Hot Wheels Unleashed: bolidi fiammanti e ruote incandescenti

Milestone abbraccia il modello di guida arcade nel suo nuovo racing game su licenza Hot Wheels sviluppato in collaborazione con Mattel.

Hot Wheels Unleashed
Anteprima: Multi
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Switch
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • PS5
  • Xbox Series X
  • Quella tra Milestone e Mattel è senza dubbio una collaborazione inaspettata, oltre che una forte dichiarazione d'intenti da parte del team italiano, che dopo anni trascorsi sulle due ruote per sviluppare un modello di guida che fosse il più realistico possibile, ha finalmente deciso di uscire dalla propria "confort zone" per sperimentare, dando vita a qualcosa di completamente nuovo. Spazzata via ogni velleità simulativa (come anticipato anche dalla nostra precedente anteprima di Hot Wheels Unleashed), il team milanese si è rimboccato le maniche per affiancare Mattel nella creazione di un prodotto su licenza fieramente arcade, proprio come si confà a un brand scanzonato come quello delle fiammanti macchinine dell'azienda statunitense.

    Dopo aver assistito da lontano a qualche video gameplay e alla presentazione di alcune delle numerose piste che saranno incluse nella versione finale (per la quale sono previsti più di quaranta tracciati diversi), abbiamo finalmente avuto l'occasione di metterci al volante in prima persona grazie ad una build preliminare giocabile su Steam. Un'anteprima abbastanza limitata dal punto di vista dei contenuti (l'unica modalità disponibile era la classicissima "gara veloce", in singolo o tramite split-screen), ma al contempo estremamente rifinita sul versante tecnico e funzionale.

    Bolidi fiammanti

    Il gameplay di Hot Wheels Unleashed è immediato e senza troppi fronzoli, ma non così facile da padroneggiare come ci si potrebbe immaginare. L'impostazione di guida è, come era lecito attendersi, completamente arcade, ma richiede notevole precisione nell'inserimento di curva tramite derapata, la quale andrà controllata attivamente dall'inizio alla fine.

    Anche durante i salti sarà fondamentale direzionare e ruotare correttamente il nostro mezzo tramite i due stick analogici, in modo tale da atterrare nel modo corretto ed essere subito pronti a ripartire a gran velocità. L'angolo e la velocità con cui ci si approccia alle varie rampe sono altri due fattori da non sottovalutare: iniziare male un salto potrebbe portare il nostro veicolo a scomporsi e sbilanciarsi, finendo sotto sopra a mezz'aria o costringendoci all'utilizzo del "respawn" qualora dovessimo malauguratamente finire fuori pista. Arrivare a padroneggiare ciascuna vettura richiede tempo e dedizione, anche e soprattutto grazie all'incredibile varietà di macchinine a nostra disposizione. Si passa da una sorta di autobus, più goffo e lento ma super resistente, a veicoli estremamente scattanti e rapidi. Ciascuna vettura ha una caratterizzazione visiva eccellente e delle statistiche specifiche ad indicarne manovrabilità, rapidità ed efficacia in frenata. Anche il turbo cambia in maniera significativa da mezzo a mezzo, non solo per quantità ed efficacia, ma anche come modalità di ricarica e di utilizzo: alcune macchinine ci metteranno a disposizione delle vere e proprie cariche, da usare una alla volta previo caricamento completo delle stesse, altre presentano invece una barra continua, che può essere frazionata e dosata a nostro piacimento, garantendoci maggiore flessibilità.

    Nonostante l'ampio ventaglio di caratteristiche vada ad incidere sensibilmente sull'efficacia e sulle potenzialità di ciascun mezzo, il tutto risulta perfettamente bilanciato: ciascun bolide ha casi d'uso ideali, ma tutti possono consentirci di raggiungere la vittoria se usati nel modo corretto. Questo sistema, tra l'altro, inserisce un ulteriore livello di strategia, in quanto potrebbe rendere particolarmente vantaggioso passare da un'auto all'altra a seconda della pista. Senza considerare un ulteriore particolare che ci ha subito colpito, ma che, in virtù della natura limitata della build, non abbiamo ancora avuto modo di esplorare a fondo: la presenza di un vero e proprio grado di rarità.

    Non sappiamo come funzionerà la progressione all'interno del gioco e quali saranno le modalità di sblocco di nuove vetture, ma immaginiamo che queste possano essere strettamente collegate al progresso all'interno della modalità carriera. Concludiamo dicendo che le auto "comuni", pur essendo logicamente più basilari nell'aspetto rispetto a quelle "leggendarie", per il momento non hanno mostrato particolari vantaggi prestazionali.

    Un altro elemento distintivo del brand targato Mattel sono logicamente le piste, percorsi infernali pieni di giri della morte e curve strettissime. Nella versione di prova in nostro possesso i tracciati erano nove, suddivisi all'interno di quattro location differenti. Si parte dal campus universitario, diviso a sua volta in più stanze, tra cui una libreria, un laboratorio di chimica e una classe; una delle location più "tradizionali" tra quelle da noi visitate, con piste di difficoltà medio-bassa ottime per apprendere le basi del gioco.

    Non mancano poi altri classiconi del genere, come il grattacielo in costruzione, uno skatepark (all'interno del quale si estendono alcune delle piste più tecniche del pacchetto) e un garage abbandonato, una delle ambientazioni che più ci ha messo in difficoltà durante la nostra prova. Ciascuna zona ha le proprie caratteristiche distintive, ma tutte hanno in comune la forte caratterizzazione degli ambienti e la notevole aderenza ai canoni estetici del brand.

    Il bello deve ancora venire

    Il codice usato per il nostro hands-on si è rivelato molto piacevole da giocare, ma mancava di molte delle componenti che faranno parte del pacchetto completo che troveremo in vendita a partire dal prossimo Settembre.

    Una su tutte l'editor di tracciati, funzionalità che, abbinata alla follia del brand di Mattel, potrebbe davvero consentire al gioco targato Milestone di fare un ulteriore salto di qualità. Immaginatevi la possibilità di creare tracciati personalizzati in ciascuna delle ambientazioni proposte dal gioco (a proposito, a quanto pare ne verranno a breve annunciate altre due inedite), disseminandoli di giri della morte, pedane per il turbo e ostacoli d'ogni tipo. Resta ovviamente da valutare la facilità d'utilizzo e la varietà di inserti ed elementi che il sistema ci metterà a disposizione, ma sulla carta potrebbe davvero fare la differenza.

    Siamo molto curiosi anche di provare la modalità carriera, l'esperienza single player per eccellenza del titolo, che prenderà il nome di Hot Wheels City Rumble. Sarà il modo migliore (o forse addirittura l'unico?) per sbloccare nuovi veicoli e, cosa forse ancor più importante, nuovi elementi da utilizzare all'interno del track builder. Le possibilità di personalizzazione saranno inoltre estese persino alle vetture, grazie ad un apposito editor di livree.

    Le nostre creazioni - così come anche le piste da noi progettate - saranno liberamente condivisibili con il resto della community. Il team di sviluppo ha inoltre confermato la totale assenza di microtransazioni ogni singolo contenuto potrà essere sbloccato con l'utilizzo di una valuta in-game ottenibile vincendo gare e completando sfide.

    Hot Wheels Unleashed Semplice da approcciate ma ricco di tecnicismi e spunti interessanti, Hot Wheels Unleashed sembra destinato a diventare uno dei prodotti più particolari e fuori dagli schemi all’interno del portfolio di Milestone. Non un semplice gioco su licenza, ma un modo per sperimentare e provare qualcosa di nuovo, abbandonando temporaneamente le pretese di verosimiglianza tipiche delle produzioni “su due ruote” cui la software house nostrana ci ha abituato negli ultimi anni, nel tentativo di attaccare un segmento di mercato completamente inedito. In attesa di mettere le mani su una versione completa del gioco (che dovrebbe arrivare sugli scaffali il prossimo 27 Settembre), non possiamo che ritenerci più che soddisfatti da questa prima prova sul campo.

    Quanto attendi: Hot Wheels Unleashed

    Hype
    Hype totali: 18
    80%
    nd