WRC 10: il nuovo videogioco del Campionato del Mondo Rally

Nacon presenta la nuova edizione di WRC, il gioco di corse con licenza ufficiale del World Rally Championship.

WRC 10: il nuovo videogioco del Campionato del Mondo Rally
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Switch
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • PS5
  • Xbox Series X
  • Per gli appassionati di rally videoludico, la serie di Kylotonn Games dedicata al World Rally Championship è rimasta l'unico modo per mettersi alla prova sulle strade accidentate di tutto il mondo. Fortunatamente, dopo qualche capitolo fiacco e poco ispirato, il team francese sembra aver ritrovato la quadra, e a partire da WRC 8 (ecco la nostra recensione di WRC 8) ha saputo rimettere definitivamente in carreggiata il franchise. WRC 10 prosegue nel solco tracciato dal capitolo di due anni fa, provando a continuare nella propria opera di affinamento di un modello di guida accessibile, ma sempre più volenteroso di strizzare l'occhio alla simulazione. Testimonianza diretta dalla vicinanza tra la serie e il mondo del sim racing è ad esempio la partnership con Fanatec, il cui logo è utilizzato anche quest'anno come unico elemento di spicco all'interno delle schermate di caricamento.

    Ma non solo: WRC 9 si è dimostrato molto attento anche all'utenza next-gen (come testimoniato anche nella nostra recensione di WRC 9), sublimando l'esperienza di gioco dei possessori di PS5 con l'implementazione a dir poco esemplare delle caratteristiche uniche del pad dell'ultima ammiraglia di Sony, ad oggi una delle più esaltanti che ci sia capitata tra le mani. In attesa della release, prevista per il mese di settembre, abbiamo assistito a una presentazione dettagliata del gioco e della sue novità, seguita come nel caso di RIMS Racing (ecco la nostra prova di RIMS Racing) anche da un "test drive" avvenuto tramite una piccola demo in versione PC.

    Rivivere la storia

    WRC 10 si configura, almeno sulla carta, come un capitolo di transizione, in cui le innovazioni del modello di guida sono sicuramente tangibili, ma non prioritarie. Si tratta fondamentalmente di un episodio celebrativo, il cui intento primario è quello di festeggiare, attraverso l'inclusione di una modalità "storica" dedicata, il cinquantesimo anniversario del World Rally Championship.

    Per farlo, il team ha pensato bene di spingere forte sull'inclusione di nuove vetture del passato, questa volta corredate anche da una chicca in più: la presenza sulle macchine stesse dei nomi che le hanno rese grandi. Campioni del passato come Carlos Sainz (il papà dell'omonimo pilota di Formula 1) e il compianto Colin McRae, giusto per citarne un paio; figure cardine del rally che fu, e grandissima fonte d'ispirazione per i campioni di oggi e del domani. La modalità storica sarà disponibile come modalità a parte, e ci consentirà di ripercorrere alcuni dei momenti più importanti del campionato dal 1973 ad oggi. Purtroppo nella demo da noi testata non era possibile provare nessuno di questi eventi, ma solo qualche gara veloce sui tre dei nuovi rally che saranno disponibili nel campionato di quest'anno, quindi per saperne di più dovremo attendere il prossimo settembre. Per supportare la nuova modalità sono state introdotte anche 12 nuove location, 7 delle quali presenti fin da subito e 5 che arriveranno successivamente tramite patch. Per gli appassionati di vecchia data ci sarà tanto di cui gioire, vista l'inclusione, tra gli altri, dei leggendari rally di San Remo e dell'Acropolis.

    Per quanto riguarda i contenuti "moderni", invece, la decima iterazione del franchise proporrà - come era lecito aspettarsi - tutti i team ufficiali del campionato, divisi attraverso quattro categorie: WRC, WRC2, WRC3 e Junior WRC. Anche le location saranno tutte quelle ufficiali del FIA World Rally Championship, con l'unica eccezione rappresentata dal Belgio, che a seguito della sua inclusione tardiva nel calendario non sarà disponibile al lancio ma soltanto in seguito, sempre tramite update gratuito. Non mancheranno però new entry quali Estonia, Croazia e Spagna, le stesse su cui abbiamo potuto cimentarci nella nostra piccola demo.

    Essendo presente una sola tappa per ognuna di queste tre location, preferiamo comunque non sbilanciarci troppo sulla qualità complessiva di ciascuna di esse. In quanto modalità regina del prodotto, anche la Carriera riceverà numerosi update e migliorie diffuse, anche se per il momento non c'è dato sapere esattamente quali. Sicuramente torneranno - e probabilmente saranno espansi in maniera notevole- gli aspetti manageriali già visti nella precedente incarnazione. Il gioco dovrebbe tra l'altro consentirci di creare un nostro team partendo da zero, e per darci l'opportunità di farlo nel modo giusto, KT Racing ha inserito un complesso editor di livree con il quale creare la nostra macchina perfetta. Purtroppo, però, il team ci ha anche confermato che i design non saranno condivisibili con gli altri.

    Altro giro, altra corsa

    Sebbene buona parte delle aggiunte puntino principalmente ad espandere la mole contenutistica, anche il motore fisico ha ricevuto svariati aggiornamenti. Il team ci ha ad esempio parlato esplicitamente dell'importante lavoro svolto sulla gestione delle sospensioni e sull'aerodinamica, senza però scendere troppo nei dettagli.

    La poca varietà dei terreni inclusi nella demo, onestamente, non ci è parsa sufficiente per poter valutare accuratamente quanto questi cambiamenti abbiano impattato sul modello di guida, che pur mostrando comportamenti leggermente diversi rispetto al passato, ci è parso familiare e complessivamente in linea con quanto visto negli anni precedenti. A ciò aggiungiamo una piccola curiosità: in fase di presentazione, il termine di paragone utilizzato da Kylotonn non è stato WRC 9, bensì il capitolo precedente, quello che gli ha fatto fare il vero salto di qualità. Non sappiamo se si è trattato soltanto di una scelta di marketing, un modo per confermare indirettamente che si tratta di una ramificazione portata avanti in contemporanea allo sviluppo dell'episodio dell'anno scorso oppure un modo per suggerire un'ipotetica sovrascrittura di alcune delle (piccolissime) modifiche introdotte nel settembre 2020. Congetture a parte, comunque, una volta scesi in pista abbiamo ancora una volta riscontrato vibrazioni molto positive, e alla fine è proprio questo che conta.

    Per quanto concerne il versante tecnico, la software house francese ha posto l'accento principalmente su due fattori, entrambi molto importanti in un gioco di rally: il primo è il nuovo sistema di gestione della vegetazione, che dovrebbe finalmente risultare più realistica, l'atro l'implementazione di nuovi sound, anch'essi teoricamente più vicini alle controparti reali, per quasi tutte le macchine, sia moderne che storiche.

    Una menzione d'onore è stata riservata anche ad una delle più interessanti funzionalità introdotte nella versione next-gen del capitolo precedente: il feedback aptico del DualSense, che dovrebbe risultare, almeno a detta degli sviluppatori, ulteriormente migliorato. Non avendo provato la versione PS5, però, non possiamo darvi ulteriori informazioni o conferme a riguardo.

    WRC 10 WRC si appresta a tornare il prossimo 2 settembre con un’edizione carica di contenuti volti a celebrare il cinquantesimo anniversario del campionato di riferimento, il FIA World Rally Championship. Per farlo si arricchirà di 22 nuove vetture storiche e 12 location iconiche, all’interno della quali ci potremo sbizzarrire nel tentativo di portare a compimento ben 19 eventi a tema. Ma la nuova edizione del prodotto pubblicato da Nacon non ha soltanto lo sguardo rivolto verso il passato: avrà logicamente tutti i contenuti del campionato 2021, così come una modalità carriera migliorata e qualche piccola correzione al modello di guida. E a differenza dell’anno scorso arriverà contemporaneamente su tutte le piattaforme, next-gen compresa, con l’unica eccezione rappresentata dalla versione Nintendo Switch, per la quale ancora non c’è una data ufficiale stabilita.

    Quanto attendi: WRC 10

    Hype
    Hype totali: 4
    58%
    nd