Hearthstone: L'Accademia di Scholomance, le prime ore in compagnia del set

Abbiamo passato l'intero weekend in compagnia della nuova espansione di Hearthstone. Ecco le nostre impressioni sul secondo contenuto dell'anno.

provato Hearthstone: L'Accademia di Scholomance, le prime ore in compagnia del set
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Mobile Gaming
  • Pc
  • La nuova espansione di Hearthstone, come vi abbiamo anticipato in occasione della nostra anteprima dell'Accademia di Scholomance, ci catapulta nel bel mezzo della scuola di magia diretta dal Magnifico Rettore Kel'Thuzad.
    A distanza di pochi giorni dalla sua uscita (e dopo averla testata in anteprima per qualche ora prima della release ufficiale) possiamo darvi, in via preliminare, le nostre impressioni sulle nuovissime aggiunte del set. Chiaramente, le tumultuose giornate successive alla pubblicazione sono - come di consueto - un brodo primordiale in pieno subbuglio.
    La prima fase di vita dell'espansione, al solito, è dedicata interamente all'assimilazione delle novità e alla esasperata sperimentazione da parte della sempre attiva community.
    Le meccaniche inedite saranno riuscite a far breccia nel cuore dei giocatori trovando il proprio posto negli archetipi già esistenti, oppure saranno delle aggiunte belle sulla carta ma sterili all'atto pratico?
    Come vi abbiamo già detto, le nostre considerazioni (e i nostri esperimenti con i deck) si riferiscono ai primissimi giorni di vita del contenuto stagionale, dunque tutto è ancora incerto e suscettibile di repentini mutamenti.

    Il potere dei Frammenti dell'Anima

    Rispetto all'impatto devastante provocato sul meta dall'arrivo del buon Illidan con Ceneri delle Terre Esterne, l'Accademia di Scholomance sembra aver debuttato in maniera più tranquilla ed equilibrata. L'introduzione delle nuove meccaniche, sino a questo momento, non ha causato grossi scossoni nel meta che in questi giorni sta accogliendo mazzi sperimentali, basati soprattutto su vecchi archetipi. Non mancano, comunque, alcune soluzioni eclettiche.
    Ad ogni modo, l'introduzione delle carte bi-classe - ovvero la meccanica principale e più evidente del set - pur andando a vivacizzare la fase di deck building non ha avuto lo stesso impatto della classe del Cacciatore di Demoni. Segno che la rischiosa (ma assolutamente interessante) scommessa degli sviluppatori tutto sommato potrebbe essere un'iniezione di salute per il card game targato Blizzard.

    Per quanto concerne il nostro primo contatto con il secondo contenuto aggiuntivo dell'Anno della Fenice, abbiamo dovuto fare i conti sin da subito con colui che continuerà a rimanere tra i protagonisti indiscussi delle prossime settimane: il Cacciatore di Demoni.

    Nonostante l'imponente ondata di nerf (oltre una dozzina) che l'ha colpita nei mesi scorsi, l'ultima classe introdotta continua ad esser la più potente ed efficace. Una vera Tier S. Non solo: alla luce delle recenti aggiunte non abbiamo dubbi che la classe continuerà a dominare incontrastata il meta anche in questa seconda parte dell'anno.

    Analizzando le nuove carte messe a disposizione, due saranno gli archetipi che di sicuro si prenderanno tutto il palcoscenico: l'Aggro demon hunter e il Soul shard demon hunter (altrimenti detto anche Malicia, dal nome della Leggendaria "Animologa Malicia", carta bi-classe che presta i propri servigi sia a Illidan che a Gul'Dan).
    Andiamo con ordine. Per quanto riguarda l'archetipo Aggro, il Cacciatore di Demoni può beneficiare di aggiunte dal peso specifico non indifferente nell'economia del match. In particolare, la combinazione delle due neutrali Lettrice Incallita e Panthara Divoramana con Salto Doppio e il Teschio di Gul'Dan permette di avere un apporto di carte costante con cui martellare l'avversario.

    Nel meta, come anticipato, troverà sicuramente spazio anche l'archetipo Soul shard (o Soul Frag), il quale basa tutta la propria efficacia sulla meccanica di gioco dei Frammenti d'Anima. Molte carte del set permettono di creare Frammenti che finiscono nel deck e, una volta pescati, permettono di guadagnare due punti salute. Non solo: diversi servitori, infatti, sfruttano proprio i Frammenti per portare danno diretto e indiretto all'avversario.
    Ad esempio, distruggendo un frammento, la Lapidaria dell'Anima porta l'attacco dell'eroe a 5 per un turno mentre, la Mitica Spezzaframmenti infligge tre danni a tutti gli altri servitori. La già citata Animologa Malicia, invece, evoca un'Anima 3/3 con Assalto per ogni Frammento d'Anima presente nel mazzo.
    L'altra classe ad avere molte possibilità di far breccia nel cuore dei giocatori è il Warlock, che possiede molte similitudini con il Cacciatore di Demoni come, ad esempio, la capacità di sfruttare proprio i Frammenti dell'anima.

    Le altre classi inseguono

    Altre classi di sicuro interesse per i giocatori, in questo momento, sembrano essere principalmente il Paladino e il Sacerdote.
    Le aggiunte per il Paladino paiono accattivanti, incentrate soprattutto sull'aggressività e sulla leggendaria Gran Badessa Alura (un servitore condiviso proprio con il Sacerdote).
    La descrizione della carta recita: "Impulso Magico: lancia una magia dal tuo mazzo (se possibile sceglie questo servitore come bersaglio)". Alura può portare beneficio attraverso la nuova keyword "Impulso Magico" visto che, lanciando direttamente una magia, questa attiverà l'effetto bonus di tutti i servitori presenti sulla board con la stessa parola chiave (come l'ottima aggiunta Soldatessa Doppioscudo). Inoltre, se ben giocata in un mazzo aggro, c'è la possibilità di potenziare la Badessa con carte boost come Benedizione dell'Autorità (che porta gratis un +8/+8 alle statistiche del servitore).

    Per quanto riguarda il Sacerdote, invece, la classe può contare su diverse aggiunte di peso, tra cui una delle carte più affascinanti del set: Squarciamente Illucia, leggendaria di classe che consente di scambiare la propria mano e il mazzo con quelli dell'avversario sino al turno successivo. Inoltre, gli archetipi Ressurect, Galakrond e Dragon torneranno presto a far discutere. Le carte a supporto sono diverse e tutte decisamente efficaci, da Rianimazione Cadaveri a Studi sui Draghi e Iniziazione.

    Le altre classi, al momento, le abbiamo viste raramente. Una discreta percentuale di Ladri (anche in questo caso con Galakrond), mentre Guerrieri, Sciamani (principalmente con l'archetipo Totem Shaman e le carte Studente Diligente, Fioritura Fulminea, Incisioni Runiche e Mastodonte Totemico) e Cacciatori tradizionali ancora faticano ad adattarsi.

    Indiscrezione finale: arriva il battle pass?

    Chiudiamo questa veloce sortita nell'Accademia di Scholomance con un leak davvero succulento. Stando alle ultime indiscrezioni, Blizzard avrebbe inviato sondaggi ai giocatori di Hearthstone per avere informazioni sulla possibile introduzione di un battle pass. La nuova aggiunta andrebbe a sostituire l'attuale sistema di ricompense con una configurazione basato sull'accumulo di punti pass. In base a quanto emergerebbe dal sondaggio, quindi, a ogni espansione corrisponderebbe un nuovo battle pass della durata, quindi, di circa quattro mesi. Durante questo periodo, i giocatori potrebbero guadagnare progressivamente esperienza per raggiungere i canonici 100 livelli. Il pass, come di consueto, dovrebbe avere sia la versione gratuita che quella a pagamento.

    Queste - come potete vedere dallo schema che vi riportiamo - potrebbero essere pacchetti della nuova espansione o delle precedenti, boost dell'esperienza, biglietti per ingressi nell'Arena, Oro (oltre 4000 Gold), skin alternative per gli eroi, carte epiche e leggendarie. Da un lato questo rinnovato sistema rischia potenzialmente di allontanare la vecchia guardia ma, allo stesso tempo, potrebbe dare finalmente un incentivo a rimanere più a lungo attivi all'interno del gioco, per ottenere ricompense migliori. Inoltre sarebbe un'ottimo modo per avvicinare tutti quei giocatori da sempre spaventati dall'elevata barriera all'entrata che Hearthstone continua a contrapporre loro.

    Parlando di concorrenti diretti, MTG e Legends of Runeterra possiedono già un sistema simile. In particolare, MTG ha dimostrato quanto possa essere utile dare la possibilità agli utenti di accedere a contenuti di questo tipo in termini di monetizzazione e riscontro del pubblico. Il sistema di Hearthstone è infatti troppo vecchio e attualmente non più adatto alla sostenibilità del titolo sul lungo periodo. Aver tolto le avventure a pagamento, in effetti, non ha giovato.

    Hearthstone L'Accademia di Scholomance Le prime ore trascorse in compagnia dell'Accademia di Scholomance ci hanno permesso di prendere confidenza con le novità introdotte dagli sviluppatori. Le sensazioni a riguardo sono positive: non si è verificato nessun terremoto come quello provocato all'inizio dell'Anno della Fenice dal Cacciatore di Demoni e diversi archetipi hanno buone possibilità di emergere da quel brodo primordiale chiamato meta che si sta via via formando. Le aggiunte sono interessanti, a partire dalla meccanica Impulso Magico e dalle carte bi-classe sino alle dinamiche legate ai Frammenti dell'Anima. Il Cacciatore di Demoni continua comunque a fare la voce grossa; il Warlock ne ha l'ambizione, così come il Sacerdote che con il suo Galakrond non accenna proprio a mollare. Infine, la notizia di una possibile rivoluzione nella politica di monetizzazione con l'introduzione di un ipotetico battle pass è un'indiscrezione che farà discutere ma che, a nostro avviso, permetterebbe a Hearthstone di rinnovarsi.

    Che voto dai a: Hearthstone L'Accademia di Scholomance

    Media Voto Utenti
    Voti: 4
    8.8
    nd