Tower of Fantasy: un nuovo rivale open world gratis per Genshin Impact

Abbiamo provato in anteprima Tower of Fantasy, il nuovo action open world gratis per PC, Android e iOS che sfida Genshin Impact.

Tower of Fantasy
Anteprima: PC
Articolo a cura di
Disponibile per
  • iPhone
  • iPad
  • Mobile Gaming
  • Pc
  • È sempre così: quando un gioco ottiene un enorme successo tra il pubblico, la concorrenza tende a proporre prodotti simili per aggiudicarsi una fetta di mercato. L'abbiamo visto qualche anno fa con i battle royale e lo stiamo vedendo in tempi più recenti con gli open world gratis in stile Genshin Impact. Il titolo Hoyoverse è riuscito a catturare l'attenzione dei fan proponendo un enorme mondo liberamente esplorabile e un sistema gacha che, pur consentendo l'acquisto di personaggi, permette a chiunque di scaricare il titolo e goderselo in ogni suo aspetto senza sborsare un centesimo.

    Ebbene, su PC e mobile è appena approdato il primo, vero concorrente di Genshin Impact: Tower of Fantasy. Grazie all'opportunità che ci è stata concessa dal team di sviluppo abbiamo trascorso numerose ore in compagnia del gioco e siamo pronti a svelarvi quelli che sono i suoi punti di forza in attesa della recensione.

    Editor da urlo

    Basta avviare per qualche istante Tower of Fantasy per comprendere quanto non ami perdersi troppo in chiacchiere. Dopo una breve introduzione che ci presenta il mondo futuristico di Aida, un pianeta su cui i pochi superstiti della Terra sono riusciti a trovare una nuova casa in seguito all'esaurimento di tutte le risorse energetiche utili alla sopravvivenza, veniamo immediatamente gettati nell'azione. Ed è proprio qui che salta fuori la più grande differenza tra Genshin Impact e il titolo di Hotta Studio: il combat system.

    Qui non vi è nessuna gestione degli artefatti e non ci sono membri del party con abilità uniche, poiché tutto ruota intorno alle armi. Al giocatore spetta la decisione di equipaggiare tre strumenti di morte tra una selezione piuttosto ampia: ciascuna arma dispone di un'abilità e di un moveset unico, senza contare la possibilità di passare da una all'altra sferrando un attacco speciale che si ricarica a furia di suonarle ai nemici.

    Combinata al doppio salto e alla schivata, che se eseguita alla perfezione rallenta il tempo per un po', potete intuire quanto l'azione sia molto più frenetica e richieda uno stile di gioco completamente diverso rispetto a quanto visto in Genshin Impact.

    Dopo una serie di scontri all'arma bianca all'interno di una caverna che fanno da introduzione al gameplay, veniamo feriti a morte da una mostruosa creatura dalle sembianze canine per poi risvegliarci in una sorta di base operativa in cui veniamo sottoposti a un breve tutorial che ci aiuta sia ad apprendere le meccaniche di base che a conoscere i personaggi principali. Durante questa fase abbiamo appreso un'altra gradita caratteristica della produzione di Hotta Studio: la possibilità di bypassare un intero dialogo con la semplice pressione di un tasto. Non tutti i giocatori apprezzano le lunghe chiacchierate, soprattutto quando si tratta di missioni secondarie o particolari eventi, e una funzionalità di questo tipo aiuta a ridurre i tempi morti e a non spezzare mai l'azione.

    A un certo punto, un dialogo con uno degli NPC della base ha dato il via all'editor del personaggio, dal momento che in Tower of Fantasy è possibile modificare l'aspetto del protagonista (o della protagonista) a proprio piacimento. Si tratta di una delle componenti più riuscite dell'esperienza, poiché consente una personalizzazione notevole del personaggio.

    Ad averci sorpreso è addirittura l'impossibilità di associare determinate acconciature ad abiti specifici, onde evitare compenetrazioni poligonali fastidiose alla vista. L'editor, che può essere richiamato anche successivamente, riguarda anche il vestiario e vanta un sistema attraverso cui gli utenti possono condividere le loro creazioni online. Insomma, si tratta di un aspetto che difficilmente non incontrerà i gusti dei giocatori.

    Un mondo tutto da esplorare

    Se non abbiamo parlato dell'open world di Tower of Fantasy fino ad ora, è perché tale componente del gioco merita una menzione a parte. La porzione di mappa che abbiamo esplorato nella nostra prova non ci ha entusiasmato dal punto di vista del design, poiché si tratta di scenari molto semplici che si alternano a paesaggi naturali come canyon, foreste, piccoli accampamenti e strutture tecnologiche costruite dall'uomo o dai locali. A compensare la carenza di carattere del setting è l'ottimo sistema attraverso il quale è possibile spostarsi tra le aree che caratterizzano il mondo di gioco.

    Di base abbiamo a disposizione una meccanica per l'arrampicata molto simile a quella di The Legend of Zelda Breath of the Wild (per approfondire, ecco la recensione di The Legend of Zelda Breath of the Wild), che funziona piuttosto bene e permette movimenti fluidi su tutte le superfici, senza intoppi di sorta. Ad ampliare le possibilità di movimento a piedi ci pensano anche il doppio salto, che può essere combinato con la schivata aerea, grazie a cui si possono coprire distanze considerevoli senza l'ausilio di strumenti o veicoli.

    Sì, perché in Tower of Fantasy è possibile utilizzare una vasta gamma di accessori che contribuiscono a migliorare l'esperienza di navigazione di Aida: rampini, jet-pack, tavole da surf, cavalcature, moto e chi più ne ha più ne metta. L'uso di questi dispositivi rende molto agevoli gli spostamenti (è comunque possibile approfittare del viaggio rapido tra checkpoint) ed evita lunghe passeggiate a piedi verso l'obiettivo.

    Per quello che riguarda invece la densità della mappa, ci riteniamo soddisfatti del numero di postazioni nemiche, forzieri da aprire, animali da cacciare e cristalli da distruggere (la raccolta avviene in automatico). In questo caso, però, dovremo esplorare la mappa nella sua interezza per dare un giudizio definitivo, poiché la superficie calpestabile sembra avere dimensioni parecchio generose e sarà fondamentale che ogni area presenti numerose attività e biomi differenti.

    Waifu mutaforma

    Come già accennato in precedenza, una delle peculiarità di Tower of Fantasy risiede proprio nel suo sistema gacha. Investendo il denaro o le risorse accumulate giocando nel negozio, è possibile sbloccare esclusivamente armi: l'unica eccezione riguarda una selezione di strumenti da combattimento che, a differenza degli altri, sono affiancati dai Simulacra, dei chip contenenti i dati di un combattente di cui possiamo assumere le sembianze.

    Si tratta quindi di skin, alcune delle quali dispongono anche di abilità e animazioni uniche che però si sbloccano tramite meccanismi avanzati che non abbiamo potuto scoprire, dal momento che nella nostra prova non abbiamo messo le mani sulle armi SSR, equivalente delle 5 Stelle di Genshin Impact.

    Non entreremo quindi nel dettaglio dei drop rate e dell'accumulo di risorse in maniera gratuita, poiché questo aspetto richiede un'analisi attenta dopo aver raggiunto l'endgame e sbloccato ogni aspetto dell'esperienza. Ciò di cui possiamo parlarvi è invece la varietà delle armi, tutte divertenti da utilizzare e ben diversificate tra loro. Tra archi, falci, martelli, doppie spade e tantissimi altri accessori, Tower of Fantasy permette uno stile di gioco piuttosto vario, a patto però di avere sufficiente fortuna con le loot box. L'unico dubbio riguarda la tenuta della formula a lungo termine: c'è il rischio che i nuovi archetipi di armi siano poco originali e che il gameplay tenda ad essere ripetitivo. Un altro aspetto delicato riguarda il bilanciamento del PvP, una modalità che potrebbe avere risvolti non piacevoli in un titolo di questo tipo.

    Un anime da giocare

    Dal punto di vista tecnico, Tower of Fantasy si presenta molto bene e con uno stile grafico pressoché identico a quello visto in Genshin Impact, con personaggi in stile anime e fondali tridimensionali. Se il livello di dettaglio dei modelli è più che discreto, lo stesso non possiamo dire per gli scenari, che spesso risultano spogli. Vi sono inoltre delle oscillazioni qualitative in merito alla direzione artistica. I volti principali dell'avventura infatti sono molto ben realizzati e caratteristici, mentre le creature che popolano le prime aree del mondo di gioco sanno di già visto.

    Dobbiamo evidenziare la presenza di qualche calo di framerate di troppo su PC, sebbene sia possibile che tali problematiche stiano per svanire con il debutto della versione finale. L'ultimo appunto riguarda invece il sistema di controllo, perché dobbiamo confermare l'assenza del supporto ai controller su PC, che speriamo venga introdotto al più presto per garantire la totale libertà ai giocatori.

    Insomma, Tower of Fantasy è un prodotto interessante soprattutto sul fronte ludico, sebbene la sua efficacia nel medio/lungo periodo sia ancora da verificare. In attesa di potervi parlare in maniera approfondita dell'endgame e delle meccaniche gacha nella recensione, vi ricordiamo che Tower of Fantasy è gratis su PC, Android, iPhone e iPad.

    Che voto dai a: Tower of Fantasy

    Media Voto Utenti
    Voti: 11
    5.2
    nd