Final Fantasy 7 The First Soldier: Recensione del Battle Royale Gratis

Ci siamo catapultati di nuovo a Midgar con The First Soldier, un'esperienza per sistemi mobile che trasporta la saga di Square nel genere Battle Royale.

Articolo a cura di
Disponibile per
  • iPhone
  • iPad
  • Mobile Gaming
  • Pc
  • Negli ultimi mesi sono stati numerosi i prodotti annunciati da Square Enix e legati alla sua proprietà intellettuale più popolare di sempre, ovvero Final Fantasy. Oltre all'attesissimo sedicesimo capitolo, al chiacchierato Strangers in Paradise (per saperne di più ecco la nostra prova di Stranger of Paradise Final Fantasy Origin) e al remake gratis di FF7 per i dispositivi mobile, Ever Crisis, tra i titoli basati sul celeberrimo marchio troviamo anche un battle royale intitolato Final Fantasy VII The First Soldier. Mentre gli altri giochi sono ancora lontani dall'uscita, questo free to play è approdato su Android e iOS, riscuotendo anche un discreto successo tra gli appassionati e raggiungendo in poche ore il milione di download. Si tratta dell'ennesima meteora o di un'opera destinata a durare nel tempo? Scopriamolo insieme.

    Un po' battle royale, un po' MOBA

    Dopo aver creato il nostro guerriero d'élite Shinra tramite un editor del personaggio non particolarmente dettagliato, Final Fantasy VII The First Soldier getta immediatamente il giocatore nella mischia con una partita che funge da tutorial e permette di comprendere le dinamiche di questo battle royale alquanto atipico.

    Sebbene non proponga nulla di realmente originale, lo spin-off ambientato 30 anni prima rispetto agli eventi narrati nel settimo capitolo prova a mescolare meccaniche di gameplay che abbiamo visto ed apprezzato in altri prodotti, al punto da essere difficile da inquadrare in un genere ben preciso. The First Soldier non è solo uno sparatutto in terza persona, ma anche un titolo action melee con qualche elemento ruolistico.

    Ogni partita inizia con una fase in cui l'utente ha il totale controllo di un elicottero dal quale lanciarsi sulla mappa, che consiste in un piacevole agglomerato di luoghi storici della serie, come il Seventh Heaven, il locale di Tifa che abbiamo apprezzato di recente in Final Fantasy 7 Remake. Scesi a terra, possiamo decidere liberamente che tipo di approccio adottare mentre la porzione giocabile della mappa viene progressivamente ristretta: il gioco implementa una sorta di sistema di progressione in stile MOBA attraverso il quale i soldati possono acquisire e potenziare abilità tramite l'apertura di forzieri, l'interazione con dispositivi e l'eliminazione di avversari umani o creature controllate dall'intelligenza artificiale (si tratta, a conti fatti, di un battle royale PvPvE).

    Il loot che si può trovare in giro non è composto esclusivamente da bocche da fuoco di ogni tipo, ma anche da pezzi d'equipaggiamento che alterano le statistiche, da Materia e persino da Evocazioni che consentono di richiamare in campo un'enorme creatura alleata come Ifrit, che combatterà al nostro fianco. Chi non dovesse essere soddisfatto da tale ventaglio di scelte può sempre ricorrere alle armi corpo a corpo, senza contare la presenza di abilità di classe: proprio come in un gioco di ruolo, The First Soldier include cinque diverse classi tra le quali scegliere, ciascuna con skill attive e passive che possono esaltare specifici stili d'approccio. Esiste anche un sistema di progressione permanente legato alle singole classi, in modo tale che gli utenti siano invogliati ad utilizzare sempre la medesima specializzazione per sbloccare nuove abilità da sostituire a quelle di base o elementi cosmetici rari.

    È chiaro che una mole di possibilità tanto ampia difficilmente può garantire un'esperienza di gioco priva di imperfezioni e caratterizzata da un bilanciamento impeccabile. Al netto di queste problematiche che riguardano esclusivamente quei giocatori più attenti alla componente competitiva (comunque presente con le partite classificate), il gameplay risulta divertente e immediato, a prescindere che si utilizzi il touch screen o un controller compatibile.

    Certo, con i controlli touch non è del tutto intuitivo riuscire a districarsi a dovere tra equipaggiamento, Materia e parkour per via di un'interfaccia decisamente imperfetta, tuttavia gli sviluppatori hanno implementato una serie di opzioni legate al sistema di shooting che, proprio come in Call of Duty Mobile (per approfondire ecco la nostra recensione di Call of Duty Mobile), consente di mirare e sparare con relativa semplicità e di godersi le partite anche senza una periferica esterna. Attivando le apposite impostazioni, infatti, è sufficiente spostare il cursore sull'avversario per fare in modo che l'arma faccia automaticamente fuoco.

    Loot box e Battle Pass

    Come in ogni battle royale che si rispetti, anche Final Fantasy VII The First Soldier include un pass stagionale ricco di ricompense premium e gratuite. La maggior parte degli oggetti con i quali personalizzare il protagonista, il suo arsenale e il Chocobo (uno dei tanti veicoli che si possono utilizzare per spostarsi nella mappa) si può sbloccare solo acquistando il pass, ma vi sono anche diversi ticket Shinra ottenibili con relativa facilità e con i quali è possibile accedere a loot box contenenti oggetti casuali.

    Ovviamente gli sviluppatori puntano molto sulle microtransazioni e nel negozio sono già disponibili costosissimi bundle che consentono di assumere l'aspetto di Tifa, Cloud e altri popolari personaggi. Nel corso della nostra prova abbiamo messo le mani su diversi ticket gratuiti che sono stati distribuiti per celebrare il successo iniziale del gioco e, ad eccezione di un costume, la quasi totalità delle loot box conteneva mimetiche per le armi non particolarmente appaganti alla vista.

    The First Soldier, del resto, propone una componente visiva altalenante: se escludiamo gli elementi estrapolati da Final Fantasy VII, come personaggi e ambientazioni, caratterizzati da un art design sicuramente affascinante, ci troviamo di fronte ad un prodotto tendenzialmente anonimo sul fronte estetico, e con un dettaglio grafico che non stupisce. Con ogni probabilità, la semplicità tecnica è legata alla volontà degli sviluppatori di garantire la compatibilità con il maggior numero possibile di dispositivi. Anche impostando tutte le opzioni grafiche al massimo, d'altronde, i modelli dei personaggi sono scarsamente dettagliati, così come le aree della mappa, soprattutto per quel che riguarda gli interni.

    Final Fantasy VII The First Soldier Final Fantasy VII The First SoldierVersione Analizzata Android GamesFinal Fantasy 7 The First Soldier non è il battle royale che stravolgerà gli equilibri del mercato o supererà i campioni del settore come COD Warzone e Fortnite Capitolo 2, ma si tratta di un prodotto che, senza particolari pretese, propone un gameplay tutto sommato godibile e immediato. Se siete fan del settimo capitolo della serie Square Enix e non disdegnate i battle royale, The First Soldier meriterebbe quantomeno una prova per esplorare Midgard in un contesto diverso da quello al quale siete abituati. E chissà, magari vi divertirete anche a cogliere ogni singola citazione inserita dal team di sviluppo nei vari angoli della mappa. Chi invece non è un fan sfegatato di Final Fantasy potrebbe in ogni caso trovare un prodotto un po’ distante dai soliti battle royale e che, rispetto alla concorrenza, offre un’esperienza di gioco più leggera e meno votata alla competizione sfrenata. Insomma, un gioco che compie il suo dovere per qualche partita all’insegna della spensieratezza.

    6.8

    Che voto dai a: Final Fantasy VII The First Soldier

    Media Voto Utenti
    Voti: 6
    4
    nd