Rainbow Six Siege Anno 5: Operazione Steel Wave, le novità della Stagione 2

Abbiamo potuto assistere e testare con mano la seconda stagione dell'Anno 5 di Rainbow Six Siege, l'ultima del vecchio corso.

Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Ubisoft ci ha permesso finalmente di assistere alla presentazione della seconda stagione dell'Anno 5 di Rainbow Six Siege, comodamente seduti sul nostro divano: un'esperienza inusuale, visto che i nuovi contenuti avrebbero dovuto esser svelati nel corso del weekend appena passato, in concomitanza con le finali brasiliane dell'ultima stagione della Rainbow Six Pro League, ovviamente cancellate a causa dell'emergenza sanitaria su scala mondiale. Al di là della situazione contingente, i contenuti mostrati da Ubisoft e da noi a lungo testati nel TTS ci sono parsi estremamente interessanti e degni di nota. Pronti a scoprire cosa ci attende in Operazione Steel Wave?

    Addio, vecchio corso

    La nuova Operazione, va ricordato, rappresenta l'ultimo contenuto legato al vecchio corso. Ciò significa che dopo Steelwave si aprirà ufficialmente la "Fase 2" di Rainbow Six Siege, anticipata dalla road map triennale svelata al Six Invitational.

    Al momento, comunque, giocatori e appassionati possono ancora godere di ben due operatori inediti (al solito, un attaccante e un difensore) e del rework di una mappa molto amata: Casa.

    I rumor e i leak emersi sino a ora (di cui vi parlammo approfonditamente un paio di settimane fa) si sono rivelati corretti solo in minima parte, segno che in assenza di conferme e prove a carico, la pura speculazione non è altro che un esercizio per tenere ben allenata la capacità di fantasticare.
    In cosa i leaker ci hanno preso? Innanzitutto per quanto riguarda il Grand Larceny, l'evento a tempo limitato ambientato nei ruggenti anni '20 del '900, poi qualcosina per quanto concerne i due nuovi innesti del team Rainbow Six.

    Odin...no, Ace

    Partiamo dal norvegese, il cui nome non è Odin (evidentemente un nome in codice) bensì Ace: l'attaccante è un altro combattente che proviene direttamente da Nighthaven, la compagnia privata fondata e diretta da Jaimini Kalimohan Shah (Kali, per gli amici), ed effettivamente si presenta - come pronosticato - con due punti velocità e due di corazza.

    Secondo i leak, Ace avrebbe dovuto contare su un drone inedito chiamato "Spider Drone", in grado di arrampicarsi sulle pareti e curare i compagni, nonché capace di fornire preziose informazioni tattiche al team in attacco. In realtà, nonostante la forma del gadget in dotazione all'operatore possa far pensare a una specie di ragno, il dispositivo ha tutt'altro scopo.

    In sostanza il gadget chiamato SELMA può esser lanciato su qualunque superficie, sulla quale questo aderirà immediatamente, aggrappandosi a pareti e botole grazie a quattro braccia metalliche. Il congegno innescherà quindi una piccola esplosione che non infligge molto danno ma è in grado di producce un'apertura nella parete. La particolarità è che, se lanciato a una corretta altezza, dopo la prima detonazione il congegno scende in verticale esplodendo per altre due volte, e creando un'apertura abbastanza larga da poterla attraversare. Sulle botole rinforzate il marchingegno non è altrettanto efficace, e ne serviranno due per aprire la via (Ace ne ha tre nell'inventario).

    La caratterizzazione da "hard breacher" di Ace lo porta, ovviamente, ad avere dei nemici naturali: innanzitutto Bandit e Kaid, grazie ai loro counter basati sull'elettricità, poi Mute, che può usare il jammer per bloccare l'innesco del meccanismo. In quest'ultimo caso, qualora il jammer venisse distrutto, la sequenza di esplosioni ripartirà senza alcun ostacolo.

    SELMA può comunque esser annientato senza problemi anche dall'Occhio del Male di Maestro o, semplicemente, con qualche proiettile ben assestato. Anche i gadget di Wamai e Jager possono distruggere l'apparecchio, trattandosi di un gadget "da lancio".

    Per quanto concerne il loadout del nuovo operatore, quest'ultimo non porta con sé nuove armi (quindi chi chiede da tempo a gran voce l'introduzione di nuove bocche da fuoco rimarrà ancora una volta deluso): Ace può scegliere tra un AK12, già in dotazione a Fuze, e uno shotgun M1014 , lo stesso di Thermite, Castle e Pulse. Come arma da fianco, invece, il combattente porta con sé una tradizionale M9 , e può contare su due utility come la smoke e la carica da irruzione.

    Melusi, la pantera sudafricana

    Melusi è la nuova operatrice di difesa. La combattente, proveniente dal Sudafrica, è nata e cresciuta vicino a una riserva naturale, quindi in piena simbiosi con la natura. È specializzata nella lotta al bracconaggio e per questo ha lavorato per lungo tempo nelle forze impegnate su tale fronte, per poi unirsi al team Rainbow.

    Melusi appare come un'operatrice molto particolare con i suoi tre punti velocità e uno di armatura: nonostante possa sembrare vulnerabile, la ragazza può essere sfruttata come anchor, ma anche come roamer. Ad aumentare la sua versatilità ci pensa il gadget in dotazione, che non è quel "filo spinato intelligente" di cui parlavano i leak ma ci va vicino. La funzione del dispositivo, infatti, è più o meno la medesima, ovvero assicurare il crowd control e la raccolta di informazioni sul posizionamento degli avversari.

    Il gadget è stato battezzato Banshee e assolve alle due funzioni - sembra - in maniera egregia: da un lato rallenta progressivamente i nemici, man mano che questi si avvicinano al gadget; dall'altro emette anche un suono profondo e continuo che permette al team in difesa di capire i movimenti dei nemici.

    Il gadget è totalmente autonomo e può esser piazzato ovunque, nonostante la sua grandezza non permetta di camuffarlo grazie agli elementi ambientali della location come accade in altri casi. Banshee, però, è anti proiettile, e ciò significa che gli attaccanti potranno rimuoverlo solo adottando due soluzioni molto rischiose: con un attacco corpo a corpo oppure usando degli esplosivi. È interessante notare che lo Stamina Boost di Finka azzera il malus al movimento. Per quanto riguarda il loadout dell'operatrice, questa avrà in dotazione una mitraglietta T5SMG (quella di Lesion, per intenderci) e uno shotgun, il Super 90 di Frost. Come arma da fianco c'è la RG15 in dotazione al GROM polacco (dunque Ela e Zofia) mentre, come utility Melusi può mettere nello zaino granate a impatto e uno scudo portatile.

    Bentornati a Casa

    Operazione Steel Wave ci delizia con un nuovo map rework. Questa volta stiamo parlando di una ristrutturazione con la "erre maiuscola", di quelle a lungo chieste e attese: Casa, la mappa con cui abbiamo imparato a conoscere il titolo sin dai primi trailer. Il team di sviluppo ha fatto intervenire una ditta qualificata che, finalmente, ha non solo completato i lavori di ristrutturazione che si protraevano già da qualche anno, ma ha addirittura stravolto e ampliato la conformazione stessa del complesso. Casa è una mappa che ha sempre avuto qualche problema, soprattutto in termini di leggibilità e "navigazione", a causa dei molti oggetti che ingombravano le stanze.

    Per ovviare a questi difetti, le dimensioni di Casa sono state raddoppiate ed è stata migliorata non solo l'estetica ma anche la distruttibilità ambientale. Ora ci sono quattro nuove stanze, una nuova scala e un vialetto di ingresso completamente rinnovato. La porta principale è inservibile, mentre il garage è stato rivisto e le dimensioni del cancello sono state dimezzate: c'è infatti un solo cancello da cui poter far breccia.

    Sono state spostate le botole e ci sono nuovi muri e pavimenti da distruggere, in modo da migliorare la creazione di linee di tiro e favorire la verticalità. Al primo piano è stato aggiunto un corridoio in più, cosa che nelle intenzioni del team dovrebbe permettere una rotation più fluida. Infine, sono stati spostati i site di palestra e garage, ora posti nelle camere da letto (quella dei bambini e quella padronale). Va detto che Casa non sarà, almeno per il momento, inserita nel pool competitivo, e forse se ne riparlerà in futuro.

    Allarme, intruso!

    La nuova operazione porterà anche qualche altra novità di rilievo. La prima di queste sarà l'introduzione di una nuova utility: l'allarme di prossimità. Il gadget, in sostanza, sarà un'alternativa per gli strumenti utili al crowd control, come ad esempio il filo spinato. Il team di sviluppo promette anche un bilanciamento maggiore dell'MMR: ci sarà il ranking "mondiale", ovvero unificato per tutte le regioni, e per accedere alle partite classificate non basterà più essere al livello 30 di autorizzazione, bensì al livello 50.

    Verranno inoltre inaugurate le skin per gli attachment, per la gioia dei fashion addicted, con tre colori disponibili sin da subito: nero, beige e grigio.
    Infine, i ragazzi di Montreal hanno pensato a un leggero rework di Amaru.

    In particolare, è stata rivista l'animazione relativa all'utilizzo dell'abilità e al timing di innesco: il rampino di Amaru è sempre stato troppo prevedibile per i difensori, che potevano sentire l'operatrice avvicinarsi a chilometri di distanza, e l'obbiettivo era quindi di rendere l'operatore un po' più imprevedibile nei movimenti. La barricata non verrà più distrutta quando il gadget si aggancia a quest'ultima ma solamente quando Amaru la attraverserà fisicamente, dando meno tempo agli avversari per approntare una difesa. Sarà possibile usare il rampino sulle botole non rinforzate e la meccanica di gioco funzionerà esattamente allo stesso modo.

    Per la gioia di tutti gli appassionati, dal day one sarà disponibile anche una nuova skin elite. L'operatore interessato questa volta è Echo, che potrà "indossare" una skin battezzata Tenkamusou.

    Che voto dai a: Rainbow Six Siege

    Media Voto Utenti
    Voti: 221
    7.7
    nd