Recensione Airforce Delta Storm

Leggi la nostra recensione e le opinioni della redazione sul videogioco Airforce Delta Storm - 1

Recensione Airforce Delta Storm
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Gba
  • Xbox
  • Introduzione

    Pronti a decollare ? Tra le nostre mani abbiamo finalmente una copia di Air Force Delta II, seguito per Xbox di un
    titolo per Dreamcast che, in Giappone, ha riscosso un discreto successo tanto da motivare addirittura dei data disk. Konami oggi ci riprova, e ci trasporta nell'anno 20x1 nel bel mezzo di scontri per lo sfruttamento delle risorse del pianeta Terra. Ingaggiare scontri nei cieli, effettuare raid nelle postazini nemiche, far collassare delle installazioni, sono solo alcune delle possibilità offerte da AFDS. E l'idea di poter fare tutto ciò in un gioco spinto dalla potenza Xbox, decisamente ci ha fatto sognare parecchio.....vediamo ora insieme quanti di questi sogni corrispondono alla realtà.

    Primo Impatto

    E' innegabile: il primo aspetto che ci siamo trovati ad analizzare durante le missioni è stato indubbiamente quello grafico. Ed è qui che si segnalano i primi contrasti della realizzazione di AFDS. Bisogna riconoscerlo, il gioco scorre molto fluidamente ed è caratterizzato da una impeccabile pulizia visiva, ma è soprattutto la realizzazione degli aerei a catturare l'interesse del giocatore: sono veramente appaganti.
    Il dettaglio di ogni modello è incredibile. Prendete il "Su-23U Furnace" rivestito di una splendida texture mimetica, o l'"F-120C NightCamel" le cui forme ricordano molto lo stealth. Prendete il "classico" "F/A 18C
    Hornet", l'"F14 Tomcat" oppure mettetevi alla guida di uno splendido "EF2000 Typhoon", e vi assicuro che durante il reply, nel quale ammirerete "da fuori" il vosto veivolo, rimarrete a bocca aperta! L'effetto metallico delle superifci è ottimamente realizzato, esaltato da eccellenti algoritmi di illuminazione che si occuperanno di dipingere realistici tramonti, di riflettere il vostro aereo sulla superfice increspata del mare. Ci siamo quindi trovati davanti uno spettacolo grafico senza precedenti? Purtroppo no. Abbiamo dovuto constatare degli elementi "stonati" che, sfortunatamente, influenzano negativamente la qualità generale di AFDS. Per prima cosa, ci sentiamo di criticare le
    esplosioni, a nostro avviso poco realistiche e troppo "bitmap", si tratta quindi di animazioni di esplosioni precalcolate mappate su poligoni semitrasparenti, e non di esplosioni simulate attraverso particelle texturizzate ed animate (
    visivamente molto più appaganti ma anche più dispendiose in termini di realizzazione e di potere computazionale). Il problema è che non si integrano affatto con i modelli 3D e col resto dell'ambiente, risultando deciamente "staccate", finte. In un gioco dove l'abbattere un nemico è il momento più appagante, capirete che non è il massimo vedere l' aereo cadere ed esplodere in una nuvola di "cartone". Altro punto di biasimo è la qualità delle texture delle
    ambientazioni: a volte sono ottime, altre volte invece lasciano a desiderare e finiscono per essere paragonabili, se non talvolta peggiori, ai prodotti concorrenti su altre console. Non vorremmo che pensaste che la situazione è tragica: AFDS presenta una pulizia video abissalmente migliore degli altri prodotti, gli aerei sono eccellenti, così come l'illuminazione e l'acqua. Ma talvolta le texture del terreno, splendide da distante, perdono troppa definizione e siccome, per via della memoria, Xbox è una macchina che può permettersi di deliziarci con texture dell'altro mondo, non possiamo non criticare AFDS. Soprattutto se teniamo conto che, un gioco di aerei, non necessita di migliaia di texture, e proprio il fondale è l'elemento che dovrebbe ricevere quindi una maggior cura. Menzione d'obbligo per i replay. Veramente bellissimi e con delle riprese che valorizzeranno tutte le vostre acrobazie più spericolate.

    Prendiamo il volo

    Apprezzata ed archiviata la buona realizzazione tecnica parliamo un pò del gioco vero e proprio. Anche in questo caso ci troviamo di fronte ad una serie di pro e dei contro. Dopo una breve introduzione alla missione, ottenuta mediante un filmato calcolato in tempo reale (su cui dei simpatici effetti video simulano la trasmissione), eccoci in mezzo al cielo ai comandi del nostro caccia. Il sistema di controllo si basa sull'uso del pad analogico con la possibilità di scegliere tra una configurazione Novice (più semplice), una Expert (che usa tutti i tasti Xbox) ed una terza Ace (leggermente diversa da quella Expert). Bisogna riconoscere che, specie con la prima, il velivolo si comporta bene in tutte le occasioni di gioco, ma questo non è esattamente un pregio, anzi : l'aspetto simulativo è troppo lasciato da parte :potrete difatti fare qualsiasi tipo di manovra in qualsiasi situazione di gioco. Sappiamo che AFDS ha un' impostazione decisamente arcade, ma alla volte si sente troppo la mancanza dell'implementazione di una qualche legge fisica più severa che renda l'esperienza quanto meno " credibile ". Durante lo sviluppo del gioco ci deve essere stato un cambiamento di rotta, infatti nelle preview di mezzo mondo si parlava di tre modalità di volo e non di tre modalità di controllo. Speravamo quindi nella possibilità di poter scegliere se giocare in modo totalmente arcade e irreale, oppure con una minima componente simulativa. L'impostazione dell' "energia" è, a nostro avviso, un pò troppo spinta verso l'arcade e poco realistica. Durante una missione c'è capitato di ricevere tre missili nemici e di rimanere ancora in volo beh, tutto ciò, sebbene in linea con l' impostazione generale di questo titolo, rasenta l' incredibile.... Se siete invece tra quelli che non erano interessati alla componente simulativa, bisogna riconoscere che vi troverete tra le mani un sistema di controllo comodo, che in maniera semplice vi permette di gestire inseguimenti con gli avversari o di fare manovre raso-terra per abbattere postazioni nemiche. In questo caso, AFDS da il meglio darà il meglio di se, permettendovi ore ed ore di pazzo Dog Figthing e bombardamenti rasoterra !

    Ma quanto carburante abbiamo ?

    Il gioco presenta un nutrito gruppo di missioni (ca. 40) tutte affrontabili scegliendo un aereo tra una lista ricca di splendidi velivoli. Le missioni sono inoltre viste come "situazioni" all'interno della complessa guerra che fa da
    background al gioco, quindi spesso il giocatore può decidere quale missione affrontare da un'apposita mappa introduttiva, ascoltarne il briefing e poi tuffarsi nel vivo dell'azione. Le singole missioni sono molto varie, ed offrono
    tutto quello vi aspettereste da un gioco simile : scontri tra aerei, raid sulle postazioni di terra, attacchi navali, danneggiamento di postazioni nemiche ecc ecc. Soprattutto quest'ultimo tipo di missioni ci consentirà di volare a bassa
    quota tra numerose strutture poligonali, caratteristica più unica che rara in questo tipo di produzioni. Dispiace insistere su questo tasto ma la marcata natura arcade di AFDS, fa si che il senso della storia vada quasi tutto a farsi
    benedire, e spesso si avrà la sensazione di vedere le missioni come "singole" situazioni separate l'una dall'altra senza alcuna connessione.

    Ehi, ma non sento il motore, è grave ?

    Ma l'aspetto peggiore di AFDS, è l'audio. In un gioco dove passiamo gran parte del tempo alla guida di splendidi caccia, ci si aspetterebbe un convincente rumore dei motori a reazione, ed un'ancor più galvanizzante effetto di missili lanciati e di esplosioni devastanti ! Ed invece... ...no. Niente di tutto questo, il rumore di fondo dei motori è abbastanza anonimo, sullo stesso livello sono gli effetti sonori (scadenti). Lacuna in questo ambito è anche l'assenza di un cross talk convincente. Chi ha giocato Halo capirà benissimo l'importanza nell'ambientazione e nel coinvolgimento della presenza della comunicazione di informazioni dalla e con la base. Quanto avrebbe guadagnato il gioco se, all'avvicinarci ad un obiettivo, la base ci informava con nuovi dettagli, oppure dei colleghi ci affiancavano nella missione avvisandoci che qualcuno si era messo dietro la nosta coda? Eppure Konami ha preferito optare per effetti audio anonimi e delle musichette stile CoinOp anni 80! A questo punto capirete quanto è stato immediato il ricordo di Afterburner!

    Lo prendo o no l'aereo ?

    Se si escludono il comparto audio, e qualche delusione nel comparto video (delusione nata solo dal fatto che il titolo gira su Xbox), bisogna riconoscere che di difetti veri e propri non si può parlare. Molto dipende da cosa vi troverete a cercare in AFDS. Se volevate un arcade che vi mettesse alla guida di famosi caccia supersonici, e vi immergesse in un ricco gruppo di missioni, beh, AFDS sicuramente sarà un valido acquisto. Se cercavate qualcosa che avesse anche un lontano odore di simulazione, come il caso nostro, beh, potreste rimanere molto delusi.

    Che voto dai a: Airforce Delta Storm

    Media Voto Utenti
    Voti: 8
    6.6
    nd

    Altri contenuti per Airforce Delta Storm