Provato Blackguards 2

Un nuovo sguardo allo strategico di Daedalic

provato Blackguards 2
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc
Andrea Schwendimann Andrea Schwendimann nasce smontando un 486DX e divorando qualsiasi videogame da allora in avanti. Non ha resistito a nessuna piattaforma, appassionandosi a qualsiasi genere, pur prediligendo gli FPS, gli action-adventure, gli RPG e l'hardware da gaming in ogni declinazione. Lo trovate su Facebook, su Steam e su Google Plus.

E' un vero piacere, di questi tempi, far parte con orgoglio di quel manipolo un po' timido di giocatori appassionati di strategia a turni. Ormai sembra un paradiso, sui nostri amati PC: tra riedizioni, nuove release, 4X, RPG, giapponesi alla riscossa e perle sconosciute che brillano di algido splendore tattico i nostri appetiti strategici vengono saziati da più fronti. Ma non ne abbiamo mai abbastanza, ammettiamolo: siamo avidi di pianificazioni al limite della statistica e del min/maxing brutale a colpi ragionati di turni alterni. Blackguards 2 si era mostrato timidamente sia all'E3 che alla ultima Gamescom, e la release che Daedalic ha pianificato è molto vicina. Mettere le mani, prima della fine dell'anno, su una build piuttosto avanzata conferma lo slancio produttivo della casa di Amburgo, che ci permetterà di tornare nelle terre di Aventuria nel primo quarto del 2015, alla conquista di un trono difeso a spada tratta da una moltitudine di creature ed eserciti che se le danno di santa ragione da decenni.

La pazienza è la virtù degli alpha tester

Anche se per ora non abbiamo potuto esplorare come si deve il ritorno degli sconclusionati protagonisti di Blackguards, l'impatto con questo seguito è stato più familiare del previsto. Anticipiamo che a causa di un bug pesante che blocca il gioco a missione completata (ma ovviamente si tratta di una release ancora non completa), nella ventina circa di ore di gioco che abbiamo speso su Blackguards 2 nell'ultima settimana non siamo riusciti ad andare molto avanti nei contenuti, sebbene siano presenti 30 ore effettive a detta di Daedalic. Tuttavia abbiamo già un'idea molto chiara su dove stanno andando a parare gli sviluppatori: raffinare il gameplay, ascoltare la community, rendere accessibile a tutti un sistema profondo ma semplice nelle sue implementazioni di base.

La protagonista Cassia è una regina, una fattucchiera, una principessa: non si è capito molto bene dall'introduzione ancora incompleta, ma insomma è una che sa il fatto suo ed è decisa a conquistare tutti e tutto, a suon di spadate in fronte e fireball bruciachiappe. Imprigionata e derelitta, nelle prime missioni dovremo liberarla dai suoi aguzzini, scappando da un dungeon che mette subito in chiaro che la varietà dei contnuti e delle situazioni, punto di forza già del primo titolo, torna in grande stile. Le mappe sono molto più ampie ora, con più elementi interattivi che ci daranno da pensare nei vari turni: bisognerà capire come usarli o evitarli, per non incorrere in intoppi letali. Trappole ad attivazione, celle da aprire per liberare altri prigionieri, arene cosparse di spuntoni poco amichevoli, ponti di ragnatele e altre amenità ci introducono al rivisto sistema di statistiche. Il vero punto debole del primo Blackguards fu proprio la poca chiarezza nell'interazione delle diverse skill con le statistiche dei vari personaggi. Non si capiva molto bene come bilanciarne alcune per massimizzare il danno e, a fronte di un livello di difficoltà piuttosto ostico, era frustrante non poter dare sfogo a tutto il nostro arsenale tattico a causa di un'implementazione un po' criptica. Ora questo problema sembrerebbe in larga parte risolto. Staccandosi dal gioco di ruolo cartaceo The Dark Eye, Blackguards 2 non permette più di aumentare direttamente le statistiche dei personaggi come Forza o Destrezza: dovremo semplicemente assegnare i vari punti esperienza alle abilità attive e passive già presenti nel primo titolo. Onestamente questa ci è parsa una buona soluzione, nonostante vada contro il Manuale del Perfetto Giocatore di Ruolo™. Vogliamo più tempo speso a massimizzare le varie combinazioni tra le skill e meno tra numeretti sterili, altrimenti preferiamo una partita a Endless Legend o qualche altro strategico in senso stretto.
Puntare tutto sulle già citate mappe, sulla trama e sull'interazione strettamente ruolistica dei membri del party (dialoghi, specializzazioni, quest alternative e così via), taglia la testa al toro rendendo il tutto molto più fruibile. L'altro cambiamento riguarda i personaggi dediti al corpo a corpo. E' stata introdotta la stamina come risorsa da spendere per infliggere duri colpi di mazza nei reni, usando le varie abilità speciali dei guerrieri; e anche in questo caso è un centro pieno. Durante combattimenti particolarmente lunghi, in Blackguards i maghi diventavano molto meno efficaci delle controparti fisiche, mentre ora dovremo stare attenti a usare le diverse tipologie di attacchi. Di conseguenza gli effetti di colpo mancato, andato a segno e colpo critico risultano molto meno incisivi e dunque meno frustranti. In parole povere ora è più raro mancare completamente il bersaglio, così come tirare (o subire) una sciabordata letale da mille punti ferita che pone fine a qualsiasi speranza per l'avversario. Anche se non possiamo ancora affermarlo, prevediamo di conseguenza una maggiore importanza dell'equipaggiamento e delle tattiche da usare sulla griglia esagonale per avere ragione dei nemici: esattamente quello che volevamo da un RPG a turni!

Date queste premesse, il punto centrale per il futuro successo di Blackguards 2 saranno i contenuti. Gli sviluppatori han già dimostrato che in fatto di varietà di missioni sanno il fatto loro, ma servono più nemici da affrontare, più varietà nello skill-tree e più equipaggiamenti da indossare per rendere l'esperienza profonda e appagante. Lo scorso marzo infatti sono usciti due “titolini” che non serve quasi citare (per i meno informati nel campo degli RPG strategici, Wasteland 2 e Divinity: Orignal Sin. Giocateli, pazzi!), e il panorama è cambiato parecchio. La strada sembra indubbiamente quella giusta e i cambiamenti al sistema di gioco sono ottimi, ma quel che abbiamo visto ci ha un po' scoraggiato su questo fronte. Le skill sono le stesse identiche del primo titolo e più che spiaccicare scheletri, ragni e guardie, non abbiamo fatto molto altro nelle nostre partite.
Ma non allarmiamoci per ora. Data l'uscita ancora distante e le diverse patch che già si sono viste nella nostra coda download su Steam, non è proprio il caso di preoccuparsi: incrociamo le dita fiduciosi. Speriamo anche in una bella ripassata all'interfaccia, anch'essa invariata e molto scomoda da usare, con le vecchie tabelle che si sovrappongono senza uscire da quelle precedenti, costringendo a molti click inutili solo per equipaggiare l'armatura appena comprata. Infine, un cenno brevissimo al comparto tecnico, rimasto visivamente invariato dal primo titolo, ma molto meglio ottimizzato, garantendo un framerate solidissimo su ogni configurazione. Per concludere, ci manca davvero un'idea su tutto il comparto strategico: quella che dovrebbe essere la vera novità di questo seguito.

Blackguards 2 Proprio la parte di ampio respiro strategico potrebbe essere la novità decisiva che serve a Blackguards 2 per rivaleggiare con l'agguerrita concorrenza. Come ci è stato detto a Los Angeles, a un certo punto della campagna dovremo gestire diversi eserciti su una mappa simile -ipotizziamo- a quella di un Total War a caso, mentre potremo assegnare i membri del party come eroi nelle battaglie più difficili e mandare nel frattempo un manipolo degli stessi per affrontare il dungeon di turno. Un'ampia prospettiva e una guerra su scala molto più vasta rispetto al passato potrebbe ro essere davvero l'elemento chiave di questo Blackguards 2, che ha già risolto parecchi problemi di implementazione ruolistica e a cui manca, per ora, quel guizzo ludico che cerchiamo in questi tempi così affollati di RPG a turni. O forse tale guizzo l'abbiamo già installato sul nostro SSD e non siamo riusciti a raggiungerlo, dato che alla quindicesima volta che il gioco si bloccava a fine missione ci siamo messi a scrivere queste righe per esigenze di pubblicazione. Speriamo in una patch che ci permetta di giocare senza troppi problemi. Nel frattempo teniamo gli occhi puntati su Blackguards 2, perchè in virtù di un sistema già molto meglio bilanciato, potremmo trovarci di fronte a una piacevole sorpresa.

Che voto dai a: Blackguards 2

Media Voto Utenti
Voti: 6
8
nd