Dark Alliance: una nuova incursione a Icewind Dale, prima della recensione

Qualche giorno fa ci siamo avventurati nuovamente a Icewind Dale assieme per una prova di Dark Alliance in attesa dell'uscita.

Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • PS5
  • Xbox Series X
  • L'attesa sta finalmente per concludersi: il prossimo 22 giugno lo storico franchise Dark Alliance tornerà con un episodio tutto nuovo, dopo ben sedici anni dall'ultima apparizione. Come vi abbiamo raccontato appena qualche settimana fa nella nostra anteprima di Dark Alliance, non stiamo parlando di un terzo capitolo in senso stretto quanto, piuttosto, di una specie di reboot della serie originale. Non a caso la dicitura "Baldur's Gate" è stata sostituita da un più generico "Dungeons & Dragons", denominazione che presuppone anche un nuovo corso per l'intero brand.

    Di nuovo a Icewind Dale, in compagnia

    La nostra seconda spedizione nella regione di Icewind Dale ci ha visto giocare per la prima volta con un party completo composto da quattro giocatori: il sottoscritto, due colleghi della stampa e uno sviluppatore di Tuque, il quale, esattamente come la scorsa volta, ci ha guidati per l'intera sessione rispondendo a tutte - o quasi - le nostre curiosità sul nuovo titolo ambientato nei Forgotten Realms. Come già sappiamo, il nuovo episodio di Dark Alliance permette a un gruppo di quattro giocatori di vestire i panni del drow rinnegato nato dalla penna di R.A. Salvatore, Drizzt Do'Urden, e i suoi leggendari compagni: l'umana Catti-brie, il nano Bruenor e l'enorme barbaro Wulfgar. Ognuno sarà caratterizzato da uno stile di gioco unico e, ovviamente, da abilità potenziabili. Testando il titolo per la prima volta assieme a un gruppo di altri tre partecipanti, abbiamo finalmente potuto saggiare l'obbiettivo perseguito dagli sviluppatori: trasportare in digitale il feeling che i giocatori di ruolo "pen & paper" provano quando si radunano attorno a un tavolo. L'opera infatti esprime le sue reali potenzialità e tutto il proprio fascino se sperimentato in compagnia di altre persone.

    La sessione a cui abbiamo preso parte, infatti, anche se molto breve è stata comunque piuttosto divertente e ricca di spunti strategici interessanti, che ci hanno consentito di apprezzare le caratteristiche e le abilità di ogni singolo campione del gruppo. Non solo: ci ha permesso di avere qualche indizio in più su ciò che ci potremo aspettare il prossimo 22 giugno.

    Sottolineiamo, comunque, il fatto che il titolo potrà essere fruito tranquillamente (su questo abbiamo avuto più di una rassicurazione) dai lupi solitari o da gruppi più contenuti di amici. Insomma, non dovrà esserci per forza il party completo per poter giocare a Dark Alliance.

    Social hub e mondo di gioco

    Il test, esattamente come la nostra precedente incursione, ha avuto inizio in un accampamento, luogo in cui si tornerà sempre dopo aver completato una qualsiasi delle missioni presenti nella world map.

    Questo campo base improvvisato funzionerà come un "social hub" al quale avranno accesso anche gli amici appartenenti al party o ai giocatori che parteciperanno nella stessa stanza. In questo spazio, che ricorda da vicino i villaggi in stile Monster Hunter, non mancheranno il consueto commerciante, la possibilità di modificare l'aspetto estetico del proprio personaggio e così via. Non solo: avremo ovviamente modo di potenziare le caratteristiche dell'eroe attraverso appositi skill tree che apriranno a nuove opportunità in fase di combattimento o a tratti caratteristici di classe.

    Una volta completata questa fase di "preparazione" e assemblato il gruppo, un portale consentirà agli utenti (o al leader del party) di partire per una missione. Oltre alle tradizionali quest (stratificate in più capitoli e dalla difficoltà regolabile), ci saranno dungeon veri e propri, ricchi di avversari di alto livello e sfide e ricompense che dovrebbero impegnare a lungo persino gruppi di giocatori ben affiatati.

    Una volta avviata la missione (che ci ha condotti al cospetto del fratello del boss sconfitto nella precedente demo, quindi sempre un Troll mangia-uomini) abbiamo potuto apprezzare un'azione di gioco che rispetta la filosofia su cui poggia ogni hack 'n' slash che si rispetti. Dark Alliance, travolge i giocatori con una frenesia esplosiva, senza soluzione di continuità, li strattona con combattimenti sempre spettacolari, ancora più divertenti se affrontati in compagnia di altri giocatori umani.

    La stessa visuale - non più isometrica ma posta alle spalle dell'eroe - contribuisce a dare un senso di maggiore dinamismo. In questo caso, utilizzando Catti-Brie, ci siamo resi conto che il problema riscontrato nella precedente demo con l'ingombrante barbaro (ovvero la troppa vicinanza della telecamera all'eroe) non si è verificato. Ovviamente dovremo attendere la build finale per poter capire se tali problematiche potranno essere mitigate dalla possibilità di regolare la distanza dell'inquadratura.

    Ad ogni modo, il sistema di controllo ci ha rassicurati ancora una volta sulla sua attenta "costruzione". La mappatura dei comandi si adagia molto bene sui pochi tasti del pad Xbox (il team lo consiglia anche su PC, in ossequio alla natura console che da sempre contraddistingue il franchise). Inoltre, le combinazioni sono semplici e molto chiare: ai comandi offensivi come gli attacchi pesanti e leggeri fanno da contraltare quelli di movimento/difesa come il salto e la schivata. Alla croce direzionale, invece, viene demandata la gestione delle varie pozioni e ad altre due combinazioni è riservata l'attivazione dell'abilità unica del personaggio e soprattutto della sua "Ultimate".

    Sotto il profilo del level design, infine, il mini dungeon che abbiamo affrontato non ci ha offerto spunti particolarmente intriganti: il percorso, incuneato nelle viscere della montagna tra fiumi di lava e rocce appuntite, ci ha proposto solamente qualche interazione ambientale trascurabile, come pavimenti che periodicamente esplodevano in un tripudio di fiamme incandescenti da attraversare al momento giusto, in pieno stile platform.

    Xbox Game Pass e road map post release

    Lo sviluppatore ci ha anticipato qualche dettaglio extra anche sulla road map che accompagnerà il titolo sino alla fine del 2021 e, considerando il prezzo a cui viene proposto (per i possessori dell'Xbox Game Pass Dark Alliance sarà compreso nel servizio) ci pare che il team abbia già le idee chiare su quale strada intraprendere. La road map prevede che il titolo si arricchisca di tre contenuti post-lancio: due saranno gratuiti per tutti gli utenti, mentre il terzo, quello più corposo, sarà invece a pagamento.

    Il primo DLC pianificato arriverà nel corso dell'estate e includerà una nuova missione della campagna (che si dipanerà su tre scenari distinti) in cui i giocatori si troveranno a fronteggiare una fazione di Wraith che tenterà di corrompere uno spirito della foresta per il proprio tornaconto. Il secondo DLC arriverà invece in autunno e prevede di aggiungere nuovi parametri per le sfide "hardcore" e una missione inedita della campagna (sempre stratificata su tre scenari). In questa nuova parte della storia, dei troll semineranno il panico nel Kelvin's Cairn, la mastodontica montagna sacra per i Nani, che da eoni protegge l'omonima valle.

    Il terzo e ultimo contenuto del 2021 arriverà entro la fine dell'anno e, come dicevamo, sarà un'espansione chiamata "Echoes of the Blood War", e potrà essere acquistata per 19,99 €. Questo add-on introdurrà un altro personaggio giocabile (a quanto sappiamo sarà un mago o un incantatore; comunque esperto nell'arte della magia), missioni inedite per la campagna e nuovi avversari.

    Da quanto ci è stato detto, inoltre, il team sta lavorando alacremente per aggiungere una feature vecchia scuola in occasione del primo DLC: la modalità cooperativa "da divano" per due giocatori, ovvero una sorta di split screen che permetterà a due amici di giocare "in presenza". La funzione dovrebbe essere implementata inizialmente su tutte le versioni di nuova generazione (Xbox Series X|S, PlayStation 5) e ovviamente su PC. Le edizioni Xbox One e PlayStation 4, invece, arriveranno più avanti nel tempo.

    Dark Alliance Dark Alliance, grazie all’hands on a cui abbiamo partecipato, ci ha rassicurati sulla bontà del lavoro dei ragazzi di Tuque Games. Riportare alla luce un franchise con un reboot dopo sedici anni è sicuramente una scommessa e un grosso azzardo. Quello che abbiamo visto, comunque, ci ha lasciato delle sensazioni piuttosto positive sulla riuscita di quello che sembra un progetto ambizioso e proiettato al futuro. La road map, infatti, è già tracciata, almeno sino alla fine del 2021: due espansioni gratuite e una a pagamento in inverno (con un nuovo personaggio giocabile), l’arrivo della co-op “da divano” e l’inserimento del titolo nel servizio Xbox Game Pass sin dalla release. Ora non ci resta che tornare a studiarci i manuali dei Forgotten Realms e attendere il 22 giugno.

    Quanto attendi: Dark Alliance

    Hype
    Hype totali: 35
    81%
    nd