Summer Games

As Dusk Falls: un viaggio intenso su Xbox Game Pass

Durante il Tribeca Games Festival, abbiamo provato una lunga demo di As Dusk Falls, avventura interattiva in arrivo su PC, Xbox Series X e Game Pass.

As Dusk Falls: un viaggio intenso su Xbox Game Pass
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • Xbox Series X
  • Dopo avervi raccontato la nostra esperienza con il prossimo gioco di Sam Barlow in un provato di Immortality, prosegue il viaggio di Everyeye tra la selezione di titoli proposta dal Tribeca Games Festival 2022. Grazie alla cornice offerta dall'evento estivo, ci siamo infatti immersi in una ricca demo di As Dusk Falls, avventura interattiva in uscita a luglio in esclusiva su ecosistema Microsoft.

    Dopo aver trascorso circa 60 minuti tra le strade dell'Arizona, siamo rimasti colpiti dalla potenza narrativa dimostrata dall'incipit confezionato dal team di Interior/Night. Terminato il primo capitolo di As Dusk Falls, abbiamo diversi ottimi motivi per attendere la pubblicazione di questa nuova esclusiva verdecrociata: se siete curiosi di scoprirli, unitevi a noi sulla Route 66!

    Due famiglie, un solo destino

    La demo proposta dal Tribeca Games Festival ci ha concesso di testare il capitolo iniziale di As Dusk Falls, ambientato nel 1998, e di fare la conoscenza dei due protagonisti dell'avventura. Il nostro primo incontro è con Vince, un uomo di mezza età, sposato e con una bimba di circa 6 anni, Zoe. La sua famiglia si trova nel bel mezzo di un trasloco in direzione di Saint Louis.

    Oltre a Vince, la moglie Michelle e la piccola Zoe, il nostro SUV rosso scarlatto ospita a bordo l'anziano padre del protagonista, un uomo dalla parlantina sciolta e dal tatto discutibile. Dalle conversazioni che si alternano nell'abitacolo, capiamo che il trasferimento dell'intera famiglia ha le sue radici in un non meglio precisato incidente occorso sul posto di lavoro di Vince. Non è chiaro cosa sia accaduto, ma è palese che l'uomo sia in cerca di nuovo inizio.

    Un desiderio che viene però interrotto dall'incontro/scontro con il secondo protagonista di As Dusk Falls: il giovane Jay. Come nella migliore delle grandi storie di viaggio americane, i due destini si intrecciano sulla Route 66, ma nella forma di un incidente d'auto. Mentre la famiglia di Vince si dirige in Missouri, il pick-up guidato dai fratelli maggiori di Jay ne invade infatti la corsia, mandandolo fuori strada. Nulla di troppo grave, ma il SUV rosso è ora completamente fuori uso, mentre il più fortunato camioncino sfreccia verso l'orizzonte tra le risate di scherno dei suoi passeggeri.

    Questo primo intrecciarsi di sentieri di certo non promette bene, ma le cose sono purtroppo destinate a peggiorare ulteriormente. Senza scendere in troppi dettagli - vista la natura prettamente narrativa dell'esperienza - basti sapere che nel giro di poco tempo, il giovane Jay si ritroverà coinvolto suo malgrado in un furto nella casa dello sceriffo della piccola cittadina di Two Rock. Uno dei fratelli maggiori ha un conto personale in sospeso con l'uomo, mentre la famiglia dei ragazzi sembra navigare in cattive acque: l'intrecciarsi di queste circostanze ha finito per condurre i giovani sulle tracce di una cassaforte straripante di dollari. Quando tutto precipita, Jay, Dave e Tyler sono però costretti a darsi rapidamente alla fuga.

    Nel tentativo di sfuggire alla polizia, il trio si ritroverà a fare tappa in un motel, dove, neanche a dirlo, ha trovato alloggio anche la famiglia di Vince. Con l'auto fuori uso in seguito all'incidente, i genitori e il nonno di Zoe hanno infatti deciso di affittare un paio di stanze per trascorrere la notte. Nel bel mezzo del deserto dell'Arizona, l'ingresso della pensione si trasforma in una scacchiera, lungo la quale i giocatori dovranno muoversi con cautela, nel tentativo di non far precipitare la situazione.

    Infinite ramificazioni

    Sino a qui, abbiamo illustrato - molto sinteticamente - le premesse alla base del canovaccio narrativo di As Dusk Falls, ma è bene precisare che al cuore di questa

    avventura interattiva si cela molto di più, con una trama pronta a svilupparsi nell'arco di ben tre decenni. Nel corso della nostra ora di gioco, il titolo di Interior/Night ci ha posto di fronte ad un numero di scelte davvero elevato, il cui sommarsi ci ha dato la concreta impressione di poter generare un "effetto farfalla" dalle ali molto ampie. Più volte, i comprimari si sono rivolti a Vince o a Jay con riferimenti puntuali alle azioni che avevamo attuato in precedenza, con una coerenza che ci ha francamente sorpreso. As Dusk Falls ci ha poi proposto veri e propri bivi, in grado di mutare in maniera marcata l'evoluzione della trama. In questi casi, il titolo segnala l'importanza del momento, con il giocatore che può prendersi tutto il tempo necessario per effettuare la sua scelta. Ma badate a non abituarvi a questo lusso, perché nella maggior parte dei casi il tempo sarà il vostro principale avversario, con maligni conti alla rovescia a incombere a schermo.

    Ovviamente, questo primo assaggio di As Dusk Falls non ci permette di avere una panoramica completa di quella che sarà la qualità della narrazione proposta dal gioco, ma sin da ora possiamo confermare che ci troviamo di fronte ad un'avventura interattiva molto promettente. Al termine del primo capitolo, abbiamo potuto osservare un riepilogo delle nostre scelte, rappresentate in un articolato diagramma che ci ha ricordato non poco la soluzione adottata nel medesimo contesto da Detroit: Become Human (per maggiori dettagli, potete fare un salto alla recensione di Detroit: Become Human disponibile sulle nostre pagine). Non è forse un caso, in effetti, che alla guida dello sviluppo di As Dusk Falls vi sia Caroline Marchal, ex Lead Game Designer con trascorsi proprio in Quantic Dream.

    Nell'osservare le conseguenze delle proprie scelte, si ha la possibilità di scoprire quante ramificazioni alternative sono contemplate dal gioco, oltre che la rassegna precisa delle situazioni dalle quali queste ultime possono generarsi. La partita può essere riavviata da un ampio numero di momenti già vissuti, per esplorare in libertà l'universo di As Dusk Falls, senza per questo dover ricominciare un capitolo - o peggio l'intero gioco - dall'inizio. Una funzionalità che può essere fruita sia in modalità "Esplorazione", dunque senza riscrivere il salvataggio, sia in modalità Storia, con effetti invece permanenti. Dedicando gli ultimi minuti della demo ai what if, abbiamo scovato con piacere un'ampia serie di strade alternative. Purtroppo, per ragioni di tempo, non abbiamo potuto realizzare indagini e test troppo approfonditi, ma a primo acchito As Dusk Falls ci sembra possedere un ottimo potenziale narrativo.

    Cala il tramonto

    All'interno della demo, abbiamo potuto testare anche il doppiaggio italiano del gioco, che ci è parso di buona qualità. Le interpretazioni degli attori restituiscono credibilità e spessore ai personaggi, animati con uno stile estetico minimale ma

    efficace. Le performance recitative sono infatti tradotte a schermo con uno stile quasi pittorico, con transizioni che ricordano quelle di una visual novel. Una forma ibrida che fonde cinema e graphic novel, che a primo impatto può risultare straniante, ma che dopo pochi minuti sa farsi apprezzare, grazie in particolare ad una gamma di emozioni che riesce a trovare adeguata rappresentazione sui volti dei protagonisti. Un dettaglio importante, dato che la storia raccontata da As Dusk Falls non è affatto caratterizzata da toni leggeri. Sia Vince sia Jay sembrano essere rimasti impantanati in vite sulle quali non hanno più controllo e sulle quali incombono le ombre delle decisioni di chi sta loro attorno. Conflitti famigliari, trascorsi in riformatorio, emozioni represse e un futuro incerto esercitano un peso opprimente sui cuori dei protagonisti. Un peso che si riflette nelle scelte che il giocatore è chiamato ad affrontare. Nella nostra esperienza possiamo infatti confermare che i dilemmi morali non mancano affatto: una circostanza che ci porta ad accogliere con particolare piacere l'idea di poter fruire del gioco anche in compagnia.

    Con il trailer di As Dusk Falls presentato all'Xbox + Bethesda Showcase è infatti stato confermato il supporto ad una modalità cooperativa. In maniera simile a quanto proposta da altre avventure interattive (a tal proposito potete consultare il nostro speciale su Erica), i giocatori potranno interagire con il titolo tramite un'applicazione dedicata. Con l'App di As Dusk Falls, nello specifico, sino a 8 giocatori potranno esprimere le proprie preferenze relative all'evoluzione della trama, online, in locale e anche in una forma ibrida. Al momento, non è chiaro come saranno gestite le divergenze di opinione tra i giocatori, né come sarà regolata l'esecuzione delle sequenze a base di Quick Time Event. In attesa di saperne di più, ad ogni modo, As Dusk Falls si candida a rappresentare un ottimo intrattenimento narrativo per un affiatato gruppo di amici.

    As Dusk Falls As Dusk Falls promette di raccontare una storia coinvolgente ed emozionante, costellata di scelte difficili e svolte inaspettate. Questo primo contatto con l'avventura interattiva di Interior/Night ci ha sorpreso per il volume di ramificazioni proposte e per l'agilità con la quale è possibile navigare tra di esse. Per poter scoprire ogni risvolto della storia di Vince e Jay, non sarà necessario attendere molto: As Dusk Falls sarà disponibile dal prossimo 19 luglio 2022, su PC e Xbox Series X|S. In aggiunta, gli abbonati a Xbox Game Pass troveranno il titolo ad attenderli nel catalogo del servizio sin dal Day One.

    Quanto attendi: As Dusk Falls

    Hype
    Hype totali: 18
    73%
    nd