The Division 2: riprendiamoci Washington in Spedizioni nei sobborghi di DC

Tramite il Public Test Server abbiamo provato il primo episodio che compone la trilogia di DLC dello shooter Ubisoft. Ecco le nostre impressioni.

provato The Division 2: riprendiamoci Washington in Spedizioni nei sobborghi di DC
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • Prepariamo la nostra attrezzatura e scendiamo nuovamente tra i campi di battaglia di The Division 2 a qualche mese dal lancio. Come ben sappiamo, allo stato attuale il titolo non naviga in acque molto tranquille, dal momento che non mancano evidenti problemi nell'endgame, incertezze che il team Massive Entertainment, dal canto suo, sta cercando di risolvere poco alla volta. Mettendo un attimo da parte le speranze, in ogni caso, cerchiamo di concentrarci su tutte le novità che ci attendono con il prossimo aggiornamento: il title update 5 porterà con sé anche la prima parte del Season Pass, quell'Episodio 1 che compone una triade di contenuti aggiuntivi volti ad incrementare la longevità della produzione. Vediamo quindi insieme nel dettaglio tutto ciò che possiamo aspettarci dal futuro di The Division 2, proponendovi le nostre impressioni dopo la prova avvenuta tramite il Public Test Server.

    Alla scoperta dell'Episodio 1

    Come gli agenti più informati sapranno, i DLC (o meglio, gli "episodi") dello shooter di Ubisoft saranno gratuiti per tutto l'Anno 1, pertanto nessun utente sarà costretto a spendere più del prezzo del gioco base.

    La presenza di un season pass da acquistare, tuttavia, garantisce comunque un po' di vantaggio: oltre ad alcuni elementi di natura estetica, viene concessa la possibilità di giocare in anteprima ai nuovi contenuti, dando l'accesso agli episodi con una settimana di anticipo rispetto agli utenti non paganti. Per tutti i possessori del season pass, il title update 5 vedrà la luce martedì 23 luglio: gli acquirenti troveranno ad attenderli i nuovi contenuti, che ad oggi si limitano a due nuove missioni e alle spedizioni, le quali avverranno in un'area dove ci aspetteranno delle mini-missioni da portare a termine, con una parte di investigazione ed esplorazione.
    Per gli utenti che preferiscono approcciarsi gratuitamente all'Episodio 1, la prima data utile sarà il 30 luglio, quindi esattamente una settimana dopo l'esordio riservato a chi ha acquistato il Pass stagionale.
    Il DLC che dà il via alla trilogia, intitolato Spedizioni nei sobborghi di DC, proporrà due diverse missioni: la prima prevede un'incursione nell'Accampamento di White Oak, in un incarico che ci vede affrontare la Blacktusk all'interno di una cornice decisamente nuova. Come sappiamo, l'Episodio 1 ci porterà ad esplorare la parte rurale di Washington, in mezzo a parchi, foreste ed aree poco abitate.

    La seconda missione, ambientata nello Zoo Nazionale, è forse una delle più belle mai create: si parte dalla savana e si passa agli acquari, giungendo poi ad affrontare un boss finale tanto interessante quanto squilibrato. Questo perché lo scontro è sì piuttosto coinvolgente nella prima parte, ma nella seconda il duello inizia a farsi troppo lungo. In tal modo l'incarico dilata esponenzialmente la sua durata, portandoci via davvero molto tempo. E i minuti in un looter shooter sono una valuta preziosa.

    In questo tipo di giochi, del resto, le ore investite devono essere adeguatamente bilanciate da una ricompensa all'altezza: sfortunatamente in queste missioni il guadagno in termini di loot non è proporzionato al tempo speso per completarla. Per quanto appaiano più lunghe, complesse e curate rispetto alle attività dell'endgame, simili aggiunte risultano dunque un po' fini a se stesse, senza apportare nulla di realmente nuovo all'esperienza.

    Le Spedizioni

    Il punto cardine dell'Episodio 1 restano comunque le nuove Spedizioni, il contenuto in arrivo quest'estate che dovrebbe portare con sé un pizzico di freschezza nelle dinamiche di farming. Ogni Spedizione sarà ovviamente diversa dalle altre: la prima è quella del Kenly Collage, nella cui hall potremo scegliere tre differenti percorsi. L'obiettivo iniziale ci chiederà di violare i server dei reietti che ne hanno preso il controllo: in pratica non dovremo fare altro che trovare sala dei computer, e difendere i terminali dai nemici per circa 4 minuti, dopodiché potremo tornare di nuovo all'ingresso.

    Il secondo incarico chi imporrà di disinnescare degli esplosivi in un'altra area del college, nella quale dovremo scovare i bersagli ed azionare il sistema antiincendio: per farlo basterà attivare le valvole e seguire i tubi gialli. Il tutto, ovviamente, mentre saremo assaliti da ondate di nemici.

    La terza parte ci porrà dinanzi ad un piccolissimo puzzle ambientale da risolvere, la cui difficoltà è però prossima allo zero. I giocatori saranno chiamati ad aprire una porta dopo aver azionato degli interruttori tramite un'apposita sequenza, un ordine facilmente intuibile per via degli indizi visivi fin troppo espliciti inseriti all'interno della stanza. Una volta completato questo enigma elementare, il nostro obiettivo consisterà nel disattivare il terminale, rimanendo tuttavia in un'area ben delimitata e respingendo l'assalto degli avversari, tra le cui schiere compaiono anche nemici particolarmente coriacei e fastidiosi. Portato a termine il terzo incarico, le Spedizioni potranno dirsi concluse, e se decideremo di rigiocarle, avremo l'opportunità di riviverle dal principio senza che lo svolgimento cambi però di una sola virgola. Chi si aspettava un Underground 2.0, purtroppo, si ritroverà deluso.

    Inoltre, ci saranno altre tre Spedizioni, da sbloccare di settimana in settimana, ognuna delle quali si svilupperà chiaramente sulla falsariga di quella appena descritta. Non c'è quindi nessuna casualità, e la rigiocabilità è davvero ridotta all'osso, senza contare che in questa nuova area, eccezion fatta per inediti collezionabili da raccogliere, non ci aspetteranno particolari sorprese in termini di loot. In un prodotto come The Division 2, pertanto, queste Spedizioni sembrano un'aggiunta poco rimarchevole.

    Conclusioni

    In sostanza, ci aspettavamo di meglio da questo primo DLC dello shooter targato Ubisoft. A differenza di Underground (su Everyeye.it trovate la recensione di The Division: Underground), che possedeva un buon senso di avanzamento ed un interessante replay value, questa tornata di aggiunte non ha saputo convincerci come avremmo voluto, perché sembra mancarle uno scopo: l'impressione è che Massive non abbia una direzione chiara del percorso da seguire con il suo gioco.

    Parliamo d'altronde di un aggiornamento che ancora una volta strizza l'occhio al casual gamer, i quali saranno certamente felici di tornare sui campi di The Division 2 e catapultarsi in nuove missioni piuttosto longeve. Tuttavia ai veterani potrebbe mancare il gusto del vero farming e la piacevolezza di un endgame pienamente appagante, capace di intrattenere l'utente più esperto anche dopo le cento ore di gioco.

    Per quanto sia bellissimo da giocare e da vedere, The Division 2 ha bisogno di un incentivo che induca gli utenti più assidui a proseguire l'esperienza anche dopo aver raggiunto il livello massimo con un gran numero di build. Il team Massive è quantomeno consapevole dei feedback dei giocatori: la speranza è che riesca a metterli in pratica il prima possibile e nel modo migliore, per evitare che il bacino d'utenza continui a calare drasticamente.

    L'importante, dunque, è che lo studio insista nel proporre stimoli sempre nuovi e soddisfacenti. Al netto dei nostri dubbi, il 23 luglio anche noi torneremo in campo, tra le strade di Washington per testare ogni singolo aggiornamento ed ogni minimo cambiamento, pronti come tutti gli altri agenti a metterci in marcia verso le prossime spedizioni.

    Che voto dai a: Tom Clancy's The Division 2

    Media Voto Utenti
    Voti: 92
    7.4
    nd