Final Fantasy 9: la nona fantasia finale sbarca su Switch

La nona fiaba di Square-Enix approda anche sulla piattaforma ibrida, portandosi dietro un'eredità preziosa e i vecchi difetti della produzione.

provato Final Fantasy 9: la nona fantasia finale sbarca su Switch
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Psx
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Switch
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • Final Fantasy IX porta con sé un bagaglio prezioso: è infatti l'ultima, grande ballata (al pari di una sinfonia) di un'era arrivata al suo tramonto, sia tecnico che concettuale. Ed è anche l'ultimo episodio della saga Square-Enix ad essere stato pubblicato su PlayStation One, nonché l'ultima storia che di fatto poteva considerarsi autoconclusiva, senza il bisogno di espandere il suo universo con sequel ed opere transmediali. Tutto ciò arricchisce al giorno d'oggi il valore di FFIX e lo rende, insieme a tanti altri elementi che ne compongono la produzione, un titolo che rimane fascinoso e attuale: lo ha capito Nintendo, che ne ha realizzato un port disponibile per tutti gli utenti Switch, oltre che per quelli Xbox One. Un gesto, nel caso della versione per l'ibrida di Kyoto, che sancisce un rinnovato amore tra la Grande N e il blasonato brand targato Square, che porterà sulla console Nintendo ulteriori remaster dedicati alle più gloriose tra le fantasie finali. Intanto, scaldiamo i motori delle nostre aero-navi e immergiamoci, ancora una volta, nel verdeggiante mondo di Gaia.

    La ballata di Gidan, Garnet, Steiner e Vivi

    Quando vide la luce nell'ormai lontano 2000, Final Fantasy IX era (tematicamente parlando) tutto fuorché rivoluzionario. Il racconto, così come l'universo di riferimento, abbandonava i toni seriosi e realistici dell'ottavo episodio e recuperava l'immaginario fortemente fantasy dei capitoli precedenti. Per di più, era sorretto da una sceneggiatura dalle atmosfere scanzonate, quasi da fiaba medievale; un racconto estremamente classico, dalla connotazione fanciullesca, che si sorreggeva sui tre archetipi tradizionali, ossia un protagonista scapestrato, una principessa da proteggere ed un cavaliere onorevole.

    Al tempo stesso, ed in maniera sorprendente, la trama finiva però col delineare una parabola esistenzialista in grado di spaziare tra le psicologie dei vari protagonisti, dall'introspezione di Gidan a quella di Vivi: quest'ultimo, inizialmente un tenero e infantile bimbetto, costantemente alla ricerca del proprio Io, si ritrova in seguito a vivere un profondo (e a tratti doloroso) cammino che lo conduce verso l'accettazione di sé.

    Sullo sfondo di questa filosofia, prende corpo una ballata cavalleresca che recupera il classicismo fantasy del franchise e lo adatta con uno stile meno maturo dei suoi diretti predecessori.

    Per coloro che vogliono rinfrescarsi la memoria, Final Fantasy IX racconta un'epopea molto semplice: il destino di due regni intrecciati tra loro da un segreto ineluttabile, un giovane brigante che riceve l'incarico di rapire una bellissima principessa per sottrarla alle grinfie di una madre folle e crudele, un viaggio che infine porta il gruppo a scoprire le origini dietro una piaga che rischia di distruggere irreversibilmente il loro mondo. Una trama longeva, impreziosita da colpi di scena e da un buon tasso d'esplorazione, il tutto mescolato in uno stile artistico particolare e pittoresco.

    Il ritorno al super-deformed, all'introduzione di razze ibride tra uomo e animale, a un universo che in qualche modo cerca di mescolare tradizione e modernità rappresentava il mantra di Final Fantasy IX. Elementi che furono seminali per il futuro della saga, perché facevano eco ad una costruzione, narrativa e artistica, che può essere riconosciuta negli episodi direttamente successivi, da FFX a FFXII.

    Un modo di raccontare la fantasia che cercava di racchiudere in sé un ibrido di stili e narrazioni differenti. Questo, ovviamente, prima che la direzione creativa del brand proseguisse nel progetto Fabula Nova Crystallis, evolutosi fino ad oggi attraverso la tredicesima e quindicesima fantasia finale, che hanno invece abbandonato il sogno immaginifico e fiabesco di una terra magica e lontana per portarci in un grigiore urbano a metà tra il medievale e il futuristico.

    FFIX oggi

    Se paragonata alla riedizione per PS4 giunta nel 2017, la versione Switch si avvicina maggiormente, sul piano qualitativo, al primo port in assoluto al di fuori del PlayStation Network, che fu effettuato su piattaforme Windows, Android e iOS, per poi approdare successivamente sull'ammiraglia di casa Sony.

    Eppure, anche con le sue texture poco definite, modelli poligonali retrogradi e animazioni in affanno, soprattutto sul versante della fluidità nelle sezioni votate al combattimento, il mondo in cui sono calate le avventure di Gidan sembra ancora oggi un meraviglioso affresco dipinto a mano. Gli scenari, fissi e pre-renderizzati, in cui è possibile muovere i protagonisti si travestono da quadro interattivo: un assetto grafico figlio del suo tempo, che mette a nudo la natura di mero port piuttosto che di un remaster volto a pulirne la risoluzione, ma che mostra comunque un fascino indelebile, per le sue ambientazioni ed i suoi panorami dalle tinte deliziose e sospese. Va però specificato che il lavoro del team, discretamente efficace sui modelli dei personaggi, non si riflette appieno proprio negli scenari: che sia una scelta, volta a conservare quell'elemento di antica bellezza che caratterizza l'ambientazione, o piuttosto un'effettiva pigrizia degli sviluppatori in fase di trasposizione, a gravare su questo aspetto è la visuale ancorata ai fastidiosi 4:3 per evidenti motivi di risoluzione.

    Fantasia su Switch

    C'è da dire che, Joy-Con alla mano, Final Fantasy IX per Nintendo Switch è divertente da giocare soprattutto in modalità portatile: la handheld mode, con il suo mini-schermo e la possibilità di comprimere, in una visuale più ridotta, un immaginario dai caratteri chibi e deformati, è a nostro parere il modo migliore per calarsi nel reame di Gaia.

    Al netto di una fluidità leggermente migliore, ma anche di un calo più o meno vistoso della ricchezza visiva su schermo, portare FFIX in modalità TV rende la produzione in tutto e per tutto simile alla versione diffusa su PS4 negli ultimi anni - nella quale tornano anche le timide ma significative novità rappresentate, su tutte, dalla presenza di un auto-save ogni qualvolta si passa in una mappa differente da quella esplorata in precedenza.

    Se c'è un elemento che invece non ci ha convinto del tutto di questo port per l'ibrida della Casa di Kyoto, è proprio la manovrabilità dell'azione - che per fortuna in Final Fantasy IX consiste nel semplice movimento da un'area all'altra della mappa. Il combat system, che ripropone l'Active Time Battle, viene quindi nuovamente espresso da un ibrido tra lotte a turni e duelli in tempo reale, poiché le azioni compiute dai personaggi giocanti sono condizionate dal riempimento della barra ATB .

    Tornando alla versione Switch, il sistema di movimento non si adatta benissimo alla gestione dei minuscoli joy-con e, il più delle volte, abbiamo preferito muoverci su binari orizzontali o verticali utilizzando semplicemente le frecce direzionali del mini-pad Nintendo. Ne sono conseguiti spostamenti piuttosto plastici e innaturali che, considerata anche la gestione della visuale fissa, non rendono del tutto comode le movenze dei protagonisti.

    Final Fantasy IX La versione Nintendo Switch di Final Fantasy IX non introduce alcuna novità sostanziale in termini di gameplay rispetto alle più recenti riedizioni: accanto alle meccaniche storiche torna il comodo auto-save imposto dal continuo cambio di mappa durante l'esplorazione del mondo di gioco. Le luci e le ombre del porting sulla console ibrida della Casa di Kyoto si riflettono in un comparto grafico che modella meglio i personaggi a discapito degli scenari, e che al netto di un'anacronistica visuale in 4:3 restituisce un buon feeling soprattutto in modalità portatile. Giocare un piccolo capolavoro senza tempo, stilisticamente così fiabesco, ben si adatta inoltre alle sessioni di gioco tipicamente mordi e fuggi della console Nintendo, anche se bisogna scendere a patti con la solita manovrabilità limitata imposta dai minuscoli stick dei Joy-Con.

    Che voto dai a: Final Fantasy IX

    Media Voto Utenti
    Voti: 67
    8.9
    nd