Superhot: provata la nuova espansione Mind Control Delete

Superhot torna con Mind Control Delete, espansione attualmente in Early Access che verrà distribuita gratuitamente a tutti i possessori del gioco.

provato Superhot: provata la nuova espansione Mind Control Delete
Articolo a cura di
Alessandro Mazzega Alessandro Mazzega prende confidenza fin da tenera età con pad e tastiera e si appassiona rapidamente al mondo dei videogiochi, lavorando come giornalista sulle principali realtà online e occupandosi di sviluppo, attualmente in Forge Reply. Bassista fallito, ha ormai venduto lo strumento per passare dietro al microfono, sia per cantare che per condurre il podcast Gaming Effect. Cercatelo su Facebook, su Twitter e su Google Plus.
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Da ormai due anni, SUPERHOT è riuscito a marchiare in modo indelebile il mercato dei titoli indipendenti e a prendere il controllo della nostra mente di videogiocatori, mettendo a frutto un'idea tanto essenziale quanto geniale. L'omonimo team polacco cerca di mantenere costantemente in vita la sua creatura, ora proponendo una versione per console di corrente generazione, ora una sorprendente edizione in realtà virtuale. Adesso è invece giunto il momento di lasciarci "condizionare" da Mind Control Delete, un'espansione attualmente ancora in fase sviluppo e proposta in Early Access su Steam, che verrà pubblicata in forma gratuita nei prossimi mesi, andando così ad ampliare la formula del gioco base e ad intrappolarci nuovamente nel mondo virtuale di SUPERHOT.

    Azione ragionata

    La meccanica base di SUPERHOT è sempre stata di una semplicità "disarmante": lo scorrere del tempo è legato ai propri movimenti, quindi per affrontare un livello, sopravvivendo agli assalti degli avversari in rosso, è necessario valutare con attenzione le proprie mosse: sfruttare le armi presenti, schivare con buon tempismo, calibrare bene il ritmo dell'avanzamento ed essere incredibilmente precisi sono insomma i requisiti fondamentali per proseguire all'interno di questo atipico shooter.
    Tale approccio è stato inoltre portato all'estremo da SUPERHOT VR: la libertà di movimento viene praticamente annullata, a fronte di ondate di assalitori che progressivamente si avvicinano alla nostra posizione e che vanno fermati con ogni mezzo possibile.
    Mind Control Delete torna ad avvicinarsi maggiormente alla formula classica, offrendo però ambienti mediamente più ampi rispetto a quelli visti in passato, con gli spawn point dei nemici spesso molto distanti tra di loro.
    Si tratta di una modifica che sembra in apparenza molto minimale, ma che va invece ad impattare fortemente sul gameplay e sul modo di fronteggiare le diverse sfide: tenere sempre sotto controllo le varie vie di ingresso nei livelli diviene insomma una necessità ancora più impellente, ed occorrerà prestare molta attenzione alla comparsa di alcuni bagliori rossi che segnalano la presenza di un nuovo avversario.
    Gli ambienti riprendono comunque il classico stile di SUPERHOT, e benché non in numero molto elevato, risultano caratterizzati da un level design più vario in confronto a quelli del titolo originale, proprio grazie agli spazi maggiormente estesi. Mind Control Delete cambia poi in parte l'approccio narrativo, in quanto le sfide sono raggruppate in sequenze da cinque o dieci stage, che vanno affrontati tutti d'un fiato, senza interruzioni. Per garantire una difficoltà più equa viene inoltre introdotto il concetto di energia vitale, raffigurato da iconici cuori che scompaiono ogni volta che verremo colpiti da un proiettile o da un fendente d'arma bianca.
    Dal punto di vista del racconto, le nostre imprese vengono giustificate da una schermata di decrittazione che mostra lo stato di avanzamento in un file pieno di simboli esadecimali: ogni blocco crittografato rappresenta un livello, con alcuni bonus che permettono di scegliere tra il recupero della propria energia o l'aggiunta di un cuore, entrambi elementi che possono fare la differenza negli scontri più complessi.

    La progressione appare quindi più organica, e il sistema di menu che permette di accedere alle varie sfide recupera lo stile ASCII proposto dal gioco base, arricchito da effetti di deformazione che rendono ogni ingresso in un'area del gioco un passaggio ancora più inquietante.
    Rimane da capire come la storia andrà ad agganciarsi a quella già criptica del titolo di partenza: l'unico dettaglio trapelato fino ad ora vede come protagonista una donna che avrebbe digitalizzato la propria mente, in modo tale da poter proseguire la sua esistenza all'interno di un computer. Sarà un'azione svolta in totale libertà oppure condizionata dall'influsso maligno dell'exe di SUPERHOT?

    SUPERHOT Mind Control Delete conserva immutato il gusto di SUPERHOT, e sin dal primo istante si respirano le stesse atmosfere inquietanti dell’opera originale. La formula proposta dal gameplay è davvero molto simile, ma gli ambienti più ampi e il numero di avversari più alto rispetto al passato riescono a distillare un livello di sfida tutto sommato inedito, sebbene si mantenga nello stesso solco del gioco base. A cambiare è quindi la sovrastruttura ludica, che con la necessità di superare gli stage tutti d'un fiato impone una revisione nettamente verso l’alto del grado di difficoltà. I fan di SUPERHOT (o i suoi prigionieri...) potrebbero quindi decidere di dare un contributo allo sviluppo, acquistando la versione in Early Access di Mind Control Delete, dialogando inoltre con il team per limare gli spigoli più ruvidi dell’esperienza, attualmente legati in particolare al tasso di complessità. La release finale non appare comunque così lontana nel tempo, considerando il buon grado di rifinitura che traspare già dalla versione attuale dell'espansione.

    CONFIGURAZIONE PC DI PROVA

    • CPU: i5 6600K
    • RAM: 16 GB
    • GPU: Nvidia GTX 1080

    Che voto dai a: SUPERHOT

    Media Voto Utenti
    Voti: 26
    7.2
    nd