MultiVersus: lo Smash Bros di Warner con Batman, Bugs Bunny e Harley Quinn

MultiVersus presenta un picchiaduro free to play con un roster incredibilmente variegato: abbiamo provato la Beta.

MultiVersus
Anteprima: Multi
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Switch
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • PS5
  • Xbox Series X
  • Da Nickelodeon All-Star Brawl al neo annunciato LEGO Brawl, negli ultimi tempi abbiamo assistito alla nascita di numerosi esponenti del genere brawler. Dei tanti potenziali competitor di sua maestà Super Smash Bros, però, quello che ha catturato maggiormente la nostra attenzione è MultiVersus, ossia il picchiaduro crossover tra le varie licenze di casa Warner Bros. (ve ne abbiamo parlato nell'anteprima di MultiVersus). Avendo partecipato in anticipo alla beta del free-to-play sviluppato da Player First Games e atteso nel corso del 2022 su Xbox One, Xbox Series X/S, PlayStation 4, PlayStation 5 e PC, ecco le nostre impressioni su quel che è un titolo spassoso e coloratissimo.

    Zuffa tra eroi Warner Bros

    Anche e soprattutto grazie al sempre più vasto universo dei supereroi, che negli ultimi anni hanno invaso il mondo del cinema e della televisione, il crossover tra diverse proprietà intellettuali è ormai una delle operazioni commerciali più diffuse e apprezzate del nostro tempo.

    Attingendo agli innumerevoli franchise di cui Warner Bros. detiene i diritti, il colosso statunitense e lo studio Player First Games hanno reso possibile l'incontro - o meglio, lo scontro - tra personaggi che non avrebbero mai dovuto riunirsi (ecco l'elenco di tutti i personaggi di MultiVersus), tant'è che il roster giocabile di MultiVersus vede appunto la partecipazione degli immancabili Shaggy e Velma da Scooby-Doo, Tom e Jerry, Finn e Jake di Adventure Time, senza dimenticare gli amatissimi Looney Tunes Bugs Bunny e Taz, nonché icone DC Comics del calibro Superman, Batman, Wonder Woman e Harley Queen.

    Se la convocazione di combattenti così sensazionali (e in alcuni casi improbabili) ha rappresentato sin dal primo istante il principale punto di forza di questa autentica miniera per gli estimatori delle proprietà Warner, di ritorno dal nostro prolungato contatto col prodotto non abbiamo potuto far altro che riconoscere agli sviluppatori di MultiVersus il merito di aver saputo reinterpretare con grande maestria le movenze e i comportamenti di Arya Stark e company, affinché queste si adattassero alle dinamiche tipiche dei brawler.

    Ogni personaggio è stato del resto trattato con assoluto rispetto verso il materiale originale, non per nulla le pose, gli attacchi e persino le battute di lottatori come la schizofrenica Harley Quinn - giusto per citarne una - risultano perfettamente in linea con la loro storica caratterizzazione. Uno dei casi più eclatanti e al contempo buffi va ricercato nella coppia costituita da Tom e Jerry, che una volta in mischia rispondono ai colpi degli avversari servendosi di martello, fionda, racchetta da tennis, canna da pesca e di qualsiasi altro strumento utilizzato da Tom nell'omonimo show televisivo. Il risultato è davvero sorprendente, specie se consideriamo che tutti e quindici i combattenti finora svelati ci sono parsi inaspettatamente bilanciati: un aspetto assai delicato e tutt'altro che scontato, che approfondiremo ulteriormente nell'intervista al team di MultiVersus che verrà pubblicata nei prossimi giorni.

    Tra attacchi normali, combo aeree, schivate dell'ultimo minuto e assalti caricati finalizzati a spingere un nemico fuori dal ring, nel complesso il cuore dell'esperienza ludica offerta dal titolo non si discosta granché da quanto visto in Super Smash Bros. e simili. La fondamentale differenza tra MultiVersus e i suoi congeneri va in realtà ricercata nella sfiziosa trovata di Player First Games di incentrare il picchiaduro sul combattimento in coppia: nonostante l'esistenza di modalità che permettono comunque di battersi in solitaria contro tre avversari, MultiVersus ha fatto del lavoro di squadra la propria colonna portante, tant'è che ogni lottatore è stato munito di abilità esclusive che hanno effetto sull'alleato o su entrambi i componenti del team.

    Se per esempio l'attacco speciale basso di Wonder Woman fa sì che l'Amazzone ricorra al suo impenetrabile scudo per proteggere il compagno di squadra, il colpo speciale neutro le permette di lanciare il Lazo della Verità per afferrare il partner e trarlo in salvo.

    Allo stesso modo, Batman ha la facoltà di lanciare un fumogeno per far diventare temporaneamente invisibile la propria squadra, mentre Steven Quartz Universe può generare un campo di forza che respinge qualsiasi attacco. Se a questo aggiungiamo che il livello di padronanza di ciascun eroe consente ai singoli di apprendere ed equipaggiare dei perk con cui potenziare entrambi gli alleati, la composizione del party e persino la personalizzazione della unità assume una valenza strategica da non sottovalutare, specie quando si gioca in compagnia di un amico.

    Netcode e cross-play

    Altri aspetti interessanti del prodotto sono rappresentati dal supporto al cross-play e cross-save tra tutte le piattaforme sulle quali sarà lanciato. Una soluzione al passo coi tempi, grazie alla quale i possessori di PC e delle varie console saranno liberi giocare coi propri amici o, al contrario, darsi battaglia senza alcun tipo di restrizione.

    Considerando poi che MultiVersus verrà distribuito gratuitamente, con skin e altre ricompense accessibili soltanto a coloro che decideranno di acquistare il Battle Pass, non possiamo non apprezzare la volontà e gli sforzi profusi da Warner Bros. e Player First Games nel tentativo di confezionare un titolo competitivo e privo di qualsiasi barriera che possa separare la community.

    A proposito del cross-play, servendoci di una copia per PlayStation 5 di MultiVersus abbiamo giocato con utenti provenienti da ogni angolo del globo, e con nostra grande sorpresa durante le zuffe in multiplayer non ci siamo mai imbattuti in casi di latenza, indipendentemente dalle piattaforme utilizzate dai nostri avversari.

    Anche il matchmaking si è comportato piuttosto bene, allestendo in fretta e furia degli scontri sempre equilibrati. Tuttavia, poiché questa prima beta ha visto la partecipazione di un numero assai contenuto di giocatori, potremo valutare a dovere il netcode del titolo soltanto nel mese di luglio, quando la già annunciata open beta spalancherà i cancelli di MultiVersus e finirà inevitabilmente per mettere sotto stress i suoi server.

    MultiVersus Come specificato più volte su queste pagine, le particolarità di MultiVersus sono fondamentalmente quattro: lo straordinario numero di licenze su cui poggia il roster, la curiosa decisione del team di realizzare un brawler incentrato sul gioco di squadra, il supporto a cross-play e cross-save tra le varie piattaforme che accoglieranno il prodotto, e non per ultima la natura da free-to-play. Sin dall’annuncio di MultiVersus abbiamo creduto nel suo straordinario potenziale, e questo primo contatto col titolo non ha fatto altro che confermare le nostre sensazioni iniziali. Con un roster variegato, perfettamente equilibrato e oltretutto rispettoso del materiale di riferimento, MultiVersus potrebbe insomma rivelarsi una delle più gradite sorprese del 2022.

    Quanto attendi: MultiVersus

    Hype
    Hype totali: 27
    81%
    nd