Dissidia Final Fantasy Opera Omnia: Recensione del gioco mobile di Square-Enix

In contemporanea con il lancio di Dissidia Final Fantasy NT, Dissidia Final Fantasy Opera Omnia approda in Occidente su smartphone e tablet.

recensione Dissidia Final Fantasy Opera Omnia: Recensione del gioco mobile di Square-Enix
Articolo a cura di
Disponibile per
  • iPhone
  • iPad
  • Mobile Gaming
  • Il campo dei giochi mobile ormai è troppo vasto e fruttuoso per essere ignorato, e Square Enix lo sa bene: la sua produzione in questo senso continua ad aumentare ogni anno, e oltre ai giochi nati specificatamente per smartphone e tablet, la compagnia si sta anche impegnando nel pubblicare applicazioni che "accompagnano" il lancio dei suoi titoli più venduti. Dopo i giochi mobile che hanno fatto da contorno a Final Fantasy XV, quindi, è ora il momento di dare spazio a Dissidia Opera Omnia, arrivato negli store in occasione del lancio di Dissidia Final Fantasy NT. Scopriamo di cosa si tratta.

    Che cos'è Opera Omnia

    La prima cosa da mettere in chiaro è che, pur condividendone il nome, Opera Omnia ha ben poco a che vedere con il brawler di Final Fantasy uscito su PS4, almeno in quanto a gameplay e sistema di combattimento: non si tratta di una versione ridotta e semplificata di Dissidia NT, ma bensì di un'applicazione che, seguendo la corrente dei più conosciuti giochi di ruolo mobile, ha adattato vari elementi della saga al suddetto formato.
    Dissidia Opera Omnia, infatti, non ci farà vivere combattimenti dinamici ed entusiasmanti, non ci permetterà di sviluppare una strategia particolare con il nostro team per lanciarci in battaglie all'ultima combo. Il gioco presenta un sistema di combattimento a turni, nel quale potremo selezionare il bersaglio da colpire tra quelli presenti e scegliere la mossa da effettuare, per ciascuno dei nostri personaggi.

    Il sistema di attacchi Bravery e HP è stato enormemente semplificato, ed utilizzato per conferire una certa varietà al più classico sistema di attacco, così come magie e abilità sono state ridimensionate per la formula del prodotto. Opera Omnia, però, conserva oltre ai personaggi, anche nemici, equipaggiamenti, armi, armature e figure ricorrenti nella saga di Final Fantasy.

    I meccanismi del gioco

    Iniziando a giocare ci verrà brevemente introdotta la storia della produzione. Dopo aver combattuto a lungo tra loro, ed aver finalmente trovato riposo, i valorosi guerrieri della saga vengono richiamati dal Cristallo: c'è bisogno del loro intervento per rimediare a delle "torsioni" spaziotemporali che rischierebbero di distruggere l'intero universo. Il giocatore inizia così la propria avventura con un party prestabilito di tre elementi. Successivamente, proseguendo nei capitoli, sconfiggendo nemici e assistendo a dei dialoghi, potrà sbloccare nuovi personaggi. In totale, al momento, gli eroi disponibili sono venticinque, tratti dai capitoli principali del gioco.

    Ognuno di essi, nella sua versione cartoonesca e tipicamente deformed, conserva il proprio carattere insieme a tendenze e abilità (ad esempio, Vivi di FFIX utilizza abilità magiche, Sazh di FFXIII attacca con armi da fuoco, e via dicendo).
    Ottenendo più personaggi potremo modificare il nostro party o registrare combinazioni vincenti pensate per le debolezze specifiche dei mostri che incontreremo, da poter "equipaggiare" prima di ciascuna missione. Inoltre, completando le quest, riceveremo Gil e oggetti di equipaggiamento, mentre portando a termine determinati incarichi verremo ricompensati con le Gemme, la valuta che può essere acquistata con le immancabili microtransazioni. Con le Gemme si possono scartare pacchetti contenenti armi rare per il nostro party.

    Il meccanismo di crescita dei personaggi di Opera Omnia è, purtroppo, tra i più comuni sul panorama: chi ha provato giochi mobile dello stesso genere non potrà fare a meno di notare quanti punti in comune esso abbia con altri titoli. Ciascun personaggio guadagna punti esperienza dalle battaglie, che gli consentono di aumentare di livello, migliorare le proprie statistiche e sbloccare abilità. L'attacco e la difesa vengono influenzati positivamente dalle armi e armature indossate, che possono essere a loro volta potenziate sacrificando altri pezzi di equip o appositi oggetti. Le sfide, da selezionare sulla mappa, diverranno via via più impegnative, ma ciò purtroppo non serve a salvare l'applicazione dalla monotonia che è sempre dietro l'angolo, e che può facilmente stancare un giocatore dopo poche ore.

    Dissidia Final Fantasy Opera Omnia Dissidia Final Fantasy Opera OmniaVersione Analizzata Android GamesDissidia Final Fantasy Opera Omnia è un gioco che funziona bene nel panorama delle applicazioni mobile, ma non si pone alcuno scopo a parte quello di intrattenere l'utente medio per qualche ora. La sua linearità, la somiglianza con titoli esistenti e la poca voglia di osare lasciano in bocca un retrogusto amaro, di già visto. Manca qualcosa di veramente innovativo, di interessante, che possa mantenere accesa la voglia di giocare dell'utente, al di là della volontà di sbloccare i propri eroi preferiti. Il titolo non spicca tra le innumerevoli app presenti negli store, ed il tocco di unicità tipico di Final Fantasy viene quasi subito a mancare. D'altro canto, se siete alla ricerca di un gioco per smartphone non troppo impegnativo e senza eccessive pretese che coinvolga i personaggi più amati della saga, avrete trovato l'app che fa per voi.

    7

    Che voto dai a: Dissidia Final Fantasy Opera Omnia

    Media Voto Utenti
    Voti: 9
    6.8
    nd