Far Cry 5: provata la nuova modalità Arcade

Durante l'ultimo incontro con Far Cry 5 abbiamo provato due livelli dell'inedita modalità Arcade dello sparatutto Ubisoft.

provato Far Cry 5: provata la nuova modalità Arcade
Articolo a cura di
Francesco Fossetti Francesco Fossetti scrive di videogiochi -fra una cosa e l'altra- da più di dieci anni, e non ha ancora perso la voglia di esplorare il mercato con vorace curiosità. Ammira lo sviluppo indie e lo sperimentalismo, divora volentieri tutto il resto. Lo trovate su Facebook, su Twitter e su Google Plus.
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • Vi abbiamo già parlato approfonditamente di Far Cry 5 e delle sue caratteristiche, dopo il nuovo contatto avvenuto con la versione definitiva dello shooter free-roaming di Ubisoft.
    Il titolo, come abbiamo avuto modo di ribadire, recupera integralmente il gameplay dei suoi predecessori, proponendo un'esperienza di gioco sostanzialmente paragonabile a quella vissuta nel Kyrat di Pagan Min e sull'isola tropicale di Vaas. È vero: qui non ci sono più le torri che solitamente costellavano ogni oper world della software house francese, ed il sistema di progressione è pensato per lasciare un maggior grado di libertà al giocatore, eppure il sapore complessivo delle scorribande resta quello di sempre.
    Far Cry 5 si presenta insomma come uno sparatutto leggero, piacevolmente "casinista", i cui principali elementi di originalità rimangono legati al racconto e all'ambientazione. Se volete farvi un'idea della caratterizzazione di Joseph Seed e dei territori del Montana vi rimandiamo nuovamente al nostro hands-on.
    C'è però una novità importante almeno dal punto di vista dei contenuti: in Far Cry 5, infatti, ci sarà un Arcade Mode, che dovrebbe sostituire il PvP degli scorsi episodi. In pratica, si tratta di un elaborato editor di stage, che permetterà agli utenti (ma anche agli sviluppatori) di creare livelli extra ed esperienze di gioco alternative a quella classica.

    La varietà dell'Arcade

    Nel corso dell'evento parigino abbiamo potuto provare due di questi stage, assemblati dal team di sviluppo. Entrambi erano pensati per dimostrare quanto sia possibile allontanarsi dai ritmi e dalle situazioni tipiche dell'avventura single player. Nel primo caso ci siamo trovati intrappolati, senza nessuna arma, all'interno di una casa lugubre e fatiscente: l'obiettivo era quello di fuggire, correndo di stanza in stanza. Ben presto le cose hanno iniziato a farsi piuttosto strane: oggetti capovolti, scale infinite, arredamenti che sembravano usciti da un quadro di Escher, o da una surreale visione di Lynch. Questo stravagante livello era insomma una sorta di scomposto labirinto, una prova di osservazione, memoria e riflessi.
    Di ben altra caratura il secondo stage: qui sembrava di essere all'interno di una mappa di Counter Strike, una zona industriale puntellata di merci e container. Il compito del giocatore consisteva nell'avanzare liberando la strada dai nemici, uccidere un bersaglio ben nascosto nell'area di gioco, e scappare dal punto di estrazione. Facendo fede al nome che la contraddistingue, la modalità Arcade indica anche il tempo di completamento ed il punteggio ottenuto dal giocatore, che quindi deve correre spedito e dimostrarsi clinico e letale, se vuole sperare di scalare le classifiche. In questo preciso livello, inoltre, era possibile scegliere due diversi tipi di loadout, uno dei quali davvero estremo: armati di pistola e coltelli da lancio, infatti, concludere la prova si è rivelata un'impresa davvero complessa.

    Purtroppo la nostra prova della modalità Arcade di Far Cry 5 si è limitata alle due mappe che vi abbiamo appena descritto (entrambe potevano essere giocate anche in coppia). Non abbiamo avuto modo di testare l'editor di gioco, per capire quanto possa essere malleabile e accessibile per gli utenti.
    Difficile quindi intuire che cosa ci aspetterà, quando il titolo giungerà sugli scaffali: il playtest ci ha convinto che è possibile proporre esperienze ludiche diverse da quella tradizionale, ma chissà quanto saranno elaborate o significative. Il team di sviluppo promette la presenza di livelli "ufficiali" già al Day One, e pensa ad una sorta di supporto continuo che possa portare con regolarità dei contenuti aggiuntivi nell'Arcade Mode.

    Gli utenti, inoltre, potranno utilizzare per le loro creazioni anche degli asset grafici estratti direttamente dall'ultimo Assassin's Creed e da Watch Dogs 2 (se non altro per amor di varietà, stilistica ed estetica). Dire adesso che cosa saranno in grado di farci, tuttavia, è davvero impossibile.

    Far Cry 5 Allo stato attuale dei fatti, dobbiamo ammettere, l'Arcade Mode non ha suscitato troppo entusiasmo: ci sembra un'aggiunta potenzialmente divertente, ma non di quelle sostanziali. Avremmo preferito, ad esempio, che gli sforzi del team di sviluppo si fossero concentrati sul miglioramento di alcuni aspetti che avrebbero avuto bisogno di una svecchiata, come l'intelligenza artificiale dei nemici. Purtroppo Ubisoft ha deciso di puntare sulla quantità, forse per dare ai giocatori una sorta di contropartita per la rimozione del PvP. Solo qualche tempo dopo l'uscita del gioco, quando la community avrà iniziato a misurarsi con l'editor, saremo in grado di capire se sia stata la scelta giusta.

    Che voto dai a: Far Cry 5

    Media Voto Utenti
    Voti: 62
    7.8
    nd