Severed Steel: Bullet Time e acrobazie nella nuova demo

Severed Steel è un gioco indipendente dal buon potenziale, abbiamo provato una demo su PC, ecco le nostre impressioni.

Severed Steel: Bullet Time e acrobazie nella nuova demo
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • Severed Steel è apparso in più occasioni durante l'E3 2021 e in ognuna di esse ci ha suggerito impressioni positive. Fortunatamente grazie all'evento Next Fest su Steam c'è stata anche la possibilità di provarne una demo abbastanza ricca da delineare le caratteristiche del gioco. Vi anticipiamo che le impressioni rimangono positive anche dopo la prova, e siamo convinti che il gameplay rapido e acrobatico di Severed Steel possa dare più di qualche soddisfazione agli appassionati di sparatutto in prima persona. Ve ne parliamo più nel dettaglio.

    Velocità e precisione

    Steel è una combattente con un braccio solo che deve infiltrarsi in una base piena di mercenari armati fino ai denti. Si tratta ovviamente di un semplice pretesto per innescare un sparatutto in prima persona che poco si cura degli aspetti esplicitamente narrativi e va "all in" nella costruzione di meccaniche di gameplay precise e rifinite, che rispondono a poche, semplici regole.

    La protagonista, poiché dotata di un solo braccio, non può ricaricare l'arma, dunque per eliminare le minacce è costretta a prenderne di nuove sul campo di battaglia. Malgrado la menomazione è comunque dotata di un'agilità sovrumana: può effettuare doppi salti, correre sui muri, compiere lunghe scivolate e tuffi capaci di infrangere porte e finestre. Quando è impegnata in tali acrobazie, Steel è invulnerabile: è quindi importante mantenere costante il flusso di movimenti acrobatici, in particolar modo se si seleziona l'ultimo livello di difficoltà, nel quale la partita termina al primo colpo subito. Provate a immaginare il gameplay di Severed Steel come quello di un Max Payne in prima persona, in cui la protagonista volteggia in continuazione e spara con l'ausilio del bullet time. Un Max Payne più rapido e con un sistema di movimento ancor più libero, che consente di balzare da un angolo all'altro delle arene in un batter di ciglia. Il level design della demo è studiato per mantenere il giocatore sempre in movimento. Poche sono le aree sicure, tanti gli spazi aperti con porte e finestre da cui possono sbucare nemici all'improvviso; altrettanto numerosi i corridoi, dov'è facile rimanere intrappolati nel fuoco incrociato o messi spalle al muro da uno scudo antisommossa.

    Rimanere fermi e aspettare è una soluzione che comunque può funzionare, ma non nelle modalità arcade, dove vengono premiate la velocità e le uccisioni stilose. È in questa modalità che il gameplay si sublima, dove si compone una danza forsennata tra i proiettili, un "bullet hell". L'intelligenza artificiale, descritta dagli sviluppatori "dinamica ed estemporanea", fa il suo per costruire partite sempre diverse. Anche se generalmente i nemici hanno posizioni ben definite su cui rimangono fino a quando non sono attirati da eventi esterni.

    C'è insomma un buon grado di prevedibilità, ma anche delle routine non immediatamente prevedibili di cui tener conto. La commistione delle due cose è ciò che rende le partite arcade molto divertenti e sfidanti, poiché è necessario sapere a memoria tutta la disposizione delle minacce, ma non si ha la certezza che i piani vadano come previsto e di tanto in tanto è necessario improvvisare. In ogni caso non bisogna aspettarsi comportamenti complessi da parte dell'IA. Non cerca coperture né esegue manovre sorprendenti: si limita a dare la caccia al giocatore e a sparargli quando è sotto tiro. E ha una mira discreta, quindi è meglio continuare a correre.

    L'ultima caratteristica su cui vogliamo soffermarci (ma su cui purtroppo saremo abbastanza laconici, visto che la demo non le dava tanto spazio) è la distruttibilità ambientale. Le porte possono essere scardinate e trasformarsi in proiettili letali. I muri si forano e non sono così protettivi di fronte a continue raffiche di proiettili.

    Steel ha poi un cannone montato sul braccio sinistro che può utilizzare per uccidere in maniera pirotecnica oppure per aprire dei buchi sui muri e "riplasmare" il level design. È uno strumento che garantisce un gran numero di possibilità e che i giocatori più creativi possono sfruttare per scalare le classifiche della modalità arcade.

    Severed Steel In base a ciò che ci ha trasmesso la sua demo, Severed Steel ci è sembrato uno sparatutto veloce, divertente e difficile quel che basta per stimolare la creatività del giocatore. Il dubbio più grande è quanto la sua formula reggerà sulla lunga distanza: se basteranno nuove armi, potenziamenti e nuovi nemici a mantenere sempre vivo lo stimolo a proseguire oppure se tenderà ad adagiarsi dopo aver presentato tutte le sue meccaniche distintive. Sono domande a cui non si può dare una risposta ora, quindi vi invitiamo a seguire il gioco se ha catturato il vostro interesse. Lo sviluppatore Greylock Studio non ha ancora fornito una data d’uscita, ma su Steam si legge “coming soon”. Probabile quindi che arrivi nel corso di quest’anno, su PC, PlayStation 4 e Xbox One.

    Quanto attendi: Severed Steel

    Hype
    Hype totali: 2
    35%
    nd