Endling Extinction is Forever recensione: l'ultima volpe sulla Terra

Endling Extinction is Forever è un'avventura intensa a sfondo ambientalista: scopriamo la storia dell'ultima volpe rimasta sul pianeta Terra.

Endling Extinction is Forever recensione: l'ultima volpe sulla Terra
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Switch
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • La nostra precedente prova della Demo di Endling Extinction is Forever ci aveva avvertiti, delineando il profilo di un'avventura intensa ed emotiva, destinata a non fare sconti a nessuno. Ambientato in un futuro distopico e al contempo drammaticamente realistico, l'indie firmato da Herobeat Studios ci cala nei panni dell'ultima volpe rimasta in vita sul pianeta Terra. Immedesimandoci nella creatura e nella sua condizione, dovremo cercare di tenere al sicuro i nostri cuccioli, così da permettere loro di sopravvivere. Dopo aver portato a termine l'intero viaggio su Nintendo Switch, siamo pronti a raccontarvi la nostra esperienza con quella che è stata un'esperienza survival breve ma coinvolgente e dal forte impatto narrativo.

    Un pianeta al collasso

    A causa del massiccio inquinamento causato dall'avidità umana, il Pianeta Azzurro guarda negli occhi una rovina apparentemente inarrestabile. L'ecosistema della Terra è talmente compromesso che persino un animale come la volpe, molto diffuso nel mondo e in grado di adattarsi facilmente, sembra condannato all'estinzione. Sull'intero globo terracqueo ne è rimasto infatti un solo esemplare, la cui sopravvivenza è costantemente messa alla prova dalle condizioni dell'ambiente e dalla noncuranza che gli esseri umani hanno dimostrato per decenni nei confronti dei segnali di tracollo degli ecosistemi.

    Del resto, l'inizio della storia della volpe potrebbe tranquillamente apparire in un servizio di cronaca dei nostri giorni. Ammantata dalle fiamme dell'ennesimo incendio, una foresta rigogliosa si riduce in cenere, mentre fiumane di animali selvatici cercano salvezza per mezzo di una corsa sfrenata. Tra le creature in fuga, l'eroina di Endling - Extinction Is Forever ha un peso particolare da portare con sé. La volpe è infatti incinta di quattro cuccioli, che darà alla luce una volta sfuggita alla fiamme, stremata.

    Abbandonando il bosco, l'animale si è però avvicinato a un insediamento umano, dove alcuni gruppi di persone cercano a loro volta di sopravvivere all'inquinamento che hanno contribuito a generare. Ed è proprio dalla nostra specie che arriva il pericolo più grande per la famigliola di volpi. Una notte, infatti, uno dei nostri quattro cuccioli ci viene improvvisamente sottratto da un uomo che indossa - come molti suoi simili - una maschera antigas. Non è chiaro cosa voglia fare del piccolo e l'immagine di uno sciagurato commercio di animali in via di estinzione è solo una delle possibili ipotesi.

    Ciò che importa, è che la nostra mamma volpe non è in alcun modo pronta a rassegnarsi: determinata a riunire la sua famiglia, la creatura darà il via a un inseguimento che si protrarrà per settimane. Una tenacia agrodolce, che ci racconta la battaglia per la sopravvivenza di una specie che in ogni caso sarà condannata all'estinzione. In quanto ultimo esemplare sulla Terra - un "endling", appunto - la protagonista non potrà infatti in nessun caso riuscire nell'impresa di ripopolare di volpi il nostro pianeta. Nonostante ciò, l'istinto la condurrà a combattere, notte dopo notte, per la salvezza della sua prole.

    Lotta per la sopravvivenza

    L'ossatura del gameplay di Endling: Extinction Is Forever è piuttosto semplice, ma assolutamente efficace se pensiamo al messaggio che vuole trasmettere. Ogni giorno, al calar del sole, la famiglia di animali si mette in azione per dare inizio a una battuta di caccia, con l'obiettivo di raccogliere risorse a sufficienza per sfamare tutti i suoi membri. Con il favore delle tenebre, il mondo in 2.5D ci offre l'occasione di osservare angoli di bosco, impianti di allevamento intensivo e in generale si basa su di una mappa irta di insidie ma anche piena di incontri toccanti.

    Nei panni di mamma volpe, la nostra priorità è accumulare abbastanza cibo per poter sfamare noi e i nostri tre cuccioli rimasti, il tutto mentre cerchiamo di indagare sulle sorti del nostro quarto piccolo. L'elemento survival di Endling è essenziale, non troppo articolato.

    La fame del branco, di conseguenza, è l'unico parametro che dovremo tenere d'occhio nel corso del nostro peregrinare, senza ulteriori preoccupazioni legate ad esempio alla sete o alla temperatura dell'ambiente naturale. Per garantirci l'energia necessaria alla sopravvivenza, vi sono diversi modi. Possiamo raccogliere bacche o altri frutti, dedicarci alla caccia di pesci, topi o altri piccoli animali, come conigli o galline, ma anche depredare i nidi delle rispettive uova o rovistare tra i cumuli di rifiuti abbandonati dall'uomo nell'ambiente naturale. Questi ultimi sono però un'opzione insidiosa: oltre a sfamare ben poco la nostra famiglia, i residui che si annidano tra i sacchi di immondizia possono infatti indebolire mamma volpe e magari farla restare imprigionata in confezioni di plastica rigida. Un rischio da non sottovalutare, dato che una volpe ferita non sarà in grado di proteggere adeguatamente i proprio cuccioli dagli assalti esterni. Un rapace o un essere umano crudele potrebbero così riuscire ad averla vinta su di noi, sottraendoci un altro dei piccoli o addirittura uccidendoci con l'utilizzo di un'ascia o di un'arma da fuoco (in questo caso la partita ripartirebbe dall'ultimo checkpoint).

    Diverso invece il destino dei piccoli, che al contrario della madre possono andare incontro a una morte permanente. La carenza di cibo o l'assalto di un predatore possono risultare letali, con la partita che si interromperà solamente nel caso in cui si perda l'intera cucciolata. Questa feature rappresenta di fatto l'elemento cardine di Endling, che costruisce tutta l'efficacia emotiva proprio sull'affetto che il giocatore finisce inevitabilmente per provare nei confronti dei pelosetti che è chiamato a proteggere.

    La lunga notte dell'anima

    L'unico modo per riparare alla morte di un cucciolo è accettare di rivivere l'intera nottata, poiché il gioco procede con il salvataggio automatico della partita a ogni rientro alla tana. Si tratta di una soluzione piuttosto costosa, soprattutto nelle fasi più avanzate dell'avventura, quando la sfida si farà via via più complessa. Il mondo di Endling muta infatti in maniera dinamica, impedendo al giocatore di fossilizzarsi sulle prime strategie di sopravvivenza adottate.

    L'avanzare dell'inquinamento nei fiumi renderà ad esempio impossibile continuare a catturare nutrienti pesci, mentre la routine degli esseri umani che ci danno la caccia muterà periodicamente, costringendoci a pensare con attenzione prima di imboccare un dato sentiero. Stratagemmi efficaci, che portano il giocatore a esplorare in maniera spontanea e naturale ogni area della mappa. Quest'ultima non è eccessivamente vasta ma vanta proporzioni adeguate a quella che è la durata dell'avventura, che si attesta tra le 4 e le 5 ore di gioco. Tra aree boscose e inquietanti impianti di produzione, il mondo plasmato da Herobeat Studios si è rivelato ben diversificato, con punti di interesse, scorciatoie e nuovi rifugi, che si sbloccano con l'avanzare della storia.

    Da segnalare inoltre come la mappa di Endling celi una serie di segreti ed eventi estranei alla quest principale ma in grado di rendere notevolmente più semplice l'avventura dei nostri protagonisti a quattro zampe. In alcune aree, i cuccioli sopravvissuti possono apprendere delle speciali abilità, con cui assistere la madre nella caccia.

    Uno dei piccoli, ad esempio, può imparare a scavare nel terreno per agguantare larve e insetti, mentre un altro si rivelerà capace di scalare i tronchi degli alberi per raccogliere le uova di uccello lasciate incustodite nei nidi. Parliamo di scoperte assolutamente preziose, che semplificheranno non di poco la vita della nostra scarlatta alter-ego.

    Interamente incentrato sulla protezione delle piccole volpi, il gameplay è trainato dall'avanzare della quest principale, ovvero la ricerca del cucciolo rapito dagli esseri umani. Di tanto in tanto, la nostra protagonista potrà fiutare una traccia del piccolo: inseguendola, potremo visualizzare alcune brevi istantanee di quello che è stato il destino della creaturina dopo la sua scomparsa. Su questo fronte, tuttavia, non vogliamo anticiparvi troppi dettagli: sappiate però che la vicenda tratteggiata dalla software house spagnola sa coinvolgere ed emozionare, rivelando una realtà in cui trovano spazio l'amore, l'odio e la compassione, per un comparto narrativo silenzioso che ci sentiamo di promuovere pienamente.

    La lotta per la sopravvivenza vissuta in prima persona e l'emozionante epilogo rendono Endling: Extinction Is Forever un survival a sfondo ambientalista che vale assolutamente la pena di essere vissuto. Anche per questa ragione, avremmo apprezzato una longevità maggiore, che potesse delineare un più marcato alternarsi delle stagioni, magari con nottate estive dalla durata più estesa, magari in grado di lasciare spazio a sfide più articolate e complesse. Nonostante ciò, come detto, l'Indie riesce a insinuarsi nel cuore dei giocatori, con il suo messaggio e la sua emotività, complici anche l'indovinata direzione artistica e l'efficace colonna sonora, nata da specifiche associazioni tra strumenti musicali e singoli componenti della famiglia di volpi.

    Endling: Extinction is Forever Endling: Extinction is ForeverVersione Analizzata Nintendo SwitchIn Endling: Extinction Is Forever l'urgenza della sopravvivenza e i morsi della fame si alternano sapientemente a momenti più rilassati e a toccanti scoperte, per un'avventura coinvolgente e carica di emozioni. La storia raccontata da Herobeat Studio è silenziosa, accompagnata solo dalle immagini evocate dal fiuto di mamma volpe e dall'ottima colonna sonora. Forse anche per questo, la potenza del messaggio veicolato dal gioco è notevole, in grado di raggiungere il suo picco in un epilogo che difficilmente dimenticherete. Piuttosto breve, il titolo poggia su di un gameplay coerente, supportato da una mappa articolata e dalla possibilità di sbloccare nuove abilità per i cuccioli di volpe. Un'avventura survival a sfondo ambientalista che, pur nel silenzio della sua narrazione, ha veramente molto da dire e insegnare.

    8

    Che voto dai a: Endling: Extinction is Forever

    Media Voto Utenti
    Voti: 5
    8
    nd