Assassin's Creed Odyssey Eredità Oscura: Recensione del secondo DLC

Arriva Eredità Oscura, secondo contenuto dell'espansione L'Eredità della Prima Lama di Assassin's Creed Odyssey.

Assassin's Creed Odyssey: Eredità Oscura
Recensione: Playstation 4 Pro
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • Ripasso generale. Il supporto post lancio di Assassin's Creed Odyssey si comporrà di due archi narrativi indipendenti e focalizzati su tematiche molto diverse fra loro. Mentre Il Destino di Atlantide guarderà al passato, concentrandosi sulla Prima Civilizzazione, L'Eredità della Prima Lama proverà a raccontare, come il nome lascia intendere, quale sia stato il lascito di Kassandra o Alexios, e come mai il loro sangue sia in qualche maniera legato a quello della stirpe degli assassini. Per complicare un po' le cose Ubisoft ha deciso di frammentare entrambi i DLC in tre episodi: se Preda ha dato l'avvio al primo contenuto aggiuntivo, Eredità Oscura lo porta avanti, rappresentando il "giro di boa" per l'inedita avventura. Purtroppo, nonostante il numero di episodi non sia eccessivo e la cadenza di pubblicazione risulti opportunamente serrata, Eredità Oscura si presenta come un capitolo di transizione, frammento poco trascinante e poco incisivo di una storia che solo sul finale svelerà il suo vero valore. Eccezion fatta per un importante colpo di scena conclusivo, questo episodio ci è parso insomma un po' rinunciatario, proponendo missioni dalla struttura molto regolare e senza grandi guizzi d'inventiva.

    L'Eredità Oscura

    Eredità Oscura prende il via in Acaia, una regione nella parte nordoccidentale del Peloponneso, sufficientemente distante dalle distese macedoni in cui avevamo affrontato gli eventi di Preda. Il protagonista dell'avventura incontra nuovamente Dario, che assieme al figlio (o figlia) è braccato dall'Ordine degli Antichi.

    L'assassino persiano, sospettoso e guardingo come sempre, sembra aver trovato un modo per fuggire, ma una spietata frangia dell'Ordine lo tiene in scacco, sorvegliando i lembi di mare che gli permetterebbero di allontanarsi e vessando un piccolo villaggio di sfollati alla ricerca di informazioni sulla posizione del ricercato. L'obiettivo di Alexios o Kassandra sarà quello di identificare i membri dell'Ordine e ucciderli, liberando la via ai nuovi amici. Il racconto appare subito molto trattenuto e non troppo interessante. Se l'incipit di Preda ci aveva incuriosito grazie alla presentazione dei nuovi personaggi, qui l'avanzamento risulta piuttosto meccanico, ed il coinvolgimento del nostro misthios rimane abbastanza superficiale. A livello ludico il DLC non si allontana affatto dal sentiero già tracciato dal gioco originale. Si comincia con una missione d'infiltrazione, si prosegue con qualche combattimento all'arma bianca, e si giunge ad una sezione integralmente incentrata sulle battaglie navali. Il vertice di questa piccola branca dell'Ordine, del resto, è il capitano di un vascello inaffondabile che sorveglia le coste dell'Acaia, in procinto di sviluppare un'arma micidiale indispensabile per il combattimento in mare. Rispetto al primo episodio, qui sono proprio lo stealth e le scaramucce marittime a costituire la parte più consistente della mini-avventura. A mitigare il trasporto del giocatore non c'è solo il fatto che ogni incarico appare già visto, scontato e poco originale, ma anche una serie di ricompense che difficilmente ingolosirà gli utenti che hanno finemente scolpito la loro build.

    Per fortuna anche Eredità Oscura si salva grazie a qualche incarico opzionale, che permette di scoprire l'identità di alcuni bersagli secondari e conseguentemente di decimare le fila dell'Ordine. L'alone di mistero che aleggia attorno a questi loschi figuri, nonché il senso di soddisfazione nello scoprire (e smontare) la scala gerarchica della sfuggente organizzazione, sono stimolanti a sufficienza per sostenere questa seconda parte dell'arco narrativo.

    Non solo: con un po' di pazienza ed un buon colpo d'occhio si potranno decifrare i progetti per installare sull'Adrestia il Soffio della Chimera, un'arma in grado di sputare lingue di fuoco e capace di rendere molto più efficaci gli speronamenti. Ad onore del vero anche andando più di fretta, e dedicandosi solo alle missioni principali del DLC, l'arma si ottiene comunque, anche se non potrà essere utilizzata durante alcuni scontri navali. Il suggerimento, indipendentemente da questo dettaglio, è di procedere con calma ed esaurire gli incarichi secondari, prolungando così di qualche ora la durata dell'add-on (servono tre ore per la main quest, un paio in più per completare tutto).

    Proprio le ultime battute del DLC saranno in ogni caso la parte migliore. Dopo una boss fight molto intensa, che avrà un finale tragico e toccante, assisteremo ad una conclusione che non esitiamo a definire inaspettata. Un evento importantissimo nella vita del protagonista, che potrebbe avere un impatto decisamente forte sulla lore e sulla continuity della saga. Peccato solo che il team di sviluppo lo abbia fatto precedere da una scelta morale evidentemente "fasulla": qualsiasi sia la decisione del giocatore, questa non avrà nessun impatto sull'evolversi del racconto, che invece procederà come abbondantemente previsto da Ubisoft.

    Vista la discreta libertà interpretativa per cui Odyssey si è distinto, forse sarebbe stato meglio non ricorrere a questo stratagemma. Proprio alla fine del racconto, fra le altre cose, un nemico infido e insidioso svelerà la sua identità: assieme alla rivelazione precedente, questi due elementi costituiscono una miscela potenzialmente esplosiva per la narrazione del terzo (e ultimo) episodio. A differenza di questo Eredità Oscura, generalmente neutro e senza troppe pretese, Stirpe potrebbe rappresentare una chiusa roboante per il DLC.

    Assassin's Creed Odyssey Assassin's Creed OdysseyVersione Analizzata Playstation 4 ProDopo una partenza moderatamente accattivante, L'Eredità della Prima Lama prosegue a passo d'uomo, senza impennate di ritmo e ispirazione. Eredità Oscura, il secondo dei tre episodi che compongono il nuovo arco narrativo, ripropone le situazioni-tipo del gioco base, denunciando un po' di pigrizia creativa difficile da digerire. Il DLC si salva grazie alle quest opzionali, che riescono in qualche modo a tratteggiare una progressione tutto sommato stimolante, soprattutto per i completisti. Il consiglio spassionato, mentre tornate a visitare le regioni dell'Acaia, è quello di prendervi tutto il tempo che serve e di non correre: il rischio, altrimenti, è quello di rovinare irrimediabilmente l'esperienza. Giocato con i giusti tempi, Eredità Oscura non è un brutto contenuto, nonostante sia troppo neutro e rinunciatario per essere considerato memorabile. Molto intrigante, invece, il colpo di scena finale, che apre la strada ad una chiusura potenzialmente dirompente. Vedremo fra un mesetto come andrà a finire.

    7

    Che voto dai a: Assassin's Creed Odyssey

    Media Voto Utenti
    Voti: 100
    7.9
    nd