Dragon Castle: la recensione del gioco da tavolo di Horrible Games

Horrible Games presenta Dragon Castle, board game per tutta la famiglia che si ispira al Mahjong ed al mondo dei videogiochi.

recensione Dragon Castle: la recensione del gioco da tavolo di Horrible Games
Articolo a cura di

La prima domanda che vi verrà fatta intavolando questo gioco sarà: "Ma è come il mahjong?" La risposta dovrebbe essere: "No, si ispira ad un videogioco: l'unica cosa che lo accomuna al famoso passatempo cinese è la forma delle tessere". Risolto questo annoso quesito che vi tormenterà tutte le volte che presenterete il gioco, passiamo a parlare di Dragon Castle nel dettaglio. Si tratta di uno dei finalisti del concorso Gioco dell'Anno 2018, insieme ad Azul, Kanagawa, When I Dream e Flamme Rouge (il vincitore). Come già detto, di primo acchito si tende ad accostarlo al mahjong, ma si tratta di una somiglianza solo apparente: il gioco infatti si sviluppa a modo suo.

Ma che bel castello...

La prima cosa da fare, iniziata la partita, è realizzare la costruzione che capeggerà al centro del tavolo. Questa è già di suo un'esperienza (soprattutto per i più piccoli), infatti dovrete seguire le istruzioni (o inventarvi voi qualcosa) ed impilare tutte le centosedici tessere per costruire la struttura di tre piani che fungerà da riserva di pescaggio per tutti i giocatori.Info VarieDurata: 30'- 45'
Numero di giocatori: 2-4
Numero ideale di giocatori: 3-4
Tipologia: competitivo
Complessità: bassa
Publisher: Ghenos
Lingua: italiano
Età: 8+
Prezzo suggerito: 40 euro su Amazon.it

Realizzato il Castello del Drago, a turno i giocatori potranno scegliere tra tre azioni possibili. La prima, quella più usata, consiste nel prendere una tessera dal piano più alto ed un'altra uguale da qualsiasi altro punto. Altrimenti si può prenderne solo una e pescare anche un Sacrario. L'ultima possibilità invece prevede di scartare una tessera e fare un punto vittoria. Una regola importantissima: si deve sempre iniziare dal piano più alto a pescare e si possono prendere solo tessere con un lato lungo libero.

Bene, adesso cosa farne di questi mattoncini? Semplice: li dovete piazzare adiacenti sulla vostra plancia personale per creare aree il più possibile grandi, dello stesso colore, per fare punti e quindi vincere la partita. Quando quattro o più tessere sono adiacenti si può Consolidare: si ruotano tutte sul lato libero (quello senza illustrazioni) e si mette un sacrario a suggellare l'avvenuta fase. Chiaramente sta a voi realizzare le strutture più remunerative possibili, anche di altezze variabili: infatti le mattonelle "girate" possono essere basamenti per Consolidamenti successivi. Conviene farlo: a fine partita, vengono dati punti aggiuntivi per l'altezza dei sacrari.

Per aggiungere pepe a tutta la partita bisogna tenere conto che ogni giocatore disporrà di abilità speciali date dalle Carte Spirito pescate casualmente ad inizio partita. Queste conferiscono diversi bonus che possono essere attivati scartando sacrari o tessere dalla propria plancia. Gli effetti sono i più disparati: si va dalla possibilità di pescare tessere "non regolamentari" dal Castello al poter fare Consolidamenti aggiuntivi. Si tratta di un ottimo modo per aggiungere varietà ad un gioco che già di per sé viene combattuto fino alla fine.

Ma quando, appunto, arriva la fine? In due modi: o finendo tutte le tessere del Castello del Drago o quando vengono pescati i gettoni Conto alla Rovescia. Quest'ultima azione si attiva solo quando il primo piano diventa completamente accessibile: da quel momento, oltre alle azioni classiche, è possibile pescare dei gettoni che danno due punti vittoria ciascuno. Quando verrà rivelato quello con il punto esclamativo, si attiverà l'ultimo turno di gioco.

Raggiunta la fine della giocata si contano i punti fatti Consolidando, a cui sommare i punti dei sacrari e le eventuali carte Drago completate (obiettivi che se compiuti danno punti aggiuntivi); chi avrà fatto più punti totali sarà il vincitore. Non vi rimane che scegliere una nuova costruzione e ricominciare a giocare, perché vi posso assicurare che sarà così: una partita tira l'altra!

Numero di giocatori e durata complessiva

Il gioco dà il meglio di sé con quattro giocatori, ma si difende bene anche in tre. L'uno contro uno non è male ma perde un po' di varietà. Le partite difficilmente vi terranno impegnati per più di una mezz'oretta l'una, ma una volta iniziate andrete avanti a ripetizione!

Pro e Contro

Il più grande pregio di questo gioco è di essere fruibile sia in famiglia, sia dai giocatori casual, sia da quelli più esperti. Le meccaniche sono semplici, ma permettono una buona profondità di sviluppo nelle partite, poiché non serve solo tenere d'occhio la costruzione del proprio castello, ma anche quello degli avversari.

Infatti capiterà spesso di fare una mossa solo per rallentare un altro giocatore, il quale, chiaramente, non vedrà l'ora di ricambiare della vostra gentilezza! Come scritto sopra questo è anche un gioco perfetto per famiglie, infatti ha una grande componente manuale (la realizzazione delle strutture) e di pianificazione semplice, ottimi aspetti anche per i più piccoli. Consiglio comunque di iniziare le prime partite con loro senza le carte Spirito, muovendovi per gradi, in modo da non mettere subito troppa carne al fuoco.
Le tessere del gioco sono promosse sotto ogni aspetto: essendo in bachelite, sono dotate di un'ottima resistenza senza essere troppo pesanti; il materiale è di una consistenza veramente unica e molto gradevole da maneggiare.

Il materiale delle plance lascia invece un po' perplessi: il cartoncino è un po' troppo sottile e tende a rovinarsi facilmente. Ottimi i disegni, veramente evocativi. Vi faccio anche notare un piccolo Easter Egg: le varie plance dei giocatori, se accostate, formano un'unica immagine! Il manuale delle regole è ben scritto e ricco di esempi, assolutamente ineccepibile.

Giochi da Tavolo e Board Game Giochi da Tavolo e Board GameVersione Analizzata MultiRaramente mi è capitato un gioco in grado di mettere d'accordo le varie anime dei giocatori da tavolo come Dragon Castle. Giocatori esperti, casuali e anche famiglie si sono trovati rapiti dalla semplicità e al tempo stesso profondità di questo gioco. Le partite volano via in un lampo, e appena terminata una sarete già pronti per la rivincita. Se cercate un gioco adatto a tutti, anche ai bambini, la vostra ricerca è finita: il Castello del Drago vi aspetta!

8