E3 2018

Super Smash Bros Ultimate: provato in esclusiva il nuovo brawler Nintendo

Prima dell'apertura dello Showfloor E3, Nintendo ci ha permesso di provare in esclusiva Super Smash Bros Ultimate per Switch, in arrivo a dicembre.

Super Smash Bros Ultimate
Videoanteprima: Nintendo Switch
Articolo a cura di
Francesco Fossetti Francesco Fossetti scrive di videogiochi -fra una cosa e l'altra- da più di dieci anni, e non ha ancora perso la voglia di esplorare il mercato con vorace curiosità. Ammira lo sviluppo indie e lo sperimentalismo, divora volentieri tutto il resto. Lo trovate su Facebook, su Twitter e su Google Plus.
Disponibile per
  • Switch
  • Super Smash Bros Ultimate. Un nome che è tutto un programma, visto che il nuovo episodio dell'intramontabile serie di brawler game vuole davvero rappresentare la summa di un'intera stagione creativa, avviata nel 1999 su Nintendo 64 e arrivata ai giorni nostri attraverso quattro diverse incarnazioni (cinque, se contiamo l'episodio portatile per 3DS) e altrettante generazioni. Ultimate, nella visione del team di sviluppo (ovvero una "task force" che unisce gli sforzi di Nintendo, Sora Ltd e Bandai-Namco), sarà il capitolo più completo della saga: il più denso, il più vario, il più tecnico. Insomma, il "non plus ultra" di un brand che conta milioni di fan, animati da una passione letteralmente trascinante. Con una scena competitiva attivissima ed un'impressionante attenzione ai dettagli, quella di "SSB" è una delle fanbase più coinvolte e partecipi che si possano trovare nel panorama videoludico. Tutti i giocatori che ne fanno parte, così come i curiosi che al brand vogliono avvicinarsi per la prima volta, saranno ben felici di sapere non solo che il nuovo episodio di Super Smash Bros arriverà su Switch il prossimo 7 dicembre, ma anche che l'impegno produttivo che lo sostiene è di quelli davvero monumentali. Sessantaquattro combattenti (ovvero tutti quelli fino ad oggi apparsi in almeno un capitolo della serie), piccole rifiniture ad un combat system vario e rodato, una soverchiante quantità di arene, oggetti, personaggi di supporto, per un progetto di proporzioni ciclopiche. Pronti alla battaglia?

    Ready to Rumble

    La prima cosa importante da dire è che in Super Smash Bros Ultimate ci sono tutti. Ma proprio tutti: la schiera infinita di mascotte Nintendo, le tre versioni di Link che si sono avvicendate nei capitoli precedenti, i "villain" storici di Mario, la coppia di Ice Climbers, e poi ancora i protagonisti prestati a Smash Bros da Capcom, Konami, SEGA. Ritornano infatti Sonic e Pac-Man, ritorna Megaman e pure Solid Snake, con la sua classica dotazione bellica. E la cosa meravigliosa è che ogni personaggio ha, come da tradizione, un moveset caratterizzato fin nei minimi dettagli. È in casi come questo che l'aggettivo "maniacale" è davvero l'unico possibile, e l'accezione con cui lo utilizziamo non è certo negativa: il team di sviluppo, nel riscrivere e ribilanciare tutte le mosse di quello che viene definito un capitolo del tutto nuovo e non certo una riedizione dell'episodio per Wii U, ha ben pensato di disseminare un numero impressionante di chicche, di deliziose minuzie, di citazioni e strizzatine d'occhio.

    Adesso, per esempio, il valoroso eroe della Triforza utilizza alcuni gadget di Breath of the Wild, tra cui le bombe fluorescenti da far esplodere con un tocco sulla tavoletta Sheikah. E mentre Mario indossa i costumi di Odyssey, Donkey Kong non dimentica le sue ultime avventure contro i Nevichinghi.
    Al roster di personaggi già conosciuti si aggiungono per altro due combattenti inediti. In primis c'è l'Inkling di Splatoon: armato di bombe, pistole e rulli, porta con se una dinamica per cui riesce a infliggere più danni agli avversari che prima è riuscito ad imbrattare di vernice, nonché l'urgenza di ricaricare le riserve di inchiostro trasformandosi in calamaro e "immergendosi" nel terreno. E poi c'è Ridley, gradita novità che raggiunge SSB dall'universo di Metroid, con la sua stazza imponente, il fare predatorio e la grande mobilità in fase aerea.
    Ovviamente star qui ad elencare tutte le nuove mosse dei vari personaggi sarebbe uno sforzo non solo monumentale, ma anche poco utile. Per altro si rischierebbe di replicare una parte della lunga presentazione avvenuta durante il Direct, forse fin troppo estesa e dettagliata. Vi basti allora sapere questo: Super Smash Bros è un titolo così attento ai dettagli che pure quelli che di solito nei picchiaduro, si chiamano "flip character", qui vengono identificati con l'etichetta "Echo", e comunque funzionano in maniera leggermente diversa rispetto ai lottatori di cui rappresentano versioni alternative.L'importanza del controllerSuper Smash Bros Ultimate può essere giocato sfruttando non solo il Pro Controller, ma anche i Joy-Con in qualsiasi configurazione. Sarà anche possibile utilizzare uno solo dei piccoli "pad" di Switch, anche se permangono seri dubbi sull'efficacia di questa soluzione.
    Visto che nella community ci sono molti "puristi" che ritengono il controller Game Cube il più adatto per i titoli della serie, Nintendo non solo ha deciso di supportarlo (ovviamente attraverso l'utilizzo di un adattatore), ma anche di ripubblicarne una versione moderna con tanto di logo ufficiale stampato sul frontale.

    Che poi è bene specificarlo: Super Smash Bros Ultimate non è un picchiaduro, ma un brawler. Con un approccio tutto suo: come da tradizione ogni colpo assestato sul testone degli avversari aumenta la loro percentuale di "rischio"; più questa è alta, più lontano il personaggio viene scagliato dagli attacchi Smash. L'obiettivo è quello di lanciare i contendenti oltre i bordi dello schermo, e guadagnare così un punto preziosissimo nel conteggio finale. In questa maniera -oltre a saper padroneggiare le varie mosse- è necessario imparare a gestire le distanze ed il posizionamento, e ogni attacco è importante non solo per la quantità di danni che riesce ad infliggere, ma anche per la distanza che permette di coprire. Per evitare di cadere inesorabilmente nel vuoto, per esempio, potrebbe bastare un uppercut al momento giusto.
    La formula di gioco, insomma, è quella di sempre, anche pad alla mano. Oltre al tasto del salto c'è quello degli attacchi regolari e quello dei colpi smash, che vanno rigorosamente usati in combinazione con i pulsanti direzionali. Per chi non ha mai giocato ad un titolo della serie, lo ammettiamo, l'impatto potrebbe essere spiazzante nonostante questa semplicità di fondo. Le strategie dei vari personaggi sono così diverse, e i colpi così eterogenei, che un profano potrebbe interpretare questa grande varietà come un indistricabile "casino". E del resto bastava vedere le facce un po' spiazzate di chi, fra i colleghi che assieme a noi hanno provato Super Smash Bros Ultimate, si avvicinava al brand per la prima volta. A dirla tutta ci tocca ammettere che proprio per questa sua mole soverchiante di contenuti il capitolo per Nintendo Switch potrebbe non essere la miglior soglia d'ingresso nel meraviglioso mondo di Smash. Stiamo cercando insomma di avvertirvi: nel caso in cui non abbiate troppa esperienza con la saga, per padroneggiarne il gameplay avrete bisogno di molta dedizione.

    Considerate che anche diverse arene hanno qualche elemento che funziona in maniera peculiare, a meno che non si tratti della versione Omega, completamente ripulita da tutte le interferenze esterne e pensata per chi cerca un rigore più adatto agli ambienti competitivi. I giocatori di questo tipo, sicuramente più esigenti di chi SSB lo gioca in maniera disimpegnata e "chiassosa" (perché si può giocare anche così, ed è comunque un piacere), saranno felici di scoprire tutte le novità apportate al bilanciamento di questo episodio. In Ultimate assumono un'importanza fondamentale le schivate aeree, e vengono introdotti gli attacchi "a mezzo salto", che prima si potevano realizzare soltanto con un tempismo micidiale nella pressione dei tasti. Inoltre c'è un sistema che disincentiva l'abuso del dodge: chi è abituato ad eseguire una schivata dopo l'altra scoprirà che poco a poco aumenteranno i frame di recupero dell'animazione, e di conseguenza sarà più facile essere colpiti durante questi "tempi morti". Un incentivo insomma ad essere clinici, precisi e "parsimoniosi".

    E gli amiibo?Il lancio di Super Smash Bros. su WiiU fu accompagnato dalla pubblicazione degli amiibo associati ad ogni personaggio, che segnò per altro l'esordio delle meravigliose statuette Nintendo. Ultimate sarà compatibile con tutti gli amiibo di questa serie, e non solo: ogni statuina raffigurante un personaggio presente nel roster (anche in una versione diversa da quella selezionata per il brawler) funzionerà senza problemi. Ovviamente abbiamo chiesto a Nintendo se prevede di pubblicare altri amiibo inediti per salutare l'arrivo di SSB Ultimate: ci hanno detto di tenere le orecchie dritte, perché delle novità potrebbero essere già in arrivo.

    Per valutare l'impatto di queste limature al bilanciamento, ovviamente, è necessario un numero di partite ben maggiore rispetto a quelle che abbiamo potuto disputare, in esclusiva, prima dell'apertura dello showfloor losangelino.
    Allo stato attuale dei fatti, oltre che rimanere più che soddisfatti dai risultati di un engine che punta tutto sugli shader, sulla pulizia globale e sul carattere delle animazioni, possiamo invece confermare l'entusiasmo scaturito dalla mole di contenuti. Oltre a nuove arene estratte da Breath of the Wild e Splatoon, aumenta il numero dei pokémon di supporto, degli oggetti che possono piovere sullo stage, dei Trofei che permettono di richiamare in campo personaggi di supporto. E poi ovviamente le modalità: oltre alla classica rissa a quattro personaggi c'è l'immancabile 1vs1 (e in questo game mode alcuni attacchi attivano uno spettacolare bullet time), e segnaliamo con piacere il ritorno degli scontri a otto giocatori. E chissà quali altre sorprese: la serie di Super Smash Bros si è sempre distinta per la quantità soverchiante di opzioni, elementi di gioco, game mode. Siamo sicuri che Ultimate, concentrato sul suo obiettivo di essere un episodio straripante, riuscirà a lasciare senza fiato gli appassionati della saga.

    Super Smash Bros Ultimate Super Smash Bros Ultimate è una lettera d'amore per i fan della saga, e forse anche per tutti gli appassionati Nintendo che abbiano almeno un po' di curiosità nei confronti del genere di appartenenza. Resta un titolo impressionante per mole di contenuti e attenzione ai dettagli, un'enciclopedia in forma di brawler game. Forse non sarà l'esclusiva più popolare fra quelle della Grande N, ma senza ombra di dubbio ha la caratura delle migliori produzioni, e sarà capace di chiudere in bellezza il secondo anno di Nintendo Switch.

    Quanto attendi: Super Smash Bros Ultimate

    Hype
    Hype totali: 58
    79%
    nd