Giochi Olimpici di Tokyo 2020 Recensione: alla conquista dell'oro

SEGA vuole farci vivere il sogno olimpico con un titolo multi evento spettacolare e divertente: scoprite se è riuscita a conquistare l'oro!

Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Switch
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • PS5
  • Xbox Series X
  • Il conto alla rovescia è iniziato: il prossimo 23 luglio al Nuovo Stadio Nazionale di Tokyo verrà acceso il braciere durante la cerimonia inaugurale della trentaduesima edizione dei Giochi olimpici dell'era moderna. La capitale nipponica torna a sventolare ancora una volta la bandiera a cinque cerchi e la trasposizione videoludica della manifestazione è stata affidata a SEGA, pronta a farci rivivere lo spirito olimpico con Giochi olimpici di Tokyo 2020 - Il videogioco ufficiale, disponibile per tutte le principali piattaforme (Switch, PlayStation 4/5, Xbox One/Series X|S, PC e Google Stadia).

    All'inseguimento del sogno olimpico

    Mario & Sonic ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020 (potete recuperare a questo link la nostra recensione di Mario & Sonic ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020) è stato pubblicato lo scorso anno per Switch e gli alfieri di Nintendo e SEGA sono stati i primi ad accendere lo spirito olimpico di tutti noi videogiocatori. A un anno di distanza arriva la versione più seriosa (si fa per dire!) della manifestazione olimpica, firmata ancora una volta da SEGA, che possiamo considerare una veterana nei titoli multi evento.

    Giochi olimpici di Tokyo 2020 - Il videogioco ufficiale non è una simulazione sportiva rigorosa: è soprattutto una divertente selezione di 18 discipline sportive ricreate con lo stile arcade tipico delle produzioni SEGA, e che strizza l'occhio ai party game tanto cari a Nintendo. Gli eventi inseriti in questa edizione sono in grado di accontentare un po' tutti i gusti: gli amanti degli sport di squadra si possono divertire con calcio, basket, beach volley, rugby a sette, baseball, staffetta 4×100 metri, tennis (singolo e doppio); mentre quelli che prediligono le discipline individuali potranno sbizzarrirsi con 100 metri piani, 110 metri a ostacoli, salto in lungo, BMX, tennistavolo, 100 metri stile libero, arrampicata sportiva, judo, boxe, 200 metri misti e lancio del martello. Ogni disciplina viene proposta con meccaniche di gioco specifiche, spiegate attraverso un breve tutorial, anche se il cuore dell'esperienza resta smaccatamente arcade: ci sono delle competizioni caratterizzate dall'imprescindibile "button mashing", altre in cui è necessario trovare il giusto timing o mantenere un buon ritmo, altre ancora in cui si gioca in maniera tradizionale (nel calcio o nel basket, per esempio). Tutte le discipline hanno in comune la possibilità di sbloccare dei colpi speciali: ogni atleta, infatti, dispone di una barra che si carica per realizzare poderosi fuoricampo, schiacciate alla NBA Jam, sprint fulminei e altro ancora.

    Personalizzazione e squadre miste

    La caccia all'oro inizia dalla creazione del proprio avatar nella sezione "Atleta": SEGA ha puntato su uno stile colorato e molto cartoon, e si tratta di una scelta che abbiamo apprezzato. Le possibilità di personalizzazione sono pressoché infinite e, oltre a modificare l'aspetto fisico del nostro alter ego digitale, possiamo anche vestirlo nei modi più buffi. La sezione "Divise" è sorprendentemente ricca ed è possibile sbloccare più di 50 costumi (compresa Miraitowa, la mascotte ufficiale della manifestazione): al day one, in aggiunta, sarà disponibile per tutti anche quello dedicato a Sonic.

    Oltre a definire l'aspetto del nostro campione (stile, fisico, tratti, facciali, voce, mano/piede dominante) possiamo migliorarne le prestazioni lavorando su parametri quali potenza, velocità e tecnica. Ogni modifica richiede un costo a livello di punti che si possono guadagnare semplicemente gareggiando, allenandosi e vincendo qualche medaglia (non ci sono microtransazioni, per fortuna!). Negli sport di squadra, abbiamo la possibilità di creare un gruppo di avatar personalizzati (con lo scambio del "codice avatar" si possono aggiungere quelli dei propri amici) pronti a lottare per tenere alta la bandiera della nazionale e a conquistare l'agognata medaglia. È possibile inoltre avere anche squadre miste composte da uomini e donne, e non solo nel basket o nella staffetta.

    Modalità di gioco e competizioni

    Avremo la facoltà di rivivere la magia di questa manifestazione dalle qualificazioni fino alla conquista della finale nella modalità "Giochi Olimpici", oppure gareggiare online in quella chiamata "Partite Classificate", che in determinati orari offre alcune prove a cui partecipare con tanto di classifica mondiale e medagliere.

    Per memorizzare le combinazioni di tasti o per trovare il giusto timing possiamo fare un po' di allenamento nelle varie discipline sportive. Le modalità prevedono sfide in locale a 2 giocatori, mentre online c'è la possibilità di competere fino a un massimo di 8 utenti. Per chi vuole sperimentare lo spirito olimpico in solitario sono disponibili tre livelli di difficoltà (da normale a estrema): l'IA offre una discreta sfida e soprattutto riesce a stimolare il giocatore a battere record su record. Rispetto alle edizioni precedenti, SEGA ha sacrificato in parte l'atletica leggera (la regina della manifestazione) per introdurre nuove discipline sportive (l'arrampicata per esempio). I classici 100 metri piani, per esempio, non sono altro che un puro esercizio di "button mashing", con l'interessante variante rappresentata dalla staffetta 4x100 metri. I 110 metri a ostacoli richiedono al giocatore un buon tempismo nel salto per non perdere il ritmo tra un ostacolo e un altro, mentre il lancio del martello prevede un'ottima coordinazione sia nella fase di preparazione del lancio, sia nel calcolo dell'angolazione vincente. Lo stesso discorso vale per il salto in lungo che propone anche l'incognita dello stacco.

    Le cinque discipline dedicate all'atletica leggera nella loro semplicità funzionano molto bene e mettono in campo una bella sfida. Per quanto riguarda gli altri sport individuali, le prove della BMX sono divertenti ma un po' troppo limitate, e questo è un vero peccato.

    Nel judo bisogna trovare il tempismo giusto (per liberarsi da una presa occorre premere i tasti come forsennati), mentre dalla boxe ci aspettavamo un pizzico di profondità in più. Nell'arrampicata sportiva, invece, dovremo muovere la levetta analogica "giusta" al momento giusto per scalare più velocemente la parete, così come nei 100 metri stile libero che richiedono al giocatore un movimento coordinato per riuscire ad andare sotto i 50 secondi.

    I 200 metri misti, invece, sono una sfida veramente tosta: trovare un ritmo decente (i movimenti rotatori delle levette analogiche cambiano in base allo stile) senza consumare completamente la barra della resistenza non è affatto facile. Il sistema di controllo implementato nel tennistavolo (singolare e doppio), invece, ci lasciato perplessi: usare la levetta analogica per rispondere è una scelta che abbiamo trovato decisamente poco pratica.

    Una festa grafica da ammirare

    Il beach volley, la pallacanestro e persino il calcio, nella loro estrema semplicità, ci hanno sorpreso non poco e divertito tanto. Il baseball è probabilmente il titolo migliore del lotto, mentre il rugby a sette ci ha convinto ma fino a un certo punto, dal momento che abbiamo avuto qualche problemuccio nei calci piazzati).

    Il tennis in singolare e in doppio, più che discreto, funziona molto meglio del tennistavolo, senza dubbio la delusione più cocente dell'intero pacchetto olimpico. Passando al lato grafico, su PlayStation 5 (in retrocompatibilità), il titolo di SEGA non ha sfigurato: le animazioni degli avatar si sono rivelate fluide e precise (nessun calo di framerate da segnalare) e non sono mancati i tocchi di classe: vedere il nostro avatar chiedere il sostegno del pubblico prima di un salto per battere il record mondiale è davvero esaltante! La presentazione degli eventi è allestita a dovere. così come tutto il coloratissimo comparto grafico che permette di respirare a pieni polmoni l'atmosfera festosa della manifestazione. Il DualSense, purtroppo, non è stato sfruttato in alcun modo ma trattandosi di un gioco sviluppato per PlayStation 4 si tratta di un'assenza più che comprensibile. Le schermate di caricamento offrono poi delle simpatiche pillole di cultura con una serie di curiosità e informazioni sugli eventi che si disputeranno durante l'Olimpiade. Il comparto sonoro, infine, dà voce a un pubblico rumoroso e sempre pronto a sottolineare le performance degli atleti, e non manca neppure qualche piacevole musichetta d'accompagnamento.

    Giochi Olimpici Tokyo 2020 Giochi Olimpici Tokyo 2020Versione Analizzata PlayStation 5La proposta olimpica di SEGA ci è piaciuta molto: Giochi olimpici di Tokyo 2020 - Il videogioco ufficiale è divertente e piacevole da giocare. Avremmo gradito qualche disciplina in più e soprattutto qualche modalità di gioco tutta nuova (magari una “storica” per rivivere qualche leggendario record). Nel complesso, il titolo multi evento di SEGA funziona e regalerà pomeriggi e serate decisamente gradevoli da vivere in famiglia all'inseguimento del sogno olimpico. Noi ci vediamo a Parigi 2024!

    7.5

    Che voto dai a: Giochi Olimpici Tokyo 2020

    Media Voto Utenti
    Voti: 10
    6.4
    nd