Dungeons of Hinterberg: i segreti delle Alpi tra misteriosi dungeon

Pronti a scoprire i segreti nascosti tra le Alpi nel coloratissimo Action RPG che ci chiamerà a esplorare dei dungeon misteriosi?

Dungeons of Hinterberg: i segreti delle Alpi tra misteriosi dungeon
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • Xbox Series X
  • In arrivo su Game Pass e PC nel 2024, Dungeons of Hinterberg vuole proporre un'esperienza dai toni pacati, accompagnata da un delizioso stile grafico e dedicata alla risoluzione di enigmi ambientali e scontri con nemici variegati. In quel di Los Angeles abbiamo assistito a una presentazione del titolo a firma Microbird Games, che - dobbiamo dirlo - ci ha genuinamente intrigato. Per questo motivo, stiamo per parlarvene nel dettaglio, a cominciare dalle premesse narrative dell'avventura di Luisa (qui invece trovate la prova di Disney Illusion Island).

    Le premesse del viaggio, gli scenari e i nemici

    Il villaggio di Hinterberg era fin troppo tranquillo. I turisti lo raggiungevano quando sentivano il bisogno di staccare dai ritmi della città per dedicarsi principalmente ad attività come l'escursionismo o lo snowboarding. Insomma, un luogo di estrema quiete che non aveva di certo la reputazione d'essere pericoloso. A un certo punto, attorno al paesello sono apparsi dei misteriosi dungeon (25 per la precisione), che sono presto diventati un'attrazione in grado di incuriosire le persone di tutto il mondo.

    La nostra storia inizia proprio qui, con Luisa, una turista che, nella demo mostrata da Microbird Games, vuole sfruttare la sua permanenza ad Hinterberg per esplorare i dungeon e scoprire il segreto dietro la loro improvvisa comparsa. Al mattino la protagonista si concede una colazione nel b&b in cui alloggia. È in questi momenti che la ragazza viene raggiunta dalla proprietaria della struttura, che oltre ad aggiornarla in merito alle novità più intriganti di Hinterberg la accompagna alla selezione di una delle aree che Luisa andrà a visitare nel corso della giornata.

    Luisa ha uno strumento del mestiere per ogni zona che sceglie di esplorare. Durante la presentazione ad esempio si è servita dello snowboard per attraversare un percorso innevato, eseguire acrobazie e perfino per attaccare i nemici incontrati nel corso del viaggio. Tra piccoli gruppi di minacce standard e vere e proprie boss fight, i pericoli non mancano di certo. Gli scontri a cui abbiamo assistito non ci sono parsi particolarmente impegnativi, eppure ogni creatura doveva essere sconfitta in un modo specifico.

    Per caratterizzare al meglio i biomi e le ambientazioni del gioco, gli sviluppatori hanno fatto un uso intelligente della palette cromatica, servendosi di una coppia di colori per ogni area visitabile. Giunta in una foresta rigogliosa e ostile, Luisa ha cambiato nuovamente le regole del gioco, facendo ricorso a una magia in piena regola. Ha infatti cominciato a creare piccoli vortici da lanciare contro i nemici. Per oltrepassare ostacoli o raccogliere oggetti ai quali non avrebbe potuto avvicinarsi, altrimenti, ha anche manipolato l'aria per generare turbini di dimensioni più generose (perfetti per sbarazzarsi anche di gruppi di avversari). Mentre alcuni dungeon lasciano uno spazio considerevole ai combattimenti, altri pongono l'accento sulla risoluzione di puzzle ed enigmi ambientali. In questi ultimi casi, la visuale del gioco potrebbe cambiare, ad esempio sostituendo la telecamera posta dietro le spalle a una prospettiva isometrica. Sappiamo inoltre che in ciascun bioma saranno presenti dai cinque ai sette dungeon, con una durata media di 13 minuti l'uno.

    La vita ad Hinterberg

    Dopo aver lottato senza sosta in un dungeon si può raggiungere uno dei portali che connettono il mondo magico a Hinterberg, così da passare la serata al sicuro, in compagnia di altri turisti. In altre parole, le giornate di Luisa sono suddivise in attività ben precise: ci si sveglia la mattina, si parla con i personaggi, si sceglie la zona da esplorare, ci si reca al dungeon e infine si fa ritorno al villaggio, così da stringere importanti amicizie in piazza, in un negozio o nei pub del paesello.

    Non è possibile mutare con il tempo la natura del legame con uno dei comprimari, eppure approfondire alcuni rapporti comporta dei vantaggi non indifferenti (c'è un vero e proprio sistema di level up dell'amicizia). È nel farlo, per l'appunto, che potremo ottenere poteri speciali, informazioni cruciali, oppure oggetti che ci renderanno un po' più facile il nostro viaggio. Nella presentazione abbiamo avuto modo di assistere ad alcune interazioni sociali. Luisa si è presentata a un giornalista giunto a Hinterberg per scoprire i segreti dei dungeon magici.

    Accettando di partecipare all'intervista, la giovane ha preso un drink con lui e ha sbloccato un'abilità da sfruttare nelle sue peregrinazioni. Non possiamo parlarne con toni di certezza ma ci è parso che i dialoghi a scelta multipla non ci metteranno nella posizione di poter infastidire un interlocutore, o peggio, di compromettere il rapporto con un personaggio. In definitiva, Dungeons of Hinterberg è un indie colorato e dalla spiccata personalità (a proposito di indie di valore, qui la prova di Cocoon), che ben dimostra la volontà dei suoi creatori di omaggiare le Alpi austriache, coi suoi scenari variegati e pieni di attività.

    Speriamo solo che il gameplay possa confermarsi piacevole per tutta la durata dell'esperienza, e che le giornate di Luisa non finiscano col perdere mordente, alla lunga. Per dissipare i dubbi, non possiamo far altro che attendere il debutto dell'avventura, previsto su PC nel 2024.

    Quanto attendi: Dungeons of Hinterberg

    Hype
    Hype totali: 2
    70%
    nd