Recensione Far Cry

Leggi la nostra recensione e le opinioni della redazione sul videogioco Far Cry - 1544

Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • Introduzione

    FarCry è il classico esempio di gioco che non ti aspetti che non solo riesce a stupire per la sua realizzazione ma contemporaneamente innalza il livello standard della produzione di videogames. Ricordo di aver visto tempo fa i primi screenshot in game ed essere rimasto perplesso visto che è ormai usanza comune mettere mano al Photoshop oppure esibirsi con perfetti lavori stilistici, ma all'uscita del demo, dopo aver messo alla frusta il mio modem, mi sono dovuto ricredere. Chi ha avuto modo di mettere le proprie mani sulla demo si sarà potuto accorgere personalmente che le voci che circolavano in giro erano tutte vere: spettacolarità grafica allo stato puro, ma andiamo per gradi ed introduciamo quello che già subito si presenta come una autentica killer application.


    I più stagionati di voi sicuramente ricorderanno quel tech demo usato da nVidia per pubblicizzare la propria linea di schede video (ai tempi parlo della presentazione della GeForce 2) basato su un motore innovativo che implementava i neo-realizzati pixel e vertex shader. Il demo si chiamava X-Isle e metteva in bella mostra un'isola tropicale abitata da dinosauri, alcuni “reali” alcuni realizzati con “moderne” tecniche di cube mapping. Il demo in questione era ai tempi un'applicazione capace di mettere alle corde qualsiasi scheda video che tentasse un'implementazione anche rudimentale delle nuove tecnologie. Naturalmente di tempo ne è passato e come è ovvio che sia anche la tecnologia in campo videoludico ha fatto passi da gigante offrendo maggiore potenza di calcolo e contemporaneamente permettendo alle software house di sbizzarrirsi con nuovi gingilli. Ma effettivamente di blockbuster capaci di traghettare l'utenza verso un nuovo standard ne abbia visti davvero pochi e non tali da giustificare il passaggio da, esempio, DirectX8 alle 9, se non per la mera potenza di calcolo sempre crescente dei processori grafici o la quantità di ram installata on board.

    Storia

    FarCry è un fps della vecchia guardia, voi sarete il classico omaccione solo contro il mondo intero e, così come il più famoso Gordon Freeman, vi troverete in guai più grossi di voi solo per puro caso, solo per aver dato troppa retta ad una donna. Il nostro nome è Jack Carter, proprietario di un noleggio di imbarcazioni nel sud del Pacifico, e il nostro unico errore è quello di accompagnare l'affascinante Valerie Constantine, foto-reporter di una rivista di viaggi, su un'isoletta della Micronesia non segnata sulle cartine ufficialmente per fotografare delle misconosciute rovine giapponesi risalenti al secondo conflitto bellico. Ma non appena Val metterà piede sull'isola un micidiale colpo di bazooka manderà in milioni di pezzettini incandescenti la nostra amata imbarcazione, ed inizierà a piovere piombo da tutte le parti. Wow! Ottimo modo per iniziare una nuova vita! Val è stata catturata e qui non solo dobbiamo combattere per la nostra pelle ma dovremo andare a recuperare quella combina guai di Valerie! Peccato! Perché ci troviamo in un'isola vergine tropicale con un mare cristallino e tutto quello che non vorremo fare è il tiro al bersaglio ai nemici... sarebbe meglio un po' di olio abbronzante, un costume e un drink con l'ombrellino! Ma effettivamente un fps dove bisogna sparare ai bagnanti non ha molto senso, vero? Tornando alla storia che fa da pretesto per sterminare qualsiasi forma vivente il nostro unico contatto con l'esterno sarà un video telefonino di nuova generazione dove dall'altro apparecchio ci sarà Harlan Doyle, che ci aiuterà a muovere i primi passi sull'isola e in qualche caso ci toglierà dai guai.


    Chi è costui? E perché lo fa? E soprattutto a cosa dobbiamo il suo suo abbigliamento con camice da laboratorio? Effettivamente non mi va di elargire molto della storia (non che ci sia poi tanto) e poi non voglio assolutamente rovinarvi la sorpresa. Sappiate solamente che l'isola è piena di mercenari e non vanno certo in vacanza armati fino ai denti, anche se non escludo che fra loro ci sia qualche stacanovista amante del proprio lavoro. Qualcosa non quadra e sicuramente c'è sotto molto più di quanto sembra! Se poi il cattivo di turno è uno scienziato esperto in genetica... E, detto fra noi, la specie “umana” non è la sola che abita l'isola, e con questo non mi riferisco certo alla quantità smisurata di uccelli e di pesci nel mare... Farete ben presto conoscenza con i Trigger seguita con una piacevole sensazione di deja vu per chi ha già avuto modo di trovarsi di fronte i simpatici Fiend del primo Quake...

    Tecnica

    Come già detto in precedenza il CryEngine è una evoluzione tecnologica di quel X-Isle visto anni fa. Capace di cose che difficilmente si posso raccontare a parole. Andrebbe visto per essere compreso fino in fondo, ma già molti di voi hanno avuto modo di vedere in movimento la demo ed aver avuto la possibilità di ammirare quello che senza alcun dubbio è il più maestoso motore di cui un gioco si può avvalere. FarCry è senza mezzi termini spettacolare ed offre fino ad adesso il più strabiliante impatto grafico che si sia mai visto su qualsiasi piattaforma di gioco. Non c'è prodotto che riesca a mettere in dubbio quanto appena affermato ed anche il neo-nato Unreal Tournament 2004 non raggiunge tali livelli di magnificenza senza dover andare a scomodare titoli di prossima uscita come DooM 3 e Half Life 2.


    La realizzazione dell'“arena di gioco” e a dir poco superlativa, niente è lasciato al caso: la realizzazione del mare tropicale che circonda l'isola è sicuramente ciò che di più bello si sia mai visto sui nostri monitor, techdemo e benchmark inclusi. Per non parlare della vegetazione e del “contorno” di animali vari: semplicemente stupendo. La qualità del lavoro svolto dal team di sviluppo è più che encomiabile. Molto spesso si ha l'impressione di guardare una esotica cartolina e basta dare un'occhiata alla nostra galleria per rendersi subito conto che non sto esagerando, FarCry, come ho detto in apertura di recensione, impone un nuovo standard permettendo un passo enorme sulla via che porta al fotorealismo. Il motore che muove FarCry eccelle anche nell'utilizzo delle fonti di luce e nella gestione delle ombre che da esse derivano, ed il bump mapping usato massicciamente sull'ambiente non fa altro che aumentare il già altissimo livello complessivo dell'immagine. A tutto ciò si aggiunge la totale assenza di clipping se non un minimo per migliorare la fluidità del gioco, in particolare il motore diminuisce il dettaglio degli oggetti lontani in modo da alleggerire il carico di lavoro della vpu guadagnando preziosissimi frame. Ottimo anche il reparto sonoro che si affida alle ormai solidissime librerie EAX di Creative permettendo una sensazione di avvolgimento strabiliante. Sapremo sempre con certezza da dove sarà arrivato uno sparo anche se non abbiamo visto il criminale che ha attentato alla nostra vita grazie all'ottima implementazione del sonoro multi cassa che, personalmente, consiglio per avere una maggiore sensazione di “esserci davvero”. A tutto questo si aggiunge il totale doppiaggio nella nostra lingua, ed a differenza di altri titoli che hanno subito lo stesso trattamento, il lavoro è semplicemente perfetto. Il repertorio delle voci e frasi dei nemici è vasto e vale la pena ascoltarle per apprezzare una leggera auto ironia nei loro vocabolari ed un campionario di frasi che spaziano dai semplici richiami di copertura durante la battaglia, ad i dialoghi comuni su come pescare meglio durante le fasi di relativa tranquillità. Che dire di più se non che dal punto di vista tecnico FarCry è sicuramente il miglior titolo che si sia mai visto. Niente da aggiungere se non quella di dare subito un'occhiata agli screenshot sui quali ho dovuto fare una selezione fra gli oltre 40 scatti catturati. FarCry è quanto di meglio si possa pretendere dai nostri sistemi. Tutto il resto passa nettamente in secondo piano. Se si considerano anche tutte le altre feature gestiste dal Crytech Engine penso che questa mia ultima dichiarazione non si possa mettere in discussione. La fisica dei corpi è gestita perfettamente, il terreno è deformabile un po' sullo stile introdotto da vecchiotto Red Faction (provate a sparare un colpo di lanciamissili per terra per vedere cosa succede), gestione proprietaria del Polybump mapping (un tipo particolarmente evoluto di EMBM slegato dalle capacità della vostra scheda video) ed una eccellente implementazione dei riflessi e delle trasparenze ed il piatto è bello e servito. Il motore che muove FarCry è capace di sorprendere anche il videogiocatore più vissuto, e sfido chiunque a non restare di stucco davanti ad una rifrazione dovuta ad un getto di vapore caldo.

    Giocabilità

    I pregi di FarCry non si limitano solamente ad una straordinaria realizzazione grafica, ma basta muovere i primi passi ed avere a che fare con i primi nemici per accorgersi immediatamente delle incredibili potenzialità del titolo in questione. Per spiegarvi brevemente cosa voglio dire rubo una frase ai programmatori della Ion Storm per Deus Ex 2: “Un gioco di scelte”. Così è anche FarCry! Per dirla in modo chiaro FarCry si fa beffe di tutta la scena fps su pc tentando si superare quelli che sono i limiti evidenti di questi giochi: intelligenza artificiale e, soprattutto, libertà di scelta. Ed in questo FarCry eccelle ancora! Innanzitutto davanti a voi avrete tutta la scena di gioco, potrete decidere voi quando e come far scaturire un evento utilizzando un complesso sistema di “innesti intelligenti”. Voi siete liberi di muovermi come volete all'interno dell'isola e nel modo che meglio credete. Sarete voi a decidere il modo con cui affrontare i vostri nemici scegliendo fra tutte le variabili possibili: sparare come un forsennato a testa bassa o adottare una strategia più ragionata. Esempio pratico che può semplificare molto il mio pensiero: avete davanti un gruppo di mercenari che custodiscono una chiave magnetica per l'accesso ad un'area; potrete scegliere se partire a testa bassa sparando con il vostro mitragliatore automatico, tentare l'approccio stealth tentando di non dare troppo nell'occhio magari liberandosi di nemici isolati con armi bianche, oppure girare l'angolo, affrontare un gruppo di nemici in pattuglia su un mezzo, rubarglielo e mettere sotto tutti i nostri avversari magari “riscaldandoli” con il mitragliatore montato sullo roll bar. Se tutto ciò non dovesse funzionare lasciate la chiave dov'è e tentate di scalare la montagna e arrivare al posto prestabilito magari cercando un passaggio secondario. Tranquilli che ci sarà sempre! Dovrete arrivare in cima ad una costruzione all'inizio del gioco potrete: arrivarci con un fuoristrada, arrivarci a piedi da qualche lato della montagna, arrivarci da sotto mediante cunicoli e sottopassaggi. A questo punto vi troverete a dover incontrare dei nemici, potrete aggirarli ed impossessarvi di una mini gun fissa, aprirvi il passaggio a suon di granate, oppure infiltrarsi lanciando pietre e distraendo i mercenari.


    Come vedete le possibilità di scelta sono davvero tantissime e mai meno di due. Scaturito un evento sbloccando un filmato magari fondamentale per andare avanti nella trama sarà accessibile l'evento successivo. Semplice e lineare. Le strade possibili non saranno mai allo stesso livello di difficoltà quindi se siete a livelli critici di vita o di munizioni l'approccio stealth sarà consigliato ma non per questo meno difficile, ma sempre meglio che affrontare una decina di mercenari con una manciata di munizioni!
    A questo si aggiunge una intelligenza artificiale davvero elevata: i nostri nemici non sono degli sprovveduti e non ci tengono a fare da bersaglio. Si copriranno fra di loro e soprattutto il loro movimento non è gestito da script ma totalmente libero. Generalmente tenteranno di infilarsi nella vegetazione quando è possibile per rimanere quanto meno visibili e raggiungibili dai vostri proiettili, ma soprattutto tenderanno sempre a circondarvi per colpirvi alle spalle. Avere una posizione vantaggio rispetto loro sarà molto spesso di vitale importanza e la conoscenza delle armi, della gittata, della quantità di munizioni nel caricatore e dei tempi di ricarica vi permetterà di avere la meglio in uno scontro apparentemente impossibile. Consiglio spassionato: davanti ai primati mutati geneticamente vi consiglio la classica ritirata coperta cioè sparare indietreggiando sia perché riescono a salire le scale e utilizzare casse o ostacoli naturali per saltarvi addosso, sia perché sono davvero duri a morire oltre che a fare un male cane! FarCry sostanzialmente è uno shooter arcade ma con innesti tattici davvero divertenti! Piccola parentesi sulle armi tutte di natura reale, quindi nessun aggeggio di laboratorio. Si va dal macete a tantissimi fucili d'assalto: Mitra P90, MP5, M4, AG36, fucile da cecchino con ottica, pistolette varie, lanciamissili con ottica, un discreto arsenale di granate, più tutta la serie di veicoli utilizzabili: fuoristrada più o meno pesanti, motoscafi, camion e un divertentissimo deltaplano, senza dimenticare le postazione fisse di minigun e mortaio. Il vostro abbigliamento prevede giubbetti antiproiettili, visori notturni, ultra tecnologici binocoli capaci di sentire anche le voci delle persone inquadrate, torce, tessere magnetiche, e tante pietre in tasca per distrarre i nemici più allocchi.

    Box Hardware

    Di solito tento di essere quanto più sintetico possibile quando parlo di configurazione hardware ma FarCry necessita di un box apposito!
    La Ubisoft propone tre configurazioni per giocare questo titolo: una bassa, una media ed una elevata. Andiamo ad analizzarle:

    Configurazione base:
    PIII o Athlon 1000 Mhz
    256Mb di RAM
    GeForce 2 o ATi Radeon 8500

    Configurazione consigliata:
    Pentium 4 o Athlon 2000+
    512Mb di RAM
    GeForce 4 o Radeon 9500

    Configurazione alta:
    Pentium 3 o Athlon 3000+
    1Gb RAM
    Radeon 9800 Pro GeForce 5950

    Per la recensione ho usato qualcosa di più della configurazione base:
    AMD Athlon 2400+ @ 2350Mhz
    512Mb di RAM PC2700
    Radeon 9500Pro 370 Mhz per il Core e 325 Mhz di Ram

    Tutto questo per dirvi che se volete anche giocarlo FarCry vi consiglio di lasciare perdere la configurazione minima. Se volete divertivi davvero togliete anche la configurazione consigliata. Se volete sbavare sulla tastiera vi consiglio caldamente la massima configurazione ed una tastiera impermeabile giusto per evitare spiacevoli cortocircuiti dovuti alla vostra saliva...


    A livello massimo con una risoluzione di 1024*768*32 il gioco era non sufficientemente fluido sul sistema di prova pregiudicando notevolmente la godibilità. Assolutamente necessario sembra quel giga di RAM visto che i dati da stipare in memoria sono veramente tantissimi. A tutto ciò aggiungete un DVD almeno 4x visti i 4 Giga di installazione. Se volete provare l'ebbrezza del multyplayer munitevi di una connessione che dia valori di ping e lag bassissimi visto che per morire basta anche un proiettile sparato in mezzo agli occhi.
    Come era ovvio che fosse FarCry necessita di un computer davvero potente per essere apprezzato in ogni suo più piccolo particolare ma offre anche un discreto margine di scalabilità. Mettendo mani alle impostazioni sono riuscito abbassando il dettaglio a giocare ottimamente anche sulla configurazione di prova.

    Commenti finali

    Per concludere ci troviamo davanti al miglior fps presente per PC. Un capolavoro che eccelle in ogni campo. Certo, ha i suoi difetti, ma sarebbe come andare a cercare il pelo nell'uovo: i mezzi sono difficili da guidare, la barra di energia scende davvero rapidamente, qualche piccola imprecisione nella riproduzione dei fori dei proiettili nel muro e la trama non poi degna di un film di serie B ma è davvero troppa poca cosa se si considerano quanti pro ha FarCry dal lato suo!


    FarCry offre una longevità inusuale per un fps single player non solo grazie all'implementazione del multyplayer, ma anche grazie alla sopracitata libertà di scelta che inviterà il giocatore a provare di volta in volta approcci tattici diversi allo scontro. A questo si aggiunge un potentissimo editor di semplice utilizzo... Praticamente il CryEngine aperto a tutti coloro che vogliono sia creare da zero il proprio livello, ma anche creare delle vere e proprie modification al gioco. Già mi immagino scenari di guerriglia con i mezzi di trasporto, oppure direttamente un gioco di rally magari ambientato sulla meravigliosa spiaggia tropicale di FarCry! Un capolavoro, ripeto, un gioco granitico che offrirà divertimento e tantissime ore di gioco, graficamente strabiliante, sonoro avvolgente, giocabilità elevatissima, multyplayer e un efficacissimo editor di livelli.

    Consigliato a tutti ed in particolare agli amanti degli fps sempre che la vostra configurazione vi consenta tanta maestosità grafica. Vi troverete fra le mani un masterpiece di programmazione insieme al miglior fps presente su PC!

    Quanto attendi: Far Cry

    Hype
    Hype totali: 3
    45%
    nd