UnRailed: tutti a bordo sul treno di Daedalic

Un'idea semplice ma divertente: la nuova opera di Deadalic ci chiede di costruire il tracciato per far giungere a destinazione una locomotiva in corsa.

provato UnRailed: tutti a bordo sul treno di Daedalic
INFORMAZIONI GIOCO
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Switch
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • Non solo immersioni in fondo al mare, come nel simulatore di sottomarino Barotrauma: adoriamo le idee semplici, soprattutto se poi danno vita a qualcosa di non banale. Nel caso di UnRailed, il quarto gioco della lineup dei Daedalic Days, c'è un treno in continua corsa ed alcuni giocatori che devono costruire nuovi tratti di ferrovia per aiutarlo a superare le insidie naturali. Tutto qui, ma è stata l'esperienza più divertente dell'intero evento, e pure quella che ha messo in luce le nostre difficoltà di coordinazione e di comunicazione.

    Don't stop the train

    Come vi abbiamo anticipato poco fa, UnRailed si poggia su un'idea semplicissima: costruire il tracciato di una locomotiva in corsa e farla giungere ad una stazione. Quella che può sembrare una banalissima idea è in realtà il cuore di un'esperienza (per due fino a quattro giocatori, anche in locale) davvero adrenalinica e divertente. Almeno finché non si infrangono amicizie decennali per colpa di qualche banale errore.

    Ma come si fa a realizzare il tracciato? Perché UnRailed non fornisce di certo dei binari preconfezionati da piazzare a piacimento. Servono risorse: il ferro, che si ricava distruggendo col piccone delle rocce marroncine, ed il legno, che invece può essere ottenuto con l'abbattimento di alberi grazie ad un'accetta. Combinando un'unità di ferro ed una di legno sul vagone collegato alla locomotiva si crea automaticamente un tratto di binario, che può essere piazzato manualmente da uno dei giocatori. Assimilata questa semplice regola va poi messa in pratica nelle mappe di gioco, e lì si rivela meno semplice del previsto. Serve infatti coordinazione: chi si occupa di picconare un muro di roccia per scavare un tunnel dove far passare il treno. Chi disbosca un'area e sposta i materiali. Chi si premura di posizionare il tracciato nella maniera più sensata possibile. Unrailed, però, richiede di eseguire molte più mansioni di quelle effettivamente praticabili dai giocatori. È possibile infatti che la locomotiva si surriscaldi e vada a fuoco - così facendo rende inutilizzabile il suo vagone - e sia necessario che un giocatore riempa un secchio d'acqua e lo rovesci sul treno.

    È capitato che il passaggio obbligato fosse sulla superficie di un lago e che servisse un ponte lungo e largo, e questo ha impegnato più costruttori del normale. A volte le risorse di un tipo erano troppo scarse, e quindi quasi tutti i giocatori si sono affaccendati nel raccoglierle e trasportarle. Insomma, se c'è una cosa che bisogna evitare in UnRailed è quella di avere dei ruoli fissi. È necessario adattamento, mutabilità, anche furbizia nel prepararsi ad un tratto di percorso particolarmente ostico.

    Per questo bisogna essere non solo coordinati ed affiatati, ma anche pronti a ripensare da zero la propria strategia e riadattarsi a compiti diversi, che magari neanche ci piacciono. Anche i movimenti sono fondamentali, visto che i vari personaggi hanno una loro fisicità e possono ostruire il passaggio di un compagno (non contiamo le volte in cui abbiamo perso per questo motivo). Insomma, come vedete, da un'idea semplicissima nascono tantissime situazioni diverse ed un'esperienza di gioco assolutamente non banale, anzi, perfino estremamente ostica se non si affronta nella maniera migliore.

    Bisogna inoltre riconoscere che UnRailed ce la mette tutta per risultare accessibile e comprensibile da principio. Per raccogliere gli oggetti basta premere il tasto A del controller e per iniziare ad abbattere alberi o frantumare rocce serve semplicemente avvicinarsi ed attendere una breve animazione. Grazie ad uno stile low poly molto colorato, è poi chiaro quali elementi ambientali sono indistruttibili (un tipo di roccia nera) e quali invece possono essere modificati per consentire il passaggio del treno.

    Si è verificato solo un fastidioso problema, che impediva di creare curve quando il treno si trovava sull'ultimo binario a disposizione, ma è stato promesso che sarebbe stato sistemato in futuro. Sebbene i nostri test con altri giornalisti abbiano dato risultati piuttosto miseri anche alla difficoltà più bassa delle tre, uno degli sviluppatori del team ci ha detto che in alcuni casi l'esperienza si rivelava troppo semplice e quindi sono stati inseriti dei "disturbatori". Ci si può imbattere in una mandria di mucche che bloccano il passaggio, in uno yeti arrabbiato che corre appresso ai giocatori, o anche in un fantasma che gioca il simpatico scherzetto di invertire tutti i comandi.

    Oltre a queste distrazioni, ci sono pure eventi ambientali positivi, come la pioggia, che permette di riempire il secchio senza che si debba necessariamente andare nei pressi di uno specchio d'acqua. Se poi la sfida non è soddisfacente si può optare per la modalità endless, in cui il treno procede in una marcia infinita attraverso una serie di biomi differenti con una difficoltà crescente. La particolarità di questa modalità è che ogni volta che si fa tappa ad una stazione è possibile sbloccare dei vagoni aggiuntivi.

    Ci è stato mostrato quello dinamite, grazie al quale abbattere grandi porzioni di montagna in poco tempo, ma ce ne saranno anche altri standard, che velocizzeranno le operazioni di creazione, e pure uno cisterna, ma sul quale il team si sta concentrando per renderlo più significativo. L'ultima modalità che dovrebbe essere disponibile al lancio (utilizziamo il condizionale perché è ancora in lavorazione) è quella PvP, in cui due squadre si sfidano a chi riesce a portare il treno più lontano.

    Unrailed UnRailed dimostra come le idee semplici siano sempre le migliori: quattro giocatori, un treno in corsa ed una ferrovia da costruire, basta questa ricetta per dar vita ad una serie di partite divertenti e scanzonate. La semplicità pervade anche tutti gli altri aspetti, che comunque possono essere padroneggiati solo dopo un po’ d’esperienza, e a patto che si abbia un team coordinato e rapido nell’esecuzione. UnRailed è insomma la parentesi più giocosa e divertente della ventura lineup di Daedalic, un titolo che siamo curiosi di provare in compagnia degli amici. A quanto pare non ci sarà da attendere poi molto: la versione Early Access sarà disponibile su PC quest’estate, ma è lecito aspettarsi l’arrivo su altre piattaforme. Switch, ad esempio, su cui UnRailed potrebbe dare davvero il meglio di sé.

    Quanto attendi: Unrailed

    Hype
    Hype totali: 2
    90%
    nd