Harry Potter Wizards Unite: Pokemon GO nel Wizarding World

Harry Potter Wizards Unite è il nuovo gioco in Realtà Aumentata degli autori di Pokemon GO, ambientato questa volta nel mondo di Harry Potter.

provato Harry Potter Wizards Unite: Pokemon GO nel Wizarding World
Articolo a cura di
Disponibile per
  • iPhone
  • iPad
  • Mobile Gaming
  • Un Pokémon Go in salsa Harry Potter. Sulle prime verrebbe quasi da definirlo così, il nuovo Wizards Unite, terzo titolo sviluppato da Niantic nonché primo approdo del publisher Warner nel mondo della realtà aumentata. Ed in effetti le similitudini con il gioco mobile dedicato ai mostri tascabili sono tante: siamo di fronte ad un'esperienza basata sulla geolocalizzazione, ideata dalle stesse menti creative, in cui al posto dei Pokéstop troviamo locande magiche e serre incantate. Anche Harry Potter Wizards Unite è un titolo traboccante di Creature Fantastiche, ben segnalate su una mappa che rivela chiaramente "dove trovarle": tutto intorno a noi, nei luoghi che visitiamo quotidianamente, camminando per strada.
    Nonostante i molti punti di contatto con la precedente produzione del team si percepisce tuttavia che Wizards Unite è un videogame molto più ambizioso, con meccanismi stratificati e complessi che permettono di aumentare la nostra potenza magica, ed un sistema di collezione estremamente più accattivante.
    Sostenuto da un impegno produttivo che lo rende più bello da vedere e da giocare, grazie ad una grafica d'impatto e ad un'interfaccia curatissima, Harry Potter Wizards Unite ha tutte le carte in regola per diventare un nuovo fenomeno di costume nell'ambito dei giochi a realtà aumentata.

    Harry Potter e i doni dello Smartphone

    Nel corso dei primi minuti di gioco, oltre a lasciarvi personalizzare il passaporto magico che descriverà il vostro personaggio, Harry Potter Wizards Unite vi darà un'idea del contesto in cui vi troverete ad agire. La storia racconta di una Catastrofe che ha sconvolto lo Wizarding World, disseminando in giro per il mondo dei babbani creature, oggetti e tracce di incantesimi che rischiano di compromettere per sempre lo Statuto di Segretezza.

    L'obiettivo dei giocatori sarà quindi quello di "acchiappare" tutti gli elementi compromettenti, che nel gioco vengono chiamati Smarriti. Peccato che solitamente, a difenderli, troveremo i cosiddetti Soqquadri, creature o incantesimi aggressivi che proveranno a ostacolarci.
    In Wizards Unite c'è un racconto che si manifesta di tanto in tanto, alle volte contando persino su dialoghi completamente doppiati in italiano, quando si completano alcune missioni speciali o dopo il ritrovamento di oggetti misteriosi. Ovviamente la trama resta un elemento tutto sommato secondario, e quello che conta è invece la possibilità di esplorare la propria città alla ricerca degli smarriti più rari.
    Proprio come in Pokémon Go su schermo viene visualizzata una mappa su cui compaiono i nostri bersagli. Entrare in contatto con uno Smarrito non ci richiede ovviamente di lanciare Pokéball, ma incantesimi. Per farlo bisogna tracciare sullo schermo un segno che replica i movimenti della bacchetta: più saremo precisi e veloci, maggiore sarà l'efficacia della magia. Nel caso di un'esecuzione non impeccabile, o di fronte a Smarriti particolarmente potenti, potrebbe succedere di fallire e dover riprovare, consumando ogni volta un'unità di Energia Magica.

    Ed è qui che entra in gioco la componente legata all'esplorazione: per rimpinguare le scorte di energia bisogna muoversi, andare in giro per la città, fermarsi nelle locande e nelle serre rappresentate dai luoghi reali: punti di interesse, monumenti, edifici importanti. Nelle prime potremo ottenere dei cibi in grado di rifocillarci, nelle serre avremo anche l'opportunità di ricevere ingredienti magici (che, come vedremo, serviranno per preparare pozioni).

    Diciamolo subito per evitare brucianti scottature: per giocare a Harry Potter Wizards Unite senza spendere è necessario muoversi, e molto. Senza girare per la città bastano poche ore di gioco per imbattersi nelle prime microtransazioni. Avendo a disposizione un'area con una manciata di locande, invece, si procede sereni e spediti, anche se in effetti il gioco è un po' più avaro nell'elargire Energia Magica di quanto Pokémon Go non sia nel dispensare Pokéball.

    Forse l'idea è quella di incentivare se non altro l'acquisto dei pacchetti iniziali, alcuni dei quali aumentano in via definitiva le riserve di energia.
    La differenza fra un giocatore stanziale e uno che invece si muove è abissale: Harry Potter Wizards Unite non è chiaramente pensato per chi non ha voglia di andare in giro e raggiungere le curiosità segnalate sulla mappa. Se pensate che questo approccio non faccia per voi, il suggerimento è quello di rivolgervi ad altri prodotti dedicati al mondo ideato da J.K. Rowling.

    Un'esperienza sorprendente

    Se decidere di abbracciare le regole di Wizards Unite (e, più in generale, delle avventure basate sulla geolocalizzazione) vi troverete di fronte ad un'esperienza davvero solidissima. Il titolo firmato Niantic ha una struttura semplicemente assuefacente, che vi cattura grazie ad una marea di cose da fare.

    Anzitutto è ottima la struttura delle collezioni. Creature, personaggi e oggetti sono divisi in dieci categorie, a seconda che si tratti di Leggende di Hogwarts, oggetti legati alle Arti Oscure oppure Animali Fantastici. Una volta acchiappato uno Smarrito (oppure tutti i frammenti che lo compongono) potremo posizionare la sua immagine sul Registro, per completare specifiche raccolte. Una volta completata una raccolta potrete usare su di essa un Prestigio: in questa maniera la sua cornice diventerà più preziosa, e tutte le creature che ne fanno parte vi frutteranno più esperienza magica quando le catturerete. La contropartita è che dovrete catturarle nuovamente per riposizionarle sul Registro. In pratica non basterà collezionare una volta tutti gli Smarriti, ma ci sarà un sistema che premierà l'impegno continuativo e duraturo. Sappiate ovviamente che per completare le raccolte dovrete faticare molto, stando attenti anche alle fasi lunari e alle condizioni atmosferiche, che influiranno sugli Smarriti che compariranno sulla mappa.

    Raggiunto il sesto livello vi verrà inoltre chiesto di scegliere una professione, fra Auror, Magizoologo e Insegnante. Ogni mestiere ha ovviamente specifici punti di forza e debolezze, così che possiate avere un vantaggio contro certe tipologie di Soqquadri e creature. Ci sarà anche un lunghissimo albero delle abilità, grazie al quale migliorare potenza magica, resistenza, concentrazione ed efficacia degli incantesimi.

    Il senso di progressione sembra molto stimolante, ed ovviamente è un piacere vedere il proprio mago che, dopo qualche ora di gioco, riesce finalmente a mettere fuori combattimento quel licantropo che prima sembrava inarrestabile. Queste sensazioni non sono mai state così marcate in Pokémon Go, e i giocatori si troveranno molto coinvolti, dedicandosi al superamento delle sfide che garantiscono gli oggetti necessari ad apprendere nuovi poteri.

    Le possibilità di Wizards Unite non finiscono qui. Gli ingredienti recuperati nelle serre o direttamente in giro per la mappa serviranno per approntare pozioni, con cui potenziare gli incantesimi necessari a sopraffare i Soqquadri oppure recuperare energia.

    In Harry Potter Wizards Unite, infatti, ci sono anche sfide che mettono a dura prova maghi e streghe. Rispetto a Pokémon Go si perde totalmente la componente legata alla rivalità fra i vari team: qui le quattro case di Hogwarts collaborano per mantenere lo Statuto di Segretezza, ed il titolo si presenza come un gioco interamente cooperativo.
    Raggiungendo le immense Fortezze visibili sulla mappa potremo avviare delle sfide magiche a cui potranno prendere parte tutti i giocatori presenti nell'area (il netcode, fra le altre cose, ci è sembrato rapidissimo e senza incertezze). In questo caso l'obiettivo sarà quello di affrontare una sequenza di creature malvagie e Mangiamorte, in sfide che prevedono il lancio di incantesimi d'attacco e di difesa. Fra uno scontro e l'altro si potranno usare anche magie legate alla propria professione: gli Auror potranno indebolire gli avversari prima della battaglia, gli Insegnanti invece cureranno i propri alleati.
    Le sfide garantiscono ricompense speciali, e i giocatori potranno anche scegliere la difficoltà dei nemici, di fatto costruendo dei "raid" su misura, pensati per il gruppo di giocatori che si trova nei paraggi. Un sistema potenzialmente efficace, che andrà valutato sulla lunga distanza.

    Per il momento, purtroppo, non ci sono altre interazioni fra giocatori, come scambi o duelli magici: un dettaglio abbastanza strano, se consideriamo che proprio la community di Pokémon Go aveva chiesto a gran voce l'introduzione di questi elementi.

    Al momento sembra mancare anche la sincronizzazione del tragitto percorso mentre l'app resta in background: un aspetto non troppo gradito a chi vorrà attraversare le Passaporte, che qui funzionano esattamente come le uova di Pokémon (con le chiavi magiche che hanno la stessa funzione delle incubatrici, attivando le Passaporte che poi vanno sbloccate camminando per 2, 5 o 10 chilometri).

    Harry Potter Wizards Unite Questa lunga panoramica delle caratteristiche di Harry Potter Wizards Unite dovrebbe avervi fatto capire quanto sia imponente l'impegno che Warner e Niantic hanno riversato nella produzione. Se è vero che il titolo parte dalle basi di Ingress e Pokémon Go, non si può assolutamente parlare di un semplice "copia e incolla". Con la sua dimensione cooperativa, un sistema di sviluppo del personaggio ed un'ottima gestione delle collezioni, Wizards Unite rivendica un carattere tutto suo, e si presenta come un gioco molto più stratificato e stimolante. Le prime impressioni sono insomma estremamente positive, ed in attesa di valutare la tenuta del prodotto e l'influenza delle microtransazioni, siamo fermamente convinti che il gioco possa trasformarsi in un grande successo di pubblico. Attirando non solo tutti i fan dello Wizarding World, ma anche quei giocatori che anni fa sono rimasti stregati dalla formula di Pokémon Go e che oggi cercano nuovi stimoli. Harry Potter Wizards Unite sta per arrivare su iOS e Android: dalla prossima settimana potrete andare finalmente a caccia di Soqquadri, agitando le vostre bacchette digitali.

    Che voto dai a: Harry Potter Wizards Unite

    Media Voto Utenti
    Voti: 22
    7
    nd