The Perfect Pencil: un Metroidvania italiano da seguire con attenzione

The Perfect Pencil è un metroidvania con le idee molto chiare e nella demo che abbiamo provato si è riconfermato un prodotto interessante.

The Perfect Pencil: un Metroidvania italiano da seguire con attenzione
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • La luce che filtra dalla finestra è grigia stamattina. Mi ricorda che devo alzarmi e affrontare un'altra giornata, cupa e triste come tante, e istintivamente ficco la testa sotto al cuscino per restare al caldo ancora un po'. E se invece ci restassi e basta? Se lasciassi fuori tutte le responsabilità, verso me stesso e verso gli altri, fregandomene delle aspettative che il mondo ha su di me? Se ignorassi anche me stesso, i miei sogni e progetti, e me ne restassi qui, nel conforto di queste lenzuola e questi cuscini? Che bella sensazione di sollievo che pervade il mio corpo. Per un po' riesco anche a ignorare quel senso di insoddisfazione che piano piano sta crescendo nel mio stomaco.

    È così che comincia The Perfect Pencil, con questa costante sensazione di essere circondati da personaggi che hanno preferito scomparire e ignorare tutto il resto, e con un mondo che continuamente tenta il nostro John ad arrendersi e abbandonarsi al conforto del sonno. Il gioco indipendente sviluppato dallo Studio Cima è un metroidvania con le idee molto chiare, e in questa nuova versione dimostrativa - così come nella precedente demo di The Perfect Pencil provata alla Milan Games Week (ecco la nostra prova di The Perfect Pencil) - si è confermato un prodotto da seguire con attenzione.

    Un mondo accogliente e ansiogeno

    Il titolo d'esordio dello studio italiano non fa mistero delle sue ispirazioni, di cui la più evidente è quell'Hollow Knight ormai diventato gioco di culto e punto di riferimento per il genere (ecco la nostra recensione di Hollow Knight). Va detto però che sebbene il feeling visivo e pad alla mano sia effettivamente simile a quello messo in piedi dal Team Cherry, The Perfect Pencil mette subito in chiaro la sua voglia di pennellare un immaginario completamente nuovo con un piglio molto più narrativo e dialogato.

    Appare da subito centrale questa voglia di raccontare le ansie del quotidiano attraverso i personaggi secondari che si incontrano e un mondo ovattato, al tempo stesso accogliente e ansiogeno, e di quanto sia facile lasciarsi vincere da esse.

    Le prime aree che è possibile esplorare in questa demo di circa tre ore sono dedicate al tema dell'abbandono del nido, inteso come una zona di conforto psicologica rappresentata dalla comodità di certe abitudini, dal rifugiarsi in ciò che si conosce rifiutando il mondo esterno. E questa rappresentazione passa non solo dai comprimari che incontriamo, a volte ostili e a volte amichevoli, ma anche dalle aree, il forte di cuscini e l'hotel, che sembrano una sorta di proiezione di quelle stesse paure dell'individuo.

    L'aspetto che forse colpisce di più del gioco dello Studio Cima è quello estetico. La direzione artistica è ispiratissima e lo stile cartoon esalta il carattere di questo mondo originale, che oscilla tra la piacevolezza dei suoi colori, il disagio che creano questi personaggi onirici e l'uso disturbante di oggetti comuni.

    Infatti, ovunque ne incontriamo dei più disparati, dagli umani arrotolati nei materassi ai robot in bicicletta, da bambini troppo cresciuti che lanciano cuscini a uomini adulti incastrati in cucce per neonati. Oltre a tutto ciò, il mondo di The Perfect Pencil è reso ancora più affascinante grazie all'aria pesante che avvolge costantemente tutto, rappresentata attraverso degli effetti particellari particolarmente curati.

    Metroidvania moderno

    Già in queste prime ore di The Perfect Pencil si nota una certa cura per il level design, con le aree che si interconnettono tra loro e stimolano continuamente la voglia di esplorare. Le mappe di queste microaree si ottengono rompendo alcune sfere sparse in giro, che bisognerà trovare per cartografare l'intero mondo di gioco. Una soluzione che spinge al backtracking per completare la cartina, magari in seguito all'ottenimento di un nuovo power up.

    Interessante, inoltre, l'idea di rappresentare il menù di gioco come una telecamera suddivisa in sezioni, proiezione della testa del protagonista, come se le informazioni si consultassero all'interno di essa. Oltre ai tanti diversi oggetti che è possibile collezionare per diletto o necessari alle varie quest presenti, The Perfect Pencil prevede l'utilizzo di alcune lenti che è possibile equipaggiare in numero limitato per modificare le abilità del protagonista. In questa demo non ne sono presenti molte purtroppo, per cui non è possibile attualmente capire l'impatto che avranno sul gameplay. Funziona a dovere invece il combat system messo in piedi dallo Studio Cima, anche nell'unica boss fight che è possibile affrontare.

    In questa build di prova si può inoltre sbloccare uno dei classici power up dei metroidvania, che aumenta la mobilità del protagonista e permette di accedere a zone prima irraggiungibili. Nella relativamente breve versione a cui abbiamo messo mano il meccanismo si dimostra perfettamente funzionale, ma bisognerà valutare nel gioco finale il numero e la varietà di questi poteri, e come essi cambiano l'esplorazione del mondo, oltre alla quantità di backtracking che sarà necessario attuare, nel bene e nel male. Potete scaricare la demo di The Perfect Pencil da Steam.

    The Perfect Pencil The Perfect Pencil si conferma un gioco indipendente estremamente interessante, con una cura fuori dal comune per quanto riguarda l’ambientazione e i personaggi. L’impianto ludico messo in piedi dallo Studio Cima all’esordio sembra funzionare a dovere in quasi ogni suo aspetto, e dimostra una sua identità nonostante abbia derivato diverse meccaniche da esponenti illustri del genere. Inoltre, le sottotrame che il titolo propone in queste prime ore palesano la voglia di raccontare le ansie e le difficoltà di tutti i giorni che ognuno di noi si è trovato ad affrontare. Un gioco che avremmo voluto immediatamente continuare oltre le ore che avevamo a disposizione, e che aspetteremo con ansia fino alla sua uscita.

    Quanto attendi: The Perfect Pencil

    Hype
    Hype totali: 12
    76%
    nd