FIFA 20: provata la demo in attesa della recensione

Senza stravolgere troppo le carte in tavola, FIFA 20 sembra avere tutte le intenzioni di consolidare le sue fondamenta.

FIFA 20: analisi della demo Gamescom
Anteprima: Multi
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Switch
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • L'iconica intro musicale della UEFA Champions League ha accompagnato il nostro ingresso in campo durante i match della demo di FIFA 20. Quasi una mossa provocatoria, quella di EA Sports: pubblicare la versione di prova del suo nuovo capitolo calcistico in quello che doveva essere il giorno di eFootball PES 2020 e puntando la propria offerta sulla possibilità di giocare in modalità Champions, con tanto di suoni e grafiche ufficiali della massima competizione europea. Una feature che rappresenta forse la licenza più prestigiosa e suggestiva per un simulatore di calcio, una mossa con cui Electronic Arts ha voluto ribadire che poco importa l'assenza di un blasone come quello della Juventus (il club bianconero è passato in esclusiva su Pro Evolution Soccer per i prossimi tre anni, lasciando EA Sports priva delle grafiche ufficiali bianconere): in termini di contenuti, sia singleplayer che multigiocatore, FIFA 20 fa ancora paura.

    Eppure, negli ultimi anni, la serie è rimasta ferma su standard soddisfacenti ma poco rivoluzionari: mentre Konami prosegue la sua cavalcata trionfale per chiudere degnamente questa generazione (la nostra Recensione di PES 2020 per adesso premia il titolo giapponese), il colosso canadese ci ha più volte suscitato sensazioni un po' contrastanti durante i nostri più recenti incontri con il nuovo FIFA. Quella che abbiamo effettuato in queste ore è peraltro l'ultima prova pad alla mano prima di fiondarci sul prodotto finale per la recensione, che potrete leggere tra qualche settimana sulle nostre pagine. Un giudizio preliminare dopo aver spolpato la demo può rappresentare il giusto riscaldamento a bordo campo, in attesa di solcare i manti erbosi per una nuova ed entusiasmante stagione calcistica.

    Cosa c'è nella demo?

    Come accade ormai ogni anno, la demo di FIFA 20 ci ha permesso di testare il gameplay del gioco e nient'altro, senza darci l'opportunità di addentrarci più di tanto nella mostruosa offerta singleplayer e online. Le novità, in effetti, non saranno poche, dalle nuove feature per FUT alle aggiunte per la modalità Carriera; senza dimenticare la punta di diamante del nuovo capitolo, la modalità Volta che sostituirà il Viaggio di Alex Hunter.

    Per quanto riguarda il diretto discendente di FIFA Street spenderemo qualche parola più avanti, poiché nella demo di FIFA 20 abbiamo la possibilità di giocare un breve match in un campetto suburbano. Come detto in apertura, nella build preliminare possiamo disputare partite in solitaria o in multiplayer locale sfruttando la modalità Champions League.

    Le squadre disponibili sono in tutto 6: Chelsea, Liverpool, Tottenham, Borussia Dortmund, PSG e Real Madrid. Già dai primi istanti FIFA 20 ribadisce di voler puntare gran parte della propria esperienza su un'atmosfera coinvolgente e trascinante: a livello visivo il simulatore targato EA Sports non raggiunge il livello grafico di Pro Evolution Soccer, ma il colpo d'occhio generale offerto dall'ingresso in campo e dalle cutscene trasmette comunque l'impressione di assistere ad una vera partita in TV.

    Ciò vale soprattutto in presenza di club e competizioni fedeli alle controparti reali, le cui sembianze mettono in mostra tutti i muscoli della produzione sul versante del motion capture. Ad un'offerta così spettacolare e coreografata, Electronic Arts ha cercato di affiancare (soprattutto negli ultimi anni) anche un calcio più ragionato, meno veloce e più tattico, attento alla fisica dei contrasti e soprattutto dei movimenti della sfera.

    La versione proposta dalla demo, lo ribadisce il team di sviluppo, non rappresenta il prodotto finale, ma quanto saggiato nei match disputati ci permette di confermare gran parte delle sensazioni positive che abbiamo riscontrato (in crescendo) negli ultimi due mesi, quando abbiamo avuto i primi contatti con il gioco tra Los Angeles, Berlino e Colonia.

    Palla al centro!

    Partiamo da quello cherappresenterà il punto fermo della produzione e che, al tempo stesso, ci invita a guardare il nuovo capitolo della serie calcistica con un pizzico di preoccupazione: FIFA 20 ci sembra, grosso modo, un diretto ma non troppo coraggioso passo in avanti rispetto alla scorsa iterazione. È chiaro che, in quest'ultimo scampolo generazionale, il team di sviluppo preferisce puntare su una soluzione di continuità senza stravolgere eccessivamente una formula che funziona, seppur con alti e bassi.

    Non pensate tuttavia che le migliorie rispetto a FIFA 19 siano totalmente impercettibili: sono piccole sì, ma anche tangibili e sostanziali in un titolo che punta alla simulazione. Come già evidenziato negli scorsi hands-on, la sensazione è che EA Sports abbia abbassato il ritmo e la velocità d'azione, pur senza rinunciare a un calcio più spettacolare e fulmineo rispetto a quello espresso da PES. Le animazioni dei calciatori e le interazioni con lo spazio di gioco sono ora più realistiche: ne deriva, in apparenza, una fisica migliorata tanto nei contrasti corpo a corpo quanto nelle movenze effettuate palla al piede. Uno stop con la gamba, se non effettuato col giusto tempismo, ci ha più volte messo nelle condizioni di rincorrere la sfera per non perdere il possesso palla, e al tempo stesso abbiamo riscontrato una sensibilità maggiore nelle fasi di dribbling. Scartare gli avversari con le magie funamboliche Iniesta-style si fa ora più complesso: merito, anzitutto, delle rinnovate reazioni nei contrasti tra gli atleti, ma anche di una più spiccata reattività dell'intelligenza artificiale.

    In tal senso FIFA 20 propone, come suo solito, un sistema tutto "nuovo" per ottimizzare il comportamento dei calciatori in campo e della fisica del pallone: l'Intelligenza Calcistica. L'IC si basa su tre punti cardine che esprimono al meglio le caratteristiche che abbiamo evidenziato a proposito del gameplay: anzitutto i Momenti decisivi con la palla, che propongono finalizzazioni e contrasti "controllati" in modo da rendere più fluide e realistiche le animazioni sia con il pallone sia durante i tackle.

    Con i Movimenti della palla il team di sviluppo ha invece lavorato per migliorare le traiettorie del pallone, ora molto più realistiche e meno inclini a voli innaturali: ne deriva una maggiore necessità di controllo della sfera pad alla mano, dal momento che anche la direzione più impercettibile potrà cambiare sostanzialmente il risultato della nostra azione - sia essa un semplice passaggio o un tiro in porta.

    Infine c'è l'Istinto giocatore, una feature che si focalizza sui comportamenti degli atleti senza sfera: l'intelligenza artificiale è più attenta e reattiva, dal momento che i nostri compagni di squadra riescono a coprire con più efficacia gli spazi durante le azioni offensive. Lo stesso vale per quanto riguarda le difese avversarie, forse addirittura troppo: abbiamo riscontrato, infatti, un agonismo a volte eccessivo che, in più di qualche occasione, ci ha permesso di ottenere facilmente un calcio di rigore - spesso durante un nostro contropiede.

    Anche per quanto riguarda le abilità dei portieri per ora non possiamo che fare eco ai nostri precedenti provati: le demo finora giocate ci hanno permesso di vestire i panni di alcuni dei migliori club d'Europa, che possono vantare tra le proprie fila degli estremi difensori straordinariamente abili. Per il momento, quindi, abbiamo riscontrato una strenua resistenza tra i pali delle porte avversarie, ma ci riserviamo di valutare il gioco completo per capire quanto sarà bilanciata l'esperienza di gioco a seconda delle statistiche proposte dalle varie compagini presenti nel roster.

    I bei campetti di una "Volta"

    Abbiamo già parlato esaustivamente di FIFA Volta in un articolo dedicato: vi abbiamo raccontato le impressioni preliminari sul gameplay, sui contenuti che dovrebbe proporre e vi abbiamo descritto come non bisogna giudicare questa modalità come una copia 1:1 del buon vecchio FIFA Street. In ogni caso coviamo sempre qualche dubbio sull'efficacia che Volta potrà riscuotere a lungo andare sulla community di FIFA. A convincerci poco sono nuovamente le dimensioni ridotte dei campetti che si abbina al gameplay di FIFA 20, il quale dà forma ad un ritmo di gioco serratissimo e sfrenato: elementi che hanno reso i nostri match un continuo via-vai di timidi contrasti, veroniche e brevissime ripartenze per insaccare le minuscole reti poste ai lati del mini-terreno di gioco. Una sola partita è troppo poco per permetterci di sbilanciarci, ma dai nostri primi contatti con la modalità l'impressione è che Volta rischi di non risultare pienamente soddisfacente, a causa di un equilibrio poco omogeneo tra divertimento, spettacolarità e realismo.

    Quel che è certo, però, è che anche Volta proporrà una componente narrativa, inscenando un Tour mondiale da vivere nei panni di un protagonista creato da zero dall'utente.

    Può anche darsi inoltre che, qualora la trama ci porti ad interagire con calciatori realmente esistenti come avvenuto durante il Viaggio di Alex Hunter, alcuni volti noti tra le nuove generazioni di atleti facciano la loro comparsa sui campi di calcetto, dove nascono i sogni di tantissimi aspiranti campioni.

    FIFA 20 FIFA 20 suscita ancora qualche dubbio: siamo curiosi di scoprire le novità di FUT e della Carriera, così come di valutare il bilanciamento generale con tutte le squadre a disposizione, ma soprattutto siamo avidi di mettere le mani sulla versione completa di Volta, una feature che ad oggi non ha ancora mostrato le sue potenzialità. Eppure, incontro dopo incontro, il nuovo simulatore calcistico targato EA Sports mostra pian piano i suoi muscoli, confermandoci almeno in apparenza che il team di sviluppo intende chiudere degnamente questa generazione con un titolo solido e straripante di contenuti. Mancano poche settimane al verdetto definitivo: i nostri tacchetti sono già affilati...

    Che voto dai a: FIFA 20

    Media Voto Utenti
    Voti: 23
    6.2
    nd