Injustice 2: provato il nuovo picchiaduro con gli eroi DC Comics

Invitati a Milano da WB Games, abbiamo passato un pomeriggio alla scoperta di interessanti novità su Injustice 2.

provato Injustice 2: provato il nuovo picchiaduro con gli eroi DC Comics
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • La stagione dei picchiaduro sta per aprirsi in pompa magna. Dopo aver avuto difatti l'occasione di testare lo Story Mode di Tekken 7 solo pochi giorni fa, è giunto il turno di saggiare nuovamente le potenzialità di un altro "rullacartoni" molto atteso dai fan, ovvero Injustice 2: beat'em up sviluppato dai NetherRealm Studios, veterani del genere e autori della rinascita della serie di Mortal Kombat.
    L'evento, organizzato da Warner Bros Games nella cornice del VGP di Milano, ci ha permesso di provare il gioco a pochissimi giorni dall'uscita ufficiale nei negozi, prevista per il prossimo 18 maggio. Per l'occasione, durante la giornata abbiamo anche avuto il piacere di partecipare a un torneo organizzato appositamente per la stampa specializzata, in cui ci siamo misurati in scontri all'ultimo sangue contro i colleghi delle varie testate italiane. Purtroppo non siamo riusciti a portarci a casa l'ambito premio finale, ma questo non ci ha comunque distolto dal compito di valutare nuovamente il secondo capitolo del picchiaduro dedicato agli eroi del multiverso DC.

    Presente all'evento anche il game designer di NetherRealm Studios, Derek Kirtzic, che ha intrattenuto la platea spiegando alcuni dettagli relativi al sistema di armature ed equipaggiamento introdotto in questo nuovo capitolo di Injustice, e ci ha dato l'opportunità di dare uno sguardo più approfondito al Multiverso, una modalità tutta nuova che ricalca la Living Tower di Mortal Kombat X, ampliandone però alcuni concetti per renderli coerenti all'universo DC.
    Derek parte illustrandoci subito le varie modalità che troveremo in Injustice, dicendoci che la modalità Storia (che non abbiamo potuto giocare) è basata su una sceneggiatura scritta a più mani tra gli autori di NetherRealm e quelli DC Comics. Sappiamo bene che la casa di sviluppo statunitense tiene particolarmente allo sviluppo narrativo nei suoi giochi, ed inoltre venire a sapere della collaborazione ufficiale con i talenti di DC ci fa ben sperare per il risultato finale. Scorrendo velocemente il menù arriviamo alla spiegazione del Gear System, uno dei due elementi centrali della presentazione. L'importanza che avrà la modalità all'interno dell'economia di gioco è data dall'ampliamento della rosa di scelte strategiche che il giocatore potrà effettuare prima degli scontri, in base all'avversario e ai pezzi di armatura posseduti. Ogni eroe presente, infatti, ha la possibilità di essere equipaggiato con pezzi di armatura unici, per testa, torso, braccia e gambe. Ognuno di questi può essere colorato in maniera diversa e, tanto per fare un esempio, si potrà tramutare il velocissimo The Flash nel suo acerrimo nemico, Anti Flash, semplicemente mediante i set di colori preimpostati. Ovviamente, l'introduzione di questo sistema non si ferma a una mera questione stilistica, ma va più in profondità dal momento che ogni frammento di armatura ha unproprio livello, nonché bonus e malus distintivi, che si configureranno come caratteristiche aggiuntive ai poteri dell'eroe a cui le faremo equipaggiare.

    Anche qui è doveroso chiarire le cose con un esempio: uno dei set di armature disponibili è visibilmente cosparso di serpentine che emanano un bagliore di colore verde acceso, e il nome emblematico di armature kryptoniane ci dà subito l'idea di come poterle utilizzare al meglio. Infatti, oltre a fornire un aumento delle statistiche in difesa e attacco al personaggio che ne farà utilizzo, causeranno un danno aggiuntivo, per esempio, a un avversario come Superman, storicamente avverso alla kryptonite, aumentando le nostre possibilità di riuscire a mettere a tappeto l'uomo d'acciaio durante le battaglie contro di lui. C'è ancora da capire bene quale sarà il livello di bilanciamento di questa soluzione negli scontri online in quanto, come già anticipato nei nostri precedenti articoli, il rischio di creare forti scompensi nel matchmaking è abbastanza elevato, andando a creare spiacevoli situazioni in cui il personaggio meglio equipaggiato si ritrovi poi a dominare partite contro chi, magari, dispone di equipaggiamento di livello inferiore. Ogni pezzo di equipaggiamento è, difatti, suddiviso anche per rarità, con gli oggetti oro e platino a rappresentare il top tier del bottino che è possibile trovare o acquistare. Per quanto sia molto difficile rinvenire oggetti rari, fortunatamente ogni pezzo di equipaggiamento potrà essere sbloccato anche con i crediti ottenuti in gioco, scongiurando, tra le altre cose, il pericolo legato alle disparità dovute alle microtransazioni. Uno dei metodi utili per ottenere i preziosi crediti con cui conquistare nuovo equipaggiamento è il già citato Multiverso. In questa modalità, che ricalca molto la Living Tower incontrata in Mortal Kombat X, troveremo dei pianeti su cui affronteremo specifiche missioni con specifici personaggi. La particolarità di questa introduzione è data dal fatto che ogni pianeta ha un countdown, al termine del quale non potrà più essere affrontato, lasciando spazio a nuovi pianeti con nuovi contenuti. Derek ci ha però rassicurati dicendoci che ogni pianeta, una volta terminato il conto alla rovescia, non sparirà per sempre, ma anzi tornerà ciclicamente per poter dar modo ai giocatori di provare tutti i mondi possibili. Inoltre, verrà inserito un meccanismo di votazione in cui la community potrà esprimersi sulla qualità di ogni pianeta: qualora uno di questi risultasse molto apprezzato, verrà riproposto con maggiore frequenza. Di certo, la modalità Multiverso sembra avere le carte in regola per aumentare la longevità del titolo, ma per esprimerci definitivamente a riguardo dovremo attendere la recensione. Pad alla mano, Injustice conferma le impressioni avute nei nostri precedenti incontri con il titolo. NetherRealm ha deciso di adottare uno stile conservativo, offrendo una giocabilità molto simile a quella del primo episodio, raffinandola ulteriormente e proponendo un gameplay maggiormente votato alla spettacolarità, fatto di super mosse, juggle non eccessivo e poteri speciali. Le arene sono, inoltre, munite di aree in cui si possono eseguire azioni contestuali: nelle vicinanze di una di queste, schiacciando l'apposito tasto dorsale si scaraventerà, contro l'ignaro avversario, l'oggetto relativo, infliggendogli del danno. Un utile diversivo per cercare di venir fuori da situazioni complicate. Non solo: alcuni oggetti potranno anche essere utilizzati per cambiare il lato d'attacco, rovesciando ai danni dell'avversario la spiacevole circostanza dell'essere chiusi nell'angolo, alla mercé dei colpi del rivale. Immancabili anche le zone segrete delle arene, raggiungibili durante i combattimenti, e le super mosse dal taglio cinematografico, che strizzano pesantemente l'occhio alle Fatality di Mortal Kombat, pur essendo evidentemente più edulcorate. Decisamente non male.

    Anche il roster sembra ben fornito, con personaggi (letteralmente) fulminei come The Flash, che basa il suo moveset sulla velocità senza però pregiudicare il tecnicismo delle sue combo, ed altri lottatori meno specializzati, come Aquaman, immancabile personaggio user friendly, ottimo per iniziare e perfetto per far molto, molto, male all'avversario, grazie al giusto mix di attacchi ravvicinati e dalla media-lunga distanza, portati con il suo Tridente o mediante il richiamo di una creatura degli abissi che simpaticamente colpirà il malcapitato avversario con uno dei suoi tentacoli. Insomma, Injustice 2 sembra essere pronto a dare il meglio sul mercato, a partire dal prossimo 18 maggio. Resta ancora qualche dubbio relativo al bilanciamento online degli scontri, ma per saperne di più bisognerà aspettare la nostra recensione, dove scioglieremo anche quest'ultima riserva e daremo il nostro giudizio definitivo sul titolo di NetherRealm Studios.

    Che voto dai a: Injustice 2

    Media Voto Utenti
    Voti: 60
    8.1
    nd