The Sandbox Alpha 3: catapultati in un mondo di voxel, zucche e VIP

Abbiamo fatto quattro passi sulla blockchain alla scoperta della Alpha Season 3 di The Sandbox, tra eventi, esperienze e tantissimo divertimento.

The Sandbox Alpha 3: catapultati in un mondo di voxel, zucche e VIP
Articolo a cura di
Disponibile per
  • iPhone
  • iPad
  • Mobile Gaming
  • Pc
  • Chi l'ha detto che la blockchain è soltanto criptovalute? The Sandbox è forse la più alta visione, sebbene non ancora del tutto la più concreta, del concetto di metaverso: la Alpha Season 3 è ormai aperta al pubblico, un luna park pronto a stupirci all'insegna del più genuino divertimento, cultura ed esperienze uniche, nell'ormai inconfondibile stile del mondo Voxel creato nei meandri della rete Ethereum. Abbiamo fatto quattro passi tra le sue infinite sorprese, cercando di trovare almeno una ragione per cui non dovreste provarlo.

    Spoiler: non l'abbiamo trovata!

    Un'esperienza straordinariamente variegata

    Prima di tutto, cos'è The Sandbox? L'idea è quella di un metaverso sulla blockchain, appunto, composto da lotti di terreno digitale registrati come token non fungibili che possono essere commercializzati e acquistati liberamente, seguendo le tradizionali regole del mercato.

    Al netto di ciò e della sua apparente aura di esclusività, The Sandbox ha aperto battenti per un periodo limitato in un'area ben definita della mappa globale. Quest'area, a libero accesso e piena di esperienze virtuali, è la nuova stagione Alpha Season 3.Al suo interno, una ricca ed eterogenea commistione di autorità del mondo della blockchain, dello spettacolo, dei videogiochi e persino enti pubblici hanno contribuito a realizzare delle zone tematiche straordinariamente varie e fitte di elementi più o meno riconoscibili. Per intenderci, in uno schiocco di dita vi troverete dal chiacchierare con il Grande Puffo ai panorami postapocalittici di The Walking Dead, ma non solo. The Sandbox ci mostra tutto il potenziale del mondo virtuale in un parco tematico di assoluto valore.

    Un parco virtuale che a oggi ci ha dato solo un assaggio di ciò che potrebbe essere in futuro, con il contributo non solo di personalità come Steve Aoki o Snoop Dogg, ma anche grazie alla fantasia di creator indipendenti che decideranno di unirsi alla costruzione di questa utopia su blockchain attraverso strumenti gratuiti messi a disposizione della comunità, come VoxEdit e Game Maker, che consentono di creare asset di gioco da poter implementare e vendere come NFT.

    Abbiamo provato di tutto, fatelo anche voi!

    Per entrare in The Sandbox è sufficiente un wallet crypto, del tutto gratuito, tra quelli supportati dal portale. Non servirà avere fondi nel portafogli, pertanto l'esperienza è del tutto gratuita.

    La nostra avventura inizia nella Alpha Lobby, punto di respawn e una sorta di hall da cui partire per esplorare in maniera guidata o autonoma il resto del parco. Sin da subito entreremo in contatto con personaggi non giocanti che ci guideranno nei vari percorsi, fornendoci quest di difficolta variabile, ma in genere molto semplici e con fini esplorativi, con cui guadagnare punti esperienza e dare un filo conduttore all'intera avventura. Nel parco, come già detto, sarà possibile interagire con personaggi di rilievo della cultura pop o dello spettacolo, rigorosamente in salsa voxel. Gradualmente, nel corso dei prossimi giorni e fino alla chiusura, verranno aperte o chiuse determinate esperienze per lasciare spazio a nuovi eventi esclusivi.

    Per prima cosa ci siamo fatti catapultare nel villaggio dei Puffi, grosso ben 4 LAND, in cui una fitta trama di quest e sottoquest ci porterà alla scoperta del villaggio, della foresta e dei suoi misteri. Sia ben chiaro che non si tratta di giochi o sfide particolarmente impegnative, bensì di un esperimento narrativo che può in futuro diventare qualcosa di più.

    In generale è un'avventura gradevole e di discreto intrattenimento.Successivamente ci siamo fiondati all'interno dell'esperienza City of Evil, un social hub ispirato all'immaginario musicale degli Avenged Sevenfold.

    Accompagnati dalle hit heavy metal della band californiana in una serie di quest esplorative, siamo andati alla scoperta di luoghi iconici in un'ambientazione di "vegasiana" memoria, un salto nel tempo da un villaggio western ai neon dei club privati ispirati alla cultura del selvaggio west, il tutto naturalmente popolato da zombi e corvi, come tradizione impone. Non poteva mancare, poi, un salto nella zona dedicata ai grandi successi Atari nella Atari Sunnyvale, con un gameplay interessante che coinvolge direttamente il nostro personaggio con visuale dall'alto, riproponendo veri e propri cult in una salsa del tutto nuova come Pong e Asteroids. Interessante la creazione di un vero e proprio museo in cui sono esposti alcuni dei pezzi più pregiati di ormai iconiche collezioni NFT come il Bored Ape Yacht Club, così come l'irripetibile esperienza Border Town of Tang Dynasty, in cui attraverso una serie di quest saremo chiamati a esplorare una città del Giappone feudale con dettagli unici e cenni di storia e cultura dell'epoca.

    Per concludere, in occasione dell'arrivo di Halloween, anche l'Alpha Season 3 si è vestite a tinte spooky con un tripudio di zucche e scheletri sin dalla lobby, con tanto di eventi a tema incluso il Cryptoween con Paris Hilton.

    Insomma, se c'è una parola che possa rappresentare maggiormente il clima di The Sandbox è quello di eterogeneità, oltre a una sempre più netta sensazione che il metaverso in salsa voxel stia ormai iniziando a compiere i suoi passi finali verso la maturità definitiva e la sua più chiara consacrazione.

    Quanto attendi: The Sandbox

    Hype
    Hype totali: 24
    65%
    nd