My Hero One's Justice 2: eroi e villain tornano in una nuova demo

Nel corso dell'evento milanese dedicato alla line up di Bandai-Namco, abbiamo testato con mano una versione di prova di One's Justice 2.

provato My Hero One's Justice 2: eroi e villain tornano in una nuova demo
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Switch
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • Nella sua imperfezione, il primo tie-in dedicato alla serie di Horikoshi ha saputo offrire picchiaduro più che discreto ai fan di My Hero Academia, uno dei battle shonen più interessanti del momento che, tra manga e anime, sta piano piano ritagliandosi un pubblico sempre più vasto e affezionato. Nella nostra recensione di My Hero Academia One's Justice, al di là delle qualità dell'opera, vi abbiamo parlato di una certa povertà contenutistica del roster e di un comparto tecnico limitato che hanno impedito al gioco di raggiungere vette troppo elevate.

    In ogni caso, le basi per un fighting game decisamente solido c'erano tutte, e dopo una nuova prova del suo successore, possiamo affermare che il team di sviluppo ha saputo far tesoro di alcuni errori del passato. Byking Studios e Bandai Namco sembrano aver alzato il tiro con My Hero One's Justice 2, premendo il pedale dell'acceleratore sui punti di forza della produzione, a partire dall'estrema spettacolarità dei combattimenti, e lavorando per colmare le lacune precedentemente riscontrate. In attesa di scoprire in sede di recensione se le buone impressioni verranno confermate o smentite (lo scopriremo solo il 13 marzo, quando il gioco uscirà su PS4, PC, Xbox One e Nintendo Switch), scopriamo insieme quali sono gli aspetti che distanziano questo sequel dal primo capitolo.

    Buoni vs Cattivi

    Anzitutto, il roster appare sin da subito più ricco, quasi raddoppiato: abbiamo contato 40 personaggi utilizzabili, tra quelli già confermati e quelli ancora da svelare. E se da una parte troviamo una sovrabbondanza di difensori del bene, anche la compagine dei cattivi appare piuttosto densa: dalle due varianti di Tomura Shigaraki ad All For One, da Dabi a Mr. Compress. C'è anche Overhaul, la cui presenza ribadisce la volontà del team di seguire le vicende dell'opera e di proseguire direttamente da dove si era fermato il primo My Hero One's Justice, ovvero al termine della terza stagione dell'anime. L'arco narrativo di riferimento di questo nuovo episodio sarà infatti la lotta contro gli Otto Precetti di Morte, e si riparte proprio dalla quarta season.

    Nuovi personaggi implicano anche nuovi Quirk e devastanti attacchi da scatenare su schermo, ed è in questo frangente che il gioco di Byking Studios riesce a dare il meglio di sé: la formula è quella già ottima del predecessore, a base di parate (e colpi spezza-guardia), schivate, salti e la possibilità di volare. Una mobilità che permette di sfruttare al massimo le arene tridimensionali sia in orizzontale sia in verticale, donando ai duelli ampio respiro e dinamicità.

    L'attacco base viene accompagnato sia da due differenti special legate ai Quirk, che rendono tutto ancora più esplosivo, pur senza interrompere minimamente il flusso dello scontro, sia da tre diversi attacchi Plus Ultra con barre di energia da accumulare, che daranno al combattimento un tocco ancor più cinematografico, attraverso sequenze ad alto tasso di adrenalina.

    Ad impreziosire la componente più tattica dei duelli ci pensano i due aiuti che sarà possibile evocare durante lo scontro: si tratta però di supporti "puri", che non scenderanno in campo come personaggi giocabili, ma che si limiteranno a sprigionare il loro potere quanto basta per ferire il nemico e darvi il tempo di riprendere il fiato nel caso in cui siate sopraffatti dalla carica avversaria. Nella modalità 2vs2, inoltre, ogni avatar di supporto potrà essere controllato attivamente da un altro giocatore, così da dare il via a battaglie con quattro utenti l'uno contro l'altro.

    Tra semplicità e complessità

    Ben lontano dal voler essere un prodotto estremamente tecnico (al massimo sarà possibile impostare le combo manuali per rendere i duelli lievemente più complessi), My Hero One's Justice 2 punta ad essere un titolo facile da giocare ma più sfaccettato da padroneggiare pienamente; un picchiaduro sì accessibile e immediato anche per i fan Horikoshi poco avvezzi al genere di riferimento, eppure in grado di offrire una serie di micro-scelte che richiedono di essere compiute in un batter d'occhio e con un tempismo che lascia pochi margini di errore.

    In questo modo, One's Justice 2, proprio al pari del predecessore, si dimostra sufficientemente divertente e appagante per chiunque sarà in grado di assorbirne a menadito le meccaniche ludiche, mai troppo elaborate ma neanche eccessivamente elementari.

    Il ritmo degli scontri è veloce, quasi forsennato, al punto da mettere in crisi anche la telecamera, che non segue sempre l'azione come dovrebbe, con qualche movimento che ci è parso un po' troppo brusco soprattutto quando i combattenti spostano la lotta verso gli angoli dell'arena. Una sbavatura da sistemare, così come andrebbe limato al'evidente pop-up degli elementi dell'ambientazione che durante la prova sparivano e comparivano prima ancora di poterli distruggere con i nostri amabili Quirk.

    In ogni caso, la vera nota stonata di One's Justice 2 è purtroppo rappresentata dal palese distacco tra i deliziosi modelli dei personaggi (con le annesse splendide animazioni) e le ambientazioni delle arene, che reagiscono organicamente alla devastazione scatenata dai combattenti, appesantiti però da una distruttibilità che su schermo risulta sin troppo rigida e limitata. Un difetto che tuttavia si nota solo in parte, dal momento che nel vivo l'attenzione dei giocatori sarà calamitata quasi interamente dalla bolgia di effetti speciali e di mosse spettacolari.

    My Hero One's Justice 2 Al netto di imprecisioni tecniche ancora presenti (soprattutto per quanto concerne la distruttibilità delle arene), My Hero One's Justice 2 promette di mantenere quanto di buono fatto nel titolo d'esordio, caratterizzato da una notevole dose di spettacolarità e da quel mix di accessibilità e strategia pensato per risultare appetibile tanto per i neofiti dei picchiaduro quanto per i fan più smaliziati ed esperti. Il team sembra inoltre seriamente intenzionato a sistemare tutto quello che nel primo capitolo ha fatto storcere il naso agli appassionati, a partire da un roster che ora risulta quasi raddoppiato. La modalità storia è però ancora tutta da scoprire e sarà proprio questa a rappresentare il vero banco di prova per Byking Studios. Il giudizio definitivo è rinviato al 13 marzo, ma i fan di My Hero Academia che hanno apprezzato lo scorso episodio possono già segnare la data sul calendario, pronti ad accogliere un prodotto che difficilmente deluderà le loro aspettative.

    Che voto dai a: My Hero One's Justice 2

    Media Voto Utenti
    Voti: 13
    5.9
    nd