Recensione 18 Wheeler: American Pro Trucker

Leggi la nostra recensione e le opinioni della redazione sul videogioco 18 Wheeler: American Pro Trucker - 5277

Articolo a cura di

18 Wheeler

Spieghiamo prima di tutto il titolo del VG in questione, 18 Wheeler negli Usa è sinonimo di camion, infatti, tali bisonti della strada hanno 18 ruote (chissà che dramma dover fare il cambio del treno di gomme). Chi non ha mai desiderato emulare le gesta del vecchio Sly Stallone in Over the Top? Nessuno? Bè, comunque chi ha la patente avrà sicuramente desiderato qualche volta fregarsene delle code e avere un mezzo indistruttibile con il quale divertirsi a fare ciò che il codice della strada vieta. La Sega ha realizzato questi sogni, permettendoci di guidare un truck invulnerabile impegnato nella consegna delle merci più disparate. Il nostro coast to coast inizierà a New York ed arriverà fino a San Francisco passando per la Florida, il Texas e Las Vegas. Nel corso di questo viaggio potremo scegliere per ogni tappa cosa trasportare, è meglio guadagnare di più trasportando enormi tronchi di sequoia o accontentarsi di una paga minore per un rimorchio d'auto? A prescindere dal carico scelto dovremo arrivare ad ogni check-point entro il tempo a disposizione, che potrà essere incrementato tramite il tamponamento di particolari furgoni, inoltre per guadagnare velocità sarà possibile sfruttare la scia di altri mezzi pesanti. Ogni stage presenterà dei bivi, alcuni dei quali piuttosto nascosti, che si riveleranno essere delle vere e proprie scorciatoie, anche se più pericolose della strada principale. Nel caso in cui si riesca a battere il Tir nero oltre ad un lauto compenso in $ fruscianti, ci si potrà cimentare nel parcheggio del ns mezzo, in caso di successo otterremo bonus quali clacson potenziati, maggiore velocità ecc. Il camion si guida bene, risponde in modo credibile e naturalmente ha un'accelerazione ridicola, nelle curve a gomito si dovranno impostare traiettorie più strette rispetto a quello che siamo abituati a fare con le normali auto. Ci si diverte come pazzi a sfrecciare sulle highways, travolgendo le auto che ci intralciano e creando nuove "strade" nel mezzo delle tipiche case dei sobborghi americani. Rispetto al coin-op il porting vanta il net-ranking e il parking mode, quest'ultimo, che originariamente era solo un bonus, è un'ottima variante del gioco. Parcheggiare non è mai stato così divertente ^_^!!! Il versus mode si discosta dall'arcade mode perché in questo caso lo scopo del gioco è fare più $ dell'avversario, per incrementare le proprie ricchezze si potrà speronare i soliti furgoncini, più volte di seguito lo si farà maggiore sarà la ricompensa. Si dovrà, però stare attenti a non urtare le auto dei civili, pena la perdita di money, inoltre il primo arrivato otterrà un bonus monetario.

Asfalto Rovente

Discreta niente di più, purtroppo dopo le orge grafiche di F355 e Le Mans 24 Hours quella di 18 Wheeler risulta essere di una generazione precedente. I modelli poligonali delle auto e dei trucks sono buoni, impreziositi da riflessi sulle carrozzerie accettabili. Le texture utilizzate spaziano tra il buono ed il sufficiente. Tra i pregi va annoverato il frame-rate costante, stabilmente ancorato ai 30 fps. L'assenza dei 60 fps non si fa sentire molto, dato che la naturale lentezza dei mezzi utilizzati non permette di notare la differenza. Alcune chicche come la tromba d'aria e gli oggetti sul cruscotto che si muovono nel caso di curve molte strette, contribuiscono ad innalzare il livello grafico medio. I difetti più fastidiosi sono le scalettature abbastanza evidenti, l'orizzonte non molto profondo e saltuariamente la presenza di pop-up.

Country a palla

Le musiche sono anonime e spaziano come genere tra il rock ed il country. Gli effetti sonori sono generalmente molto buoni, il rumore dello sfiato d'aria prodotto dal nostro bestione quando freniamo è talmente credibile, che chiudendo gli occhi potremmo credere veramente di averne uno vicino. Le voci sono in perfetto stile arcade Sega, chiare, comprensibili e simpatiche.

Troppo breve

La longevità è il vero punto debole di 18 Wheeler, la presenza di soli quattro tracciati mina inesorabilmente la sua durata, l'aggiunta del parking mode non è certo sufficiente a far durare il gioco più di una settimana. In due lo si giocherà più a lungo, ma rimane sempre troppo poco.

In my humble opinion

Consigliato a chi vuole un gioco fuori di testa, divertente e abbastanza originale, però siete avvertiti che non vi durerà molto, insomma, aspettando le versioni occidentali che supporteranno il gioco on-line, il mio suggerimento è di comprarlo usato o noleggiarlo.