Adesso online
Giochiamo in diretta con la modalità Battle Royale!

Recensione Battle Fantasia Revised Edition

A distanza di sei anni dalla pubblicazione della versione originale, Arc System Works porta questo picchiaduro su PC con un porting realizzato in maniera apparentemente troppo frettolosa.

Versione analizzata: PC
recensione Battle Fantasia Revised Edition
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc
Enrico Spadavecchia Enrico Spadavecchia è un avido collezionista ed esagitato videogiocatore dai tempi del Commodore 64 e delle sue righe colorate. Ex giocatore accanito di Counter Strike, in giovane età ha compiuto la stupidissima impresa di completare Quake II a livello hard senza scendere mai sotto i 100 punti ferita. Ostinato retrogamer e sostenitore delle produzioni indipendenti, non disdegna le offerte del mercato attuale, soprattutto FPS e avventure grafiche. Lo trovate su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Correva l'anno 2009, le console vivevano il culmine produttivo della passata generazione, e gli appassionati di picchiaduro erano divisi fra i serissimi tecnicismi di Virtua Fighter e il fervore scatenato dal tanto osannato ritorno di Street Fighter. Dopo un rodaggio durato un paio d'anni sulle piattaforme arcade nipponiche, gli sviluppatori di Arc System Works (Guilty Gear, BlazBlue) decisero di dare in pasto, ad un'utenza probabilmente già sazia, il singolare Battle Fantasia, realizzando un porting per console casalinghe, che per i più fu accolto con un sordo "ce n'era davvero bisogno?". A distanza di circa 6 anni gli intraprendenti sviluppatori nipponici ripropongono il titolo per il mercato PC, in una versione rivisitata, guardandosi bene dall'includere "HD remastered" nel titolo. La domanda resta la stessa di oltre un lustro fa.

L'oscurità, il vero male del millennio

6 anni non sono sufficienti per dimenticare una fra le più blande trame fantasy che la storia ricordi: la solita amorfa e non meglio identificata oscurità rischia di riprendere il sopravvento su una terra paradisiaca, popolata da gente vestita in modo agghiacciante; solo l'intervento di un gruppo di eroi uniti dal destino (?) può risollevare le sorti dell'umanità. Al di là di una story mode poco stimolante e a tratti noiosa, nonostante i frequenti siparietti comici, l'apporto di Battle Fantasia al mondo dei picchiaduro 2D, genere ormai di nicchia, appare ancora una volta davvero minimo. A fronte di un roster abbastanza vario e fantasioso, ci si ritrova a fare i conti con un set di mosse piuttosto esiguo e un sistema di combattimento sicuramente intuitivo ma estremamente semplificato, distrutto da fastidiose pause che inibiscono gran parte degli attacchi concatenati e destinato a trasformarsi in un'ingloriosa sagra del button-mashing. Certo, l'utile sistema di counter "gachi", grazie al quale è possibile evadere dalle prodezze dello spammer di turno è ancora lì, la varietà degli scontri è ancora sostenuta dal roster estremamente eterogeneo, e qualche modifica all'IA nemica è riuscita a migliorare sensibilmente l'esperienza di gioco in singolo; tuttavia l'esiguo numero di fan in rete rende estenuante la ricerca di uno sfidante online, e il pessimo netcode convincerà ben presto ad abbandonare la suddetta ricerca per concentrarsi sul solo multiplayer locale.

Revised

Alle premesse non proprio esaltanti si aggiunge, purtroppo, un lavoro di porting tutt'altro che certosino. Il team DotEmu, accollatosi l'incarico di rendere disponibile ad un target alquanto dubbio il lavoro di Arc System, si lascia sfuggire più di una leggerezza: si va dall'impossibilità di cambiare i parametri del sistema di controllo se non dal launcher esterno al gioco a gravissime mancanze in campo di ottimizzazione grafica. Un framerate incredibilmente basso non aiuta di certo l'azione frenetica dei combattimenti, e la vistosa scalettatura dei modelli poligonali risulta impresentabile ad un pubblico esigente quale quello dei PC gamers; anche il suggestivo artwork, forse unico vero punto di forza del titolo originale, cade vittima di un upscaling indecente. Ed è subito spiegata l'assenza di qualsiasi riferimento all'alta definizione nel titolo del porting. Nonostante le vistose pecche, Battle Fantasia resta un titolo dai tratti piuttosto peculiari, un picchiaduro di stampo classico travestito da JRPG -con tanto di conteggio numerico dei danni ad ogni colpo inflitto- che potrebbe incontrare i gusti di un pubblico ristretto di instancabili sostenitori di tutto ciò che è esasperatamente nipponico.

Battle Fantasia Revised Edition A 6 anni di distanza da un’apparizione non proprio sfolgorante sulle console della passata generazione, Battle Fantasia approda su PC in un porting non proprio ben curato, che trascura molte, troppe, questioni cruciali per il mercato a cui è destinato, ottimizzazione grafica su tutte. I fan dei prodotti di Arc System Works, e in generale dei picchiaduro 2D vecchio stile, non potranno fare a meno di domandarsi per quale arcano motivo gli sviluppatori non abbiano concentrato gli sforzi su un ben più sensato porting dell’ultimo Guilty Gear, che godrebbe indubbiamente di un’accoglienza più calorosa.

5

Che voto dai a: Battle Fantasia Revised Edition

Media Voto Utenti
Voti: 1
5
nd