Endling, l'ultima volpe sulla Terra: sopravvivere in un futuro distopico

Un survival ambientato in un futuro distopico, da vivere dei panni di una famiglia di volpi: abbiamo provato la coinvolgente ed emotiva demo di Endling.

Endling, l'ultima volpe sulla Terra: sopravvivere in un futuro distopico
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Switch
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • In un presente in cui le minacce rappresentate dal cambiamento climatico ancora non vengono considerate all'unanimità come un'emergenza imprescindibile, non è poi così difficile immaginare un futuro in cui l'uomo ha perso l'opportunità di difendere la biodiversità. Nello scenario distopico dipinto da Herobeat Studios, persino la volpe, animale in grado di adattarsi a molti diversi ecosistemi, è ormai sull'orlo dell'estinzione. In Endling: Extinction is Forever, la protagonista è infatti proprio l'ultimo esemplare della specie rimasto sul pianeta, chiamato a difendere la sua cucciolata.

    Come vi avevamo anticipato nello speciale INDIEspensabili dedicato all'evento Indie's Paradise, è giunto il momento di parlare sulle nostre pagine del destino di una famigliola di volpi. Interessante Indie dall'anima survival, Endling è atteso su PC, PS4, Xbox One e Nintendo Switch. Grazie al publisher Handy Games e al team di sviluppo spagnolo, abbiamo avuto l'occasione di dialogare con gli autori e di testare in anteprima una demo di Endling. Il risultato? Un'ottima impressione preliminare.

    L'ultima volpe sulla Terra

    In un futuro non troppo lontano, gli esseri umani hanno definitivamente corrotto l'ecosistema del nostro pianeta. Tra fiumi inquinati e panorami desolati, moltissime specie animali si sono estinte per sempre. Una devastazione ambientale inarrestabile sta condannando persino creature dalla grande adattabilità, come le volpi.

    Nell'intero pianeta, ne resta infatti ormai un'unica esemplare adulta. In procinto di partorire una cucciolata, l'animale si ritrova circondato da una foresta in fiamme, in un incendio scatenato da misteriosi uomini attrezzati con maschere antigas e strane tute protettive.

    Dopo un'adrenalinica fuga attraverso il bosco rovente, la volpe riesce infine a trovare un rifugio destinato a divenire la tana della sua nuova famiglia. La gioia per essere scampata al pericolo e aver dato vita a quattro teneri cuccioli è però destinata a durare poco. Nel cuore della notte, un uomo riesce infatti a introdurre nella tana un sonaglio e ad attirare così l'attenzione di uno dei piccoli. Incuriosito, quest'ultimo si avventura all'esterno, dove l'esito è facilmente prevedibile: catturato, il cucciolo viene separato dalla sua famiglia e condotto lontano all'interno di una gabbia.

    Da questo momento, la sopravvivenza della volpe e dei suoi cuccioli sarà affidata alla saggezza e all'intraprendenza del giocatore, chiamato ad esplorare i dintorni per sfamare i piccoli e trovare una nuova casa. Un compito che si preannuncia complesso e fortemente emotivo, grazie ad alcune interessanti soluzioni narrative e ludiche adottate dagli autori di Herobeat Studios.

    Cuccioli da salvare

    Affezionarsi ai cuccioli di volpe è una questione di attimi. Le piccole palle di pelo sono infatti animate con cura e dotate di indoli differenti. Un volpacchiotto ci è ad esempio parso particolarmente giocherellone, mentre un secondo si è ostinatamente rifiutato di valicare un piccolo fiumiciattolo, intimorito dal corso d'acqua nel quale i fratellini stavano invece serenamente sguazzando. Per aiutare la formazione di un legame emotivo tra le creature e il giocatore, il team spagnolo ha inoltre introdotto la possibilità di personalizzare l'aspetto dei piccoli, ognuno dei quali potrà quindi sfoggiare una pelliccia unica. Insomma, Herobeat non esita nel cercare di solleticare gli animi più sensibili,

    con il chiaro - e riuscito - intento di farci empatizzare con la famigliola di volpi. Nel momento in cui uno dei piccoli viene rapito, il primo istinto del giocatore è dunque il medesimo di mamma volpe: uscire dalla tana e cercare il cucciolo scomparso tra le lande di Endling. Per esplorare il mondo circostante, la protagonista ha a disposizione una serie di abilità che il team ha deciso di introdurre dopo un'attenta fase di studio e ricerca. Con l'obiettivo di mantenere credibile l'azione delle creature animali, gli autori hanno in particolare ricreato nel loro survival un modello di gameplay arcade, ma comunque ancorato a quelle che sono le capacità della quale una volpe potrebbe disporre nel mondo reale.

    Ne deriva dunque che, non potendo i nostri animali parlare, la narrazione di Endling si esprima soprattutto in forma ambientale. Le condizioni delle aree naturali o il modo in cui gli esseri umani affrontano questo presente distopico sono raccontati in maniera silenziosa, tramite situazioni e piccoli dettagli che mutano in maniera dinamica con l'avanzare dell'avventura. Una scelta che favorisce anche l'immedesimazione nelle piccole volpi, che per esplorare il mondo che le circonda possono affidarsi esclusivamente ad un'attenta osservazione.

    Con una struttura sandbox, Endling mira a proporre un'avventura della durata complessiva di circa otto ore, capace di coinvolgere con forza il giocatore. La struttura ludica da survival e la forte rilevanza delle dinamiche esplorative sono sostenute dalla trama del titolo e dal desiderio di portare in salvo tutti i suoi protagonisti. Una missione, è bene saperlo, nella quale è possibile fallire. I nostri cuccioli di volpe, ci duole dirvelo, possono infatti andare incontro ad una fine prematura e, soprattutto, permanente. Tutto può accadere nell'arco di pochi secondi: è sufficiente l'attacco di un animale selvatico, l'azione violenta di un essere umano o, ancora, i morsi della fame.

    La perdita di uno o più cuccioli ha molteplici impatti sull'esperienza di gioco proposta dall'Indie. Da un lato, è importante sapere che ogni peloso protagonista è dotato di abilità uniche: con la sua morte perderemo dunque qualunque possibilità di accesso a determinate opzioni di gameplay. Dall'altra, anche la colonna sonora del titolo muta in maniera dinamica a seconda della composizione del nostro team. Ad ogni volpe è infatti assegnato uno specifico strumento e tema musicale, la cui somma va a comporre il brano principale che caratterizza le avventure della famiglia. Perdendo uno dei suoi membri, verrà meno anche il suo contributo musicale, con i giocatori che potrebbero dunque sperimentare un comparto sonoro differente a seconda dell'andamento della propria partita.

    Inutile infine provare a negare l'impatto emotivo generato dalla morte dei cuccioli, che ci ha molto colpito nel corso della nostra prova. Per cercare di rimediare agli errori commessi, nella versione finale di Endling si potrà provare a ricaricare l'ultimo salvataggio: una scelta che però vi costringerà a rivivere l'intera giornata in-game, a partire dall'uscita notturna dalla tana delle volpi.

    Sopravvivenza difficile

    Per quanto possiate desiderarlo, vi avvertiamo che far sopravvivere l'intera famiglia di animali non sarà affatto un compito semplice. Ogni giorno, mamma e cuccioli dovranno abbandonare la sicurezza del proprio rifugio per avventurarsi alla ricerca di cibo. Un'esigenza imprescindibile, anche perché l'autonomia dei nostri piccoli, nel pieno della crescita, non è particolarmente estesa.

    Per sfamare mamma volpe e la sua prole, dovremo improvvisarci predatori, dando la caccia alle creature sopravvissute all'olocausto ambientale che ha colpito il pianeta. Principalmente avremo a che fare con piccoli animali, quali pesci, topi o conigli, ognuno dei quali dovrà essere sopraffatto tramite delle specie di minigiochi. I lapini, ad esempio, dovranno essere scovati tra i cespugli, mentre per conquistarsi un pesce bisognerà tuffare il muso sott'acqua con il giusto tempismo. In caso di disperazione, potremo anche cercare di scovare qualche avanzo tra la spazzatura, ma quest'ultima, oltre a non essere particolarmente nutriente, potrebbe riservare anche qualche spiacevole sorpresa, dotandoci ad esempio di sgraditi collari composti da rifiuti di plastica.

    Nel corso della nostra caccia, dovremo fare attenzione a non divenire a nostra volta delle prede. Animali quali rapaci o cani randagi possono aggredire le volpe, così come gli esseri umani. Endling non prevede un combat system, perciò la cautela sarà la nostra arma migliore, con la possibilità di riservare un paio di morsi ai nostri aggressori riservata soltanto alle situazioni più estreme. Elemento interessante, gli sviluppatori ci hanno anticipato che la versione finale del gioco includerà anche un sistema per marcare il proprio territorio, così da distrarre i potenziali predatori. Da segnalare anche la presenza nella mappa di trappole nascoste, come tagliole o simili, che possono gravemente danneggiare le nostre protagoniste.

    Di fatto, nel corso della nostra prova dell'Indie ci siamo resi conto di come il gioco favorisca un approccio guardingo, al quale tuttavia si contrappone l'urgenza imposta dalle esigenze della sopravvivenza. I cuccioli, come detto, sono difficili da saziare completamente, mentre il tempo a disposizione per ogni sessione di esplorazione non è molto.

    Le volpi cacciano infatti soltanto con il favore delle tenebre e nel momento in cui l'alba inizia a sorgere il mondo di gioco si fa progressivamente più pericoloso. Inutile dire come le aree più problematiche risultino essere quelle frequentate dall'uomo. Nel corso della Demo di Endling, ad esempio, ci siamo ritrovati a vivere sezioni stealth molto ben riuscite, che richiedevano alla famigliola di attraversare una cupa area industriale.

    A complicare le cose, ci pensa anche un ambiente in continua mutazione. Col passare dei giorni, i fiumiciattoli dove poche ore prima avevamo cacciato degli ottimi pesci potrebbero divenire improvvisamente inquinati, mentre un'area tranquilla potrebbe essere rapidamente popolata da esseri umani in attività.

    Queste variazioni spingono il giocatore a mutare spesso tragitto, esplorando via via aree sempre più lontane dal rifugio iniziale. L'esplorazione rappresenta del resto uno dei pilastri essenziali di Endling, che con il suo suggestivo sistema di esplorazione a scorrimento offre interessanti spunti che invogliano a guardarsi attorno. Spingersi un po' più lontano può peraltro tradursi anche in piacevoli sorprese, come l'attivazione di una scorciatoia o la scoperta di una piccola catasta di legna che può essere utilizzata come rifugio dove trascorrere la notte. Creando sempre più avamposti, la nostra famiglia di volpi potrà proseguire nella ricerca del cucciolo rapito.

    All'ampliarsi delle dinamiche esplorative, si affianca anche l'evoluzione della narrazione e del gameplay, in un insieme che ci è parso sino ad ora molto coerente. I momenti cardine della trama, ad esempio, saranno dei passaggi obbligati, ma nel mondo di gioco si celano diverse sorprese di carattere narrativo. A seconda di quanto ci riveleremo essere abili esploratori, Herobeat ha garantito che potremo anche imbatterci in finali differenti per l'avventura. Per non perdere l'orientamento, Endling metterà a disposizione una piccola mappa personalizzabile, sulla quale segnare punti di interesse o passaggi temporaneamente bloccati.

    Garantire la sopravvivenza dei nostri cuccioli ci aprirà inoltre nuove strade in termini di fruizione dell'esperienza. Crescendo, le creaturine pelose apprenderanno sempre più abilità, permettendo alle volpi di saltare più in alto, cacciare in autonomia, nuotare e altro ancora. Un processo favorito dal legame con la madre, che nei momenti di difficoltà potrà interagire con la prole in vari modi, ad esempio trasportandola se stanca o leccandola se intimorita.

    Col passare delle stagioni - la nostra avventura inizia in inverno -, l'esperienza proposta da Endling si farà dunque sempre più ricca, soprattutto se riusciremo a proteggere tutti i membri della nostra famiglia. Un'avventura che ha tutte le carte in regola per risultare intensa ed appagante, e che non vediamo l'ora di poter testare nella sua versione completa.

    Endling Se il nostro racconto vi ha incuriosito, vi ricordiamo che potete raggiungere la pagina di Endling su Steam ed aggiungere il titolo alla vostra Wishlist: in questo modo, contribuirete ad offrire visibilità al titolo. L'intensa avventura confezionata da Herobeat Studios sembra avere dalla sua parte un grande potenziale, particolarmente promettente per i giocatori che amano le esperienze survival dal forte traino narrativo. In attesa del debutto, potete testare la Demo di Endling disponibile sul PC, ricordando che l'Indie troverà spazio anche su Nintendo Switch, PlayStation 4 e Xbox One (e ovviamente PlayStation 5 e Xbox Series X|S in retrocompatibilità).

    Quanto attendi: Endling

    Hype
    Hype totali: 11
    69%
    nd