare con mano questo nuovo gioiellino, che speriamo non abbia effetti dirompenti sul bilanciamento.

    La vera protagonista della nuova season, in ogni caso, sarà Wattson, la decima leggenda giocabile. Si tratta di una guerriera dotata di skill decisamente atipiche, che potrebbe vivacizzare il meta attuale e incrementare la varietà di soluzioni tattiche a disposizione dei team. Wattson è il primo personaggio con skill esplicitamente difensive, capace di piazzare delle barriere elettriche che stordiscono gli avversari e li rendono un facile bersaglio per i compagni di squadra.

    Per sfruttare al meglio questa abilità è ovviamente richiesta una conoscenza molto precisa della mappa di gioco e della conformazione delle aree più calde. Resta vero, inoltre, che Wattson riuscirà ad esprimere il suo massimo potenziale nelle fasi avanzate della partita, se non proprio durante l'assedio finale, quando sarà possibile usare le sue trappole per barricarsi in una zona sicura, ostacolando le incursioni dei nemici. Per questi motivi la nuova arrivata sembra essere una Leggenda adatta agli utenti più scafati, con una buona consapevolezza delle meccaniche di gioco e capaci di resistere fino al termine delle partite.

    Alla stessa logica risponde la Ultimate, una sorta di bobina elettrica che intercetta e neutralizza i bombardamenti aerei e le granate. Come abbondantemente ribadito dal team questa skill sembra pensata per funzionare in combinazione con gli amplificatori ultimate, che permetteranno di posizionare più marchingegni in sequenza, disinnescando gli entusiasmi (e le "ulti") degli avversari più determinati.

    In generale Wattson non sarà un personaggio adatto a tutti i tipi di approccio, scartato a priori da chi preferisce la mobilità alla stanzialità; ed è proprio per la sua capacità di distinguersi da tutti gli altri protagonisti di Apex Legends che la "new entry" si configura come un'aggiunta intrigante. Il team di sviluppo, fra le altre cose, è stato saggio a lanciare il suo prodotto con un numero di leggende tutt'altro che esagerato: visto che gli archetipi attualmente disponibili non sono molti, ogni personaggio aggiuntivo rende le partite potenzialmente più movimentate e cattura immediatamente la curiosità dei giocatori. Diversamente da quanto accaduto ad altri "hero shooter" (e pensiamo ad esempio al pargolo di Blizzard, Overwatch), Respawn sembra aver pensato anche alla sostenibilità del supporto post lancio.

    A corollario di questa strategia particolarmente virtuosa è arrivata una piccola sorpresa proprio alla fine della presentazione: un fotogramma che ha messo in mostra l'occhio titanico di un enorme bestione; una creatura che ben presto potrebbe manifestarsi sulla mappa di gioco, diventando magari protagonista della modalità inedita che sta per fare la sua comparsa. Se siete curiosi di scoprire di cosa si tratta, restate su queste pagine.

    Che voto dai a: Apex Legends

    Media Voto Utenti
    Voti: 172
    7.6
    nd