Recensione Bad Boys 2

Leggi la nostra recensione e le opinioni della redazione sul videogioco Bad Boys 2 - 1542

Articolo a cura di
Disponibile per
  • PS2
  • Xbox
  • NGC
  • Descrizione

    L'ultima licenza cinematografica convertita in gioco è quella di Bad Boys 2, film d'azione con protagonisti i due agenti della squadra anti-droga Markus e Mike , rispettivamente Martin Lowrence e Will Smith.
    Dopo il successo cinematografico ecco, che , anche per gli appassionati di video-game si riaprono le avventure dei due "superpiedipiatti". Macchine mozzafiato, sparatorie infuocate, inseguimenti rocamboleschi, sono tutti gli ingredienti che troverete in Bad Boys II uno shooter in terza persona.
    In questo gioco dovrete impersonare i panni di Mike Lowery e Marcuss Burnett, i due agenti della squadra narcotici. Le avventure dei due agenti si svolgono nella Miami dei giorni nostri, dove dovrete sventare i piani dei soliti cattivi. Il video-game potrà essere giocato sia in terza persona, per la ricerca degli oggetti, sia in prima persona durante le fasi concitate come sparatorie o inseguimenti.

    Il gioco

    Il gioco calca per intero le orme del film, Markus e Mike ,due agenti della squadra anti-droga di Miami, devono indagare su degli strani contrabbandi di droga che stanno sconvolgendo il paese e che sembrano avere a che fare con dei misteriosi malavitosi russi. I due superpiedipiatti cercando di salvare un loro amico, si imbattono in una gang di spacciatori e ne seguono le tracce. La storia è molto avvincente e man mano che si approfondisce appaiono nuove situazioni che andranno ad evolvere l'avventura dei nostri beniamini. Il titolo sviluppato dalla Blitz Games, cerca di riproporre fedelmente le gesta e soprattutto l'atmosfera che hanno spinto ai botteghini la pellicola. La struttura classica degli sparatutto in terza persona viene qui adottata per dare l'idea della frenesia che accompagna le folli gesta della squadra di Miami. I programmatori, della software house britannica Blitz, hanno cercato di riprodurre lo spirito della pellicola cinematografica all'interno del gioco così da ricreare l'ambiente per uno splendido shooter in terza persona. Quindi troveremo le stesse voci degli attori nel gioco per quanto riguarda i dialoghi , le battute che hanno caratterizzato il film e le scene più forti.


    Il gioco e diviso in quindici fasi, dove potrete alternare inseguimenti mozzafiato a scontri a fuoco con i cattivi di passaggio. I due personaggi sono ben ricreati, sia nei movimenti che nei dialoghi. Le uniche differenze che si possono riscontrare dal film e che nel gioco i danni causati dai due agenti sono ricompensati(quindi, logicamente, si è incitati a creare più devastazione possibile ), bonus speciali hanno le azioni in cui si disarma il cattivo catturandolo vivo. L'Empire Interactive ha cercato di fare le cose in grande e sia Smith, Lawrence e persino Joe Pantoliano sono stati per ore nelle cabine di registrazione per dare una verve particolare ai dialoghi che non si discostasse troppo dall'autenticità del film. Questo, però, ha creato delle incongruenze dal film perché nel gioco per battere il capo dei cattivi Pantoliano non potrete utilizzare Martin Lawrence, ma dovrete affidarvi gioco forza a Smith. Le altre pecche che si possono ritrovare riguardano proprio i dialoghi, in fase di progettazione l'Interactive aveva rilevato che molto spesso nei dialoghi la voce di Marcus si sovrapponeva a quella di Mike. In alcune situazioni, soprattutto nelle scene stealth , si possono sentire questi difetti: un altro problema riscontrato nel gioco e il mirino della pistola molto impreciso e ostico da usare. Il gioco è uno shooter puro al 50%, vi consiglio, pertanto, di settare bene il vostro game-pad o vi dannerete alla ricerca del nemico sprecando munizioni preziose. Una volta scesi nei panni di uno dei due agenti (la scelta del personaggio interpretato è automatica a seconda del livello), ci si trova di fronte un titolo che pur puntando sulla frenesia , permette anche di procedere lentamente. L'atmosfera ricreata nel gioco dalla Blitz è molto ricercata, spesso vi troverete in ambienti bui o nei viottoli di Miami a inseguire qualche pericoloso malvivente: costruzioni abbandonate, crepe, anfratti per nascondervi saranno all'ordine del giorno. Tutte queste locazioni non sono state messe lì dai programmatori per essere solo osservate, ma vi serviranno per nascondervi durante gli scontri a fuoco. Gli effetti delle detonazioni sono molto puliti, a volte rimarrete stupiti dall'intensità di quest'ultimi, macchine crivellate da colpi, pareti che vi sembreranno gruviera-svizzera, muri abbattuti a colpi di fucili d'assalto, macchine fracassate ad alta velocità: tutto questo è Bad boys II. Di contro, risulta molto difficile essere uccisi nel gioco (avete capito Bene!): molto spesso nelle scene di fuoco incrociato con miriade di pallottole vi sembrerà che queste vi evitino.
    Inoltre le munizioni delle vostre pistole sembreranno illimitate, certamente questo rende il gioco più facile ma poco consono alla realtà simulativa.
    Un vero peccato, visto che rimangono comunque mirabili gli sforzi dei programmatori di dare al proprio gioco due diverse chiavi di lettura (Frenetica o Pensata).

    Conclusione..

    I cattivi ragazzi avranno fatto ancora centro? La Bliz aveva l'intenzione di sfornare un gioco che rispecchiasse la frenesia del film, ammaliandoci con scene cinematografiche molto belle, effetti speciali particolari, però alla fin fine il titolo un po' per il costante richiamo al film un po' per la mancanza di coesione tra le diverse scene nel gioco risulta noioso. Le voci che si sovrappongono nei dialoghi, i diversi problemi tecnici riguardo alle inquadrature di fuoco, la troppa facilità in cui si possono superare i diversi livelli di gioco, la mancanza di humour che tanto caratterizzava il primo episodio, hanno portato il titolo a non superare la mediocrità. La scelta stilistica di rendere la grafica simile a quella del best seller GTA Vice City non ha portato i risultati sperati anche perché, mentre nei titoli, sopra citati, veniva visualizzata una gigantesca città con tanto di interni recanti un buon dettaglio generale, nel gioco dei Blitz Games vengono renderizzati solo ambienti chiusi che denotano quasi sempre una generale povertà di dettaglio.
    La musica che ci accompagnerà per tutto il gioco è stata ben scelta, brani Hip Pop e Rn'b che combaciano perfettamente con le situazioni che il film propone. Per essere cattivi ragazzi bisogna avere come sottofondo il giusto accompagnamento musicale ed almeno in questo il gioco sembra averne carpito in pieno la filosofia. Alla lunga lista di difetti già citata prima, si aggiunge purtroppo il più grande difetto che un gioco possa avere, cioè quello di essere un titolo poco appassionante.



    La generale piattezza di buona parte delle situazioni rende il titolo terribilmente lineare , riducendo il tutto alla statica sequenza : avanza-spara-avanza-uccidi il boss di fine livello. Tirando le somme, la prestazione offerta dal gioco è l'ennesima dimostrazione di come siano altamente deludenti la maggior parte dei tentativi di trasformare un bel film in un buon videogioco.
    La poca cura riposta in quasi tutti gli aspetti più importanti è palese e sicuramente immeritevole di una qualsiasi attenzione. Dimostrazione che, l'acquisto della licenza del film è stata solo una scusa per i Blitz Games di creare un gioco povero sia tecnicamente che strutturalmente. La completa assenza di sottotitoli in italiano , pone la ciliegina sulla torta ad un titolo che è meglio lasciare sullo scaffale.

    Che voto dai a: Bad Boys: Miami TakeDown

    Media Voto Utenti
    Voti: 13
    6.5
    nd

    Altri contenuti per Bad Boys: Miami TakeDown