Warlander: For Honor incontra League of Legends

Alla scoperta di Warlander, nuovo gioco gratis free to play che mescola le meccaniche dei MOBA a quelle di un action in terza persona.

Warlander: For Honor incontra League of Legends
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS5
  • Xbox Series X
  • In tempi recenti vi abbiamo parlato spesso di come i team di sviluppo stiano cercando di avere successo tra il pubblico con prodotti ibridi, ovvero videogiochi le cui meccaniche mescolano svariati generi provando a dare vita a qualcosa di completamente nuovo. Uno di questi esempi è proprio Warlander, il nuovo progetto targato Plaion che prova a far breccia nel mercato dei free to play con un mix di elementi appartenenti ai MOBA e agli action in terza persona con un pizzico di strategia. Pur essendo disponibile in Open Beta da oggi, il titolo è stato oggetto di test nel corso degli ultimi giorni, dal momento che abbiamo avuto l'opportunità di provare le frenetiche battaglie medievali che offre. Siamo quindi pronti a esporvi perché, pur con i suoi difetti, potrebbe trattarsi di un prodotto da tenere d'occhio.

    Un gioco fantasy tra MOBA e azione

    Warlander ci catapulta all'interno di un universo medievale con un pizzico di fantasy in cui i giocatori devono prendere parte ad affollati match online. Per chi se lo stesse chiedendo, non si tratta affatto di un battle royale e la struttura ludica del titolo Plaion è parecchio complessa, soprattutto per chi decide di avvicinarsi all'esperienza per la prima volta. Di base, Warlander è un action con visuale alle spalle del personaggio in cui due squadre da venti giocatori devono darsele di santa ragione per conquistare gli avamposti e introdursi nella fortezza nemica per disintegrarne il nucleo a suon di spadate.

    Questa però è solo la punta di un enorme iceberg, poiché dietro le battaglie campali si cela una componente ruolistica e strategica molto interessante. Innanzitutto, la fase pre-match è caratterizzata dall'organizzazione della squadra in sotto-gruppi con obiettivi ben precisi: c'è chi deve dedicarsi alla conquista di avamposti, chi può provare ad agire furtivamente per insinuarsi tra le mura nemiche e chi viene assegnato alla protezione della fortezza, che è disseminata di catapulte, balestre e altre postazioni che possono essere costruite sul posto, proprio come le scale che permettono al nemico di oltrepassare le difese.

    A definire la componente ruolistica è invece il sistema di costruzione della squadra: ogni giocatore può creare dei team formati da cinque pedine, ognuna delle quali è personalizzabile in aspetto, equipaggiamento e abilità.

    Oltre a poter scegliere tra guerriero (attacco), chierico (supporto) e mago (mix delle altre due), il giocatore deve anche riflettere bene sulle caratteristiche di ciascun elemento della squadra, poiché solo i personaggi di infimo livello possono essere utilizzati sempre e comunque. Come vi dicevamo, Warlander eredita alcune meccaniche dei MOBA e, giocando, è possibile accumulare una sorta di valuta chiamata Valore, grazie alla quale si potranno inviare in campo i personaggi più forti. Questo implica che le squadre devono essere formata da pedine di ogni livello, dal momento che non è possibile abusare dei guerrieri più prestanti sia per via del Valore che per il cooldown tra un respawn e l'altro. Tale sistema funziona bene e sprona l'utente a usare più volte il suo deck di eroi per potenziarlo sempre di più, sebbene manchi al momento la possibilità di assegnare un nome a ciascuno di essi.

    Con un'impostazione del genere, si può intuire facilmente come Warlander sia un prodotto in grado di offrire una certa libertà di approccio alla partita e con un'attenzione notevole alla componente strategica. Non basta scagliarsi sul nemico con la lama alzata per fare un massacro e raggiungere il cuore della base avversaria, ma occorre che ogni ingranaggio funzioni alla perfezione e che ogni battaglione stia svolgendo correttamente i propri incarichi.

    Proprio durante la nostra prova del gioco abbiamo avuto testimonianza dell'importanza della difesa: mentre tutti erano concentrati ad attaccare le porte della fortezza dei nostri nemici, un solo soldato è riuscito a infiltrarsi fino al nucleo e l'ha distrutto senza che nessuno potesse fermarlo.

    Un mix tra azione e strategia

    Dal punto di vista del gameplay, Warlander è un gioco senza infamia e senza lode: il combat system è basato su pochi tasti e non permette di eseguire combo particolari o schivate, ma tutto ruota intorno all'uso di attacchi semplici, abilità attive e parate. Oltre all'arma primaria - un martello per il chierico e una spada per il guerriero - i nostri personaggi possono anche utilizzare una balestra, perfetta per dare supporto a chi è in prima linea e magari avvantaggiare un compagno durante un testa a testa.

    A incidere molto sul combattimento sono le abilità, alcune delle quali garantiscono buff temporanei alle statistiche, permettono di innalzare barriere temporanee o, nel caso del mago, di sincronizzare le balestre di un intero plotone e scagliare tutti i dardi in un'area specifica. Il titolo Plaion fornisce quindi ai giocatori una serie di strumenti che possono essere impiegati in numerosi modi, possibilmente in coordinazione con il resto della squadra.

    L'unico aspetto che non abbiamo compreso nella nostra breve prova e che andrà approfondito nelle prossime settimane riguarda la gestione dei personaggi e il loro potenziamento. Gli sviluppatori hanno confermato che le microtransazioni avranno solo valore estetico e serviranno per modificare le skin di armi ed armature, visto che lo sblocco di oggetti e abilità avverrà solo ed esclusivamente giocando.

    Al termine dei vari match, una schermata segnalava l'aggiunta all'inventario di nuove armi e talenti da utilizzare nella schermata di creazione e personalizzazione delle pedine, ma sarebbe opportuno comprendere quanto il fattore fortuna incida su questa componente del gioco e, soprattutto, quanto sia curato il bilanciamento generale. Un altro elemento che non abbiamo ben compreso è l'entrata in gioco di un enorme robot pilotabile che, richiamato nelle fasi avanzate di un match, può contribuire in maniera netta all'avanzata verso i cancelli del nemico e favorire la vittoria.

    Il giusto compromesso

    Sul versante tecnico, Warlander non stupisce e propone modelli e fondali discreti per modellazione e dettagli. È chiaro che un prodotto del genere non possa spingere troppo l'acceleratore sulla grafica e che lo splendido caos che viene a generarsi durante le battaglie richieda molte risorse. Dopotutto si tratta di un free to play e uno dei requisiti essenziali di produzioni di questo tipo è dare la possibilità al maggior numero di macchine possibile di farle girare a dovere. Nel nostro caso, abbiamo giocato senza particolari problemi e con poche incertezze nel framerate, sebbene le impostazioni grafiche e la risoluzione non fossero settate al massimo delle possibilità.

    Proprio a questo proposito, abbiamo qualche timore su quelle che saranno prestazioni e resa visiva del titolo sulle console di ultima generazione, dal momento che tra un'ottimizzazione non al top e la massiccia presenza di elementi a schermo, non è da escludere che l'unico modo per ottenere un framerate stabile sia quello di castrare la qualità dell'immagine o la risoluzione.

    Siamo molto curiosi di scoprire come renderà Warlander su PlayStation 5 e Xbox Series X|S, visto che queste versioni del free to play non sono ancora disponibili e dovrebbero arrivare in un generico futuro, magari in concomitanza con l'edizione definitiva per PC (a tal proposito, ecco i requisiti di Warlander per PC). Insomma, il titolo Plaion è lontano dalla perfezione e richiede ancora del lavoro da parte degli sviluppatori, ma è innegabile che sotto il cofano vi siano delle potenzialità in grado di incontrare i gusti di tutti quei videogiocatori che cercano un prodotto di questo tipo che, di fatto, non ha concorrenti sul mercato. Vi ricordiamo che almeno per il momento Warlander è disponibile al download gratis su PC tramite Steam e i progressi dell'Open Beta verranno azzerati al momento del passaggio alla versione finale.

    Quanto attendi: Warlander

    Hype
    Hype totali: 3
    40%
    nd