Recensione Air Penguin

Gamevil ed il suo pinguino che non sa nuotare: recensito il popolare titolo basato sui sensori tilt per iPhone

Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • iPhone
  • iPad
Adriano Della Corte Adriano Della Corte Da quando ha ricevuto in regalo il suo primo Gameboy all'età di 5 anni, non ha mai smesso di giocare. Grande appassionato di platform e di epiche avventure. Cercatelo su Twitter e su Google Plus.

Sarà forse solo una coincidenza, ma fino ad ora i titoli che hanno riscontrato maggior successo su AppStore sono stati tutti videogiochi con protagonisti dei volatili. Ad aprire le danze ci ha pensato Rovio con i suoi Angry Birds, che hanno superato ogni rosea prospettiva di vendita, diventando un brand di successo non solo sul marketplace di Apple. Anche Tiny Wings, l'arcade di Andreas Illinger che ci metteva nei panni di un pulcino incapace di spiccare il volo, è stato a lungo al primo posto delle App più vendute sul marketplace iPhone.Da alcune settimane, a spodestare questi due titoli ci ha pensato Air Penguin di Game Evil, un videogioco che fa dei tilt sensor lo strumento per controllare i movimenti di un piccolo pinguino che non sa nuotare, pronto a salvare la sua famiglia saltellando sui frammenti del pack antartico.

Salti tra i ghiacci

La famiglia del pinguino protagonista di Air Penguin è stata rapita mentre era alla ricerca di pesci: unico scampato a questa retata, l'eroe principale dovrà viaggiare in più di 100 stage, per raggiungere e liberare i propri familiari. Air Pinguin sfrutta i sensori di movimento del nostro dispositivo Apple per gestire i movimenti del nostro piccolo eroe, che inizierà a saltare automaticamente non appena avviato un livello di gioco. Per muovere il protagonista ed evitare che cada in acqua, dovremo inclinare l'iDevice in direzione di una nuova piattaforma di giacchio. Il titolo richiederà una certa destrezza e rapidità di movimenti, visto che non potremo sostare per troppo tempo sullo stesso frammento di pack. Dopo tre salti, infatti, questo si sgretolerà sotto i nostri piedi, ed il povero pennuto cadrà inesorabilmente nelle fredde acque del Polo. Oltre a saltare su piattaforme circolari di varia grandezza, occasionalmente atterreremo su grandi lastre di giacchio coperte dalla neve, dove potremo scivolare muovendoci a destra e sinistra: dovremo assolutamente evitare di cadere nelle buche, o di scontrarci con i trichechi, che ci spingeranno pericolosamente verso l'esterno della lastrone. Nel nostro cammino baldanzoso, potremo inoltre incontrare una tartaruga marina, che ci offrirà un passaggio per navigare tranquillamente lungo le onde del mare. Occhio però agli iceberg! Un impatto inatteso e ci ritroveremo improvvisamente sbalzati dal comodo "mezzo di trasporto". D'intralcio al nostro cammino ci saranno inoltre squali - pronti con le fauci aperte ad inghiottirci in sol boccone - piovre, pesci spada, ed altre creature ostili da evitare con prontezza e agilità.
Per aggiungere un maggiore senso di sfida, gli sviluppatori hanno inserito in ogni livello 5 pesci da poter raccogliere mentre salteremo verso la piattaforma finale. Collezionare questi pesci può considerarsi a tutti gli effetti l'obiettivo principale dell'avventura, che risulterebbe limitata se volessimo soltanto completare indenni ogni stage.
La raccolta del nostro cibo preferito non sarà tuttavia una passeggiata. Alcuni pesci saranno disposti a mezz'aria, catturabili dunque solo quando il pinguino avrà raggiunto l'altezza massima durante il suo balzo; altri invece saranno disposti a terra, costringendoci ad atterrare su una determinata piattaforma per poterlo raccogliere. Il giocatore sarà dunque spinto a ricalcolare di volta in volta il proprio percorso verso il traguardo, in modo da raccogliere tutti i pesci e non rimanere senza ghiaccio sotto ai piedi.
I pesci saranno inoltre un'utile moneta per aiutarci nelle situazioni di difficoltà. In ogni quadro infatti potremo spendere il nostro bottino per sbloccare alcuni "salvavita" e diversi aiuti. Ad esempio, con 5 pesci potremo effettuare un salto di recupero a pelo d'acqua, oppure con 10 tappare le buche presenti sulle lastre ghiacciate. Stordire gli squali e le altre creature ostili saranno inoltre ottime strategie per portare a casa la pelle senza troppa fatica.
Oltre alla modalità storia, che ci intratterrà a lungo grazie ai numerosi livelli presenti, Air Penguin dispone anche di una modalità sopravvivenza: in questo caso ci è chiesto di percorrere quanta più strada possibile prima di cadere in acqua. Una variante che permette agli amanti dei titoli puramente arcade di mettere alla prova le proprie abilità nel gestire i movimenti del pinguino.

Occhio a non cadere!

Air Penguing sfrutta unicamente i sensori di inclinazione del proprio iPhone, iPod e iPad per controllare i movimenti del personaggio. La sensibilità dell'inclinazione del dispositivo può essere regolata tramite un apposito menù nelle impostazioni di gioco, ma in condizioni normali - stando seduti con il device tra le mani in posizione orizzontale - saltellare da una piattaforma all'altra non sarà mai un problema. Magari il sistema di collisioni con le pedane poteva essere marcato in maniera migliore: in alcuni casi cadremo in acqua nonostante la sensazione di aver preso le giuste misure per atterrare prontamente su un pezzo di ghiaccio.
Ma i limiti di un sistema di controlli basati sui sensori tilt si fanno evidenti quando non potremo giocare da seduti: nel caso adottassimo posizioni più comode, come sdraiati su un letto o divano, i movimenti del pinguino saranno totalmente ingestibili. Un titolo che fa nulla per adattarsi alle diverse esigenze del giocatore, e che limita la sua fruibilità ad un'unica situazione. A questo inoltre dobbiamo aggiungere che anche nella posizione di gioco ideale, tenere per lungo tempo la testa abbassata per controllare l'azione sullo schermo affaticherà progressivamente i muscoli cervicali, costringendo a interrompere più volte la sessione di gioco per evitare dolorosi torcicollo.
Tecnicamente il titolo utilizza un comparto grafico ben dettagliato e ricco di colori, ed offre un simpatico jingle che svolge egregiamente il compito di accompagnamento sonoro alle nostre saltellanti avventure.

Air Penguin Air Penguin è un titolo divertente e coinvolgete, con una modalità principale che intratterrà a lungo i giocatori. Nei cento livelli inclusi nel titolo, la curva di difficoltà risulta ben calibrata, ed il senso di sfida sarà supportato da un level design sempre ben assortito, con ostacoli da superare e elementi collezionabili che spingono al limite l'abilità del giocatore nel muovere il pinguino durante i suoi salti. L'utente dovrà però scendere a compromessi con i comandi di gioco. La fruibilità del titolo purtroppo risulta particolarmente "ingessata" dalla scelta di sfruttare i sensori tilt come sistema di controllo. Se da seduti non ci sono problemi nel direzionare correttamente i movimenti del pinguino (ma il rischio torcicollo sarà sempre dietro l'angolo), sconsigliamo assolutamente l'acquisto a chi non è propenso a giocare con il proprio iPhone da seduto: il qualsiasi altra posizione Air Penguin risulterà totalmente ingestibile.

7

Che voto dai a: Air Penguin

Media Voto Utenti
Voti: 10
7
nd