Sea of Thieves: Forsaken Shores, la nuova espansione del gioco Rare

A poco più di sei mesi dal day one, il gioco Rare scarta in avanti e si prepara al futuro con la nuova espansione Forsaken Shores...

provato Sea of Thieves: Forsaken Shores, la nuova espansione del gioco Rare
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • Xbox One
  • Xbox One X
  • Abbiamo atteso un po' prima di parlarvi dell'ultima grande novità di Sea of Thieves per un semplice motivo: mancavano ancora le missioni cargo, arrivate nel gioco solamente due settimane dopo il debutto di questa espansione-evento chiamata Forsaken Shores. Ora che finalmente tutti i pezzi del puzzle sono al loro posto, ecco il resoconto di un viaggio durato sei lunghi mesi e di cui Forsaken Shores rappresenta un fondamentale di giro di boa per il titolo piratesco di Rare. Scopriamo insieme tutte le aggiunte!

    Il Devil's Roar e la barca a remi

    La novità più appariscente tra quelle introdotte con Forsaken Shores è il Devil's Roar, una pericolosissima regione dove quasi tutte le isole sono vulcani che esplodono ciclicamente, la terra trema senza mai fermarsi ed è funestata da possenti geyser pronti a lanciare in aria gli avventurieri più distratti. Composto da quindici diverse isole e un nuovo avamposto, anch'esso soggetto a colate di lava e lapilli infuocati, il Devil's Roar è una zona pensata per chi vuole raddoppiare rischi e guadagni. Come se non bastasse, i confini del Roar si stanno lentamente trasformando nel territorio di caccia preferito dei giocatori più opportunisti, pronti ad assaltare mercanti, filibustieri e le loro stive piene di tesori.

    Per aiutare l'esplorazione in terre tanto pericolose, con Forsaken Shores arriva anche la barca a remi: questa nuova imbarcazione non viene fornita di serie con ogni vascello ma deve essere trovata durante l'avventura scrutando attentamente le spiagge e gli anfratti delle isole all'orizzonte, per poi fissarla sulla poppa del veliero principale. La barca a remi, nonostante sia alquanto gracile, apre a tutta una nuova gamma di strategie utili sia in esplorazione che in battaglia: può essere per esempio usata per raggiungere in relativa sicurezza un'isola con un vulcano attivo, per attraversare le acque bollenti nei dintorni di un cratere, per infiltrarsi silenziosamente tra le navi di un'alleanza nemica, per un attacco a suon di barili esplosivi e naturalmente per velocizzare il carico e lo scarico delle merci merci. La community ci ha messo un paio di settimane per afferrare le vere potenzialità di questo nuovo strumento: quando si è resa conto che una barca a remi rimane a galla anche se la nave a cui è legata affonda, fornendo quindi un'ultima possibilità per salvare un prezioso carico, l'opinione generale ha iniziato a cambiare, sperimentandone più attentamente i diversi possibili utilizzi. L'introduzione delle missioni cargo non ha fatto altro che rafforzare il ruolo della barca a remi, oggi spesso indispensabile per portare a destinazione la mercanzia più delicata.

    Le missioni cargo

    Chi gioca a Sea of Thieves sa bene che la gilda dei mercanti è stata fino ad oggi la più debole delle tre presenti nel titolo. Con le missioni cargo, l'intento di Rare era proprio quello di risolvere questo importante sbilanciamento e l'obiettivo può dirsi pienamente riuscito. Le classiche missioni mercante, dove viene chiesto al marinaio di collezionare e portare a destinazione alcuni animali, rimangono naturalmente a nostra disposizione, ma a loro si aggiunge questa intrigante sfida che rende la professione molto più divertente. e per certi versi persino più realistica.

    Nelle missioni cargo, il carico potrà essere composto da tre diverse tipologie di merci: fragili bottiglie di rum da accudire con amore, casse di vestiti preziosi che non dovranno mai toccare l'acqua, e piante da tenere ben idratate durante tutto il viaggio.

    Il nuovo evento chiamato Festival dei Dannati si candida inoltre immediatamente a diventare un appuntamento annuale. Grazie a questa sorta di Halloween in acqua salata, i pirati di Sea of Thieves potranno finalmente ringraziare il capitano della nave dei dannati, il maestoso nostromo che con i suoi poteri riporta in vita i giocatori ogni volta che qualcosa va terribilmente storto. Per l'occasione, sullo spettrale vascello nascosto nelle profondità marine, i giocatori troveranno una fiamma magica il cui colore cambierà in base al modo in cui questi saranno stati uccisi. Sarà possibile intrappolare la fiamma all'interno della propria lanterna ed utilizzarla sia per addobbare il vascello sia per accendere dei particolari bracieri che verranno presto disseminati per il mondo di gioco. Cosa succederà una volta che saranno accessi, però, ancora non lo sappiamo. La singola merce ha poi un valore prestabilito che calerà man mano che la qualità del lotto si abbasserà, quindi se da una parte bisogna stare sempre molto attenti, dall'altra fa piacere sapere che un singolo errore, come per esempio può esserlo un salto troppo alto con in mano una cassa di rum, non pregiudicherà totalmente il guadagno.

    La sfida non è poi così scontata come sembra, visto che a differenza delle normali missioni mercante, non è detto che gli incarichi cargo abbiano come destinazione il classico avamposto; può capitare per esempio di dover trasportare cinque casse di vestiti su un'isola che non ha un molo, spingendo le ciurme a trovare nuovi escamotage per scaricare a riva senza danneggiare i preziosi.

    In una delle nostre avventure, per portare diverse casse di vestiti su un'isola, siamo stati costretti a mandare un marinaio sott'acqua per scandagliare il fondale, in modo da avvicinarci il più possibile a riva e scendere in relativa sicurezza dal bompresso, l'albero di prua; le casse sono arrivate sane e salve a riva, ma il sedere del valoroso mozzo è stato più volte addentato da un famelico squaletto. Diversamente da tutte le altre missioni disponibili nelle gilde, quelle cargo scompaiono dal tavolo delle attività una volta che la ciurma avrà ritirato la merce dal mittente prestabilito, e non quando l'avrà consegnata; una peculiarità che permette di selezionare una seconda missione da affiancare a quella in corso, oppure di provare a portare a termine vari incarichi cargo contemporaneamente.

    Una stiva piena è poi un dettaglio realistico e divertente, per chi deve poi portarla a destinazione e per chi cercherà immancabilmente di rubarne il contenuto. Agli occhi dei pirati, le missioni cargo sono una buona opportunità per diversificare il bottino, e visto che il destinatario e la data di scadenza del contratto sono scritte direttamente sul collo da trasportare, potranno anche consegnarle, oltre che per incassare il premio, anche per chiudere la missione iniziata dai precedenti proprietari. Come vedete, le missioni cargo non arricchiscono soltanto la gilda dei mercanti, ma donano all'intero gioco un ulteriore strato di preziosissima imprevidibilità.

    Cranchiidae

    A sei mesi di distanza dal debutto nei negozi, Sea of Thieves è un prodotto sostanzialmente identico a come era prima, segno che Rare non si è lasciata spaventare dalle critiche ma ha continuato imperterrita a proseguire il suo obiettivo principale, aggiungendo e perfezionando alcuni aspetti senza tradire il proprio pubblico.

    Di passi in avanti Sea of Thieves ne ha effettuati un bel po', e con Forsaken Shores ha compiuto quello scatto in più che permetterà al progetto di voltare finalmente pagina e guardare al futuro con una nuova consapevolezza di design. Del resto Sea of Thieves sta lavorando molto bene in tandem con il servizio Game Pass, ma prima o poi anche questo progetto dovrà imparare a reggersi sulle proprie gambe e trovare una quadra che ne giustifichi le ingenti risorse necessarie per tenerlo in vita. La "Fase B" in cui si appresta ad entrare porterà microtransazioni per acquistare animali da compagnia ed altre amenità, nuove espansioni dedicate alla narrativa ed al PVP, e nuovi eventi speciali come l'imminente prima edizione del Festival dei Dannati. Fino a quando ci saranno novità, noi marinai non ci annoieremo di sicuro, ma sul piano commerciale ci resta ancora qualche dubbio.

    Sea of Thieves Forsaken Shores non è soltanto una buona scusa per introdurre nuovi oggetti e meccaniche di gioco, come lo sono state le passate espansioni, ma un contenuto aggiuntivo sorprendente, ideale per ricominciare le nostre scorribande piratesche. Da qui in poi non si può più tornare indietro, e Rare sembra fortunatamente esserne cosciente.

    Che voto dai a: Sea of Thieves

    Media Voto Utenti
    Voti: 150
    7
    nd