Recensione GTA 5 - iFruit App

Dal videogioco alla realtà: iFruit è disponibile! Una companion App divertente e ispirata, per accompagnare il lancio del free-roaming Rockstar.

Grand Theft Auto 5
Videorecensione
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Ps3
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
Francesco Fossetti Francesco Fossetti scrive di videogiochi -fra una cosa e l'altra- da più di dieci anni, e non ha ancora perso la voglia di esplorare il mercato con vorace curiosità. Ammira lo sviluppo indie e lo sperimentalismo, divora volentieri tutto il resto. Lo trovate su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

L'avete sempre desiderato. L'iFruit di seconda generazione è lo smartphone più in voga in quel di Los Santos, come ben sa chi ha già messo piede nell'immensa metropoli di GTA 5.
Sarà stata l'aggressiva campagna marketing della Fruit Computers ("Think Simple. Think Minimalism.Think Overpriced."), oppure le doti rivoluzionarie del telefono ("No buttons. No reception. No storage capacity. ALL EGO."), ma vi tocca ammettere di non poterne più fare a meno.
E non dovete. Parallelamente al lancio di GTA 5, Rockstar Game rilascia su App Store una esuberante "companion app" per il suo free-roaming, chiamata proprio "Grand Theft Auto 5: iFruit". Potete scaricarla gratuitamente su qualsiasi iOS, per trasformare l'interfaccia del vostro iPhone/iPad nello smartphone usato da Michael e compagnia bella. Un tocco di classe moderatamente geniale, che rende ancora più chiara quale sia l'entità e la dimensione dell'universo finzionale messo in piedi dalla software house.

L'App definitiva

La schermata principale di iFruit, a cui si accede dopo aver inserito le proprie credenziali del Rockstar Social Club, sembra proprio quella di uno smartphone. Le larghe icone di FruitOS (sospettiamo si chiami così) sono in linea con la revisione concettuale che l'azienda di Doug Hatchet ha operato negli ultimi anni, quando i cromatismi del logo sono spariti in favore di uno stile più "minimal" (però ecco: le forme sono sempre quelle, sperando che vi piacciano le banane).
La navigazione è in verità un po' traballante e si assiste a qualche crash, ma anche questo fa parte dell'esperienza iFruit. Le piccole incertezze sono probabilmente dovute al fatto che Hatchet ha licenziato tutti i suoi dipendenti e subappaltato oltreoceano qualsiasi mansione, restando l'unico occupante degli uffici di Fruit Computers (assieme ad una fotocopiatrice che non funziona e ad una spillatrice senza puntine).
Ma a parte questo iFruit è un piccolo gioiellino. Sono sostanzialmente tre le "App" che potete usare. Da una parte c'è la versione mobile di Life Invader. Volete sempre restare aggiornatissimi sulle attività delle vostre celebrità preferite? Vi basta "stalkerarle" su Life Invader. Volete sempre essere informati sulle offerte promozionali della Sprunk o di Los Santos Custom? Niente di meglio dell'applicazione più invadente al mondo.
In verità dell'offerta di iFruit la connessione a Life Invader è sicuramente la meno interessante. Meglio invece Chop the Dog, una sorta di tamagotchi in cui dovete prendervi cura del vostro affezionatissimo rottweiler. Dategli da mangiare e da bere, mettetegli collarini scintillanti e pulite i suoi "bisognini", aspettando che scavi da qualche parte magari per portarvi la mano che avrà staccato a chissà quale homeless. Potete anche portare il buon Chop a spasso, dedicandovi ad uno dei tre minigiochi a disposizione. Il tono di queste attività? Vi basti sapere che quando la barboncina che stavate corteggiando si lascia concupire da un altro quadrupede, sullo schermo campeggia la scritta "Hai perso la cagna".
Detto fuori dai denti, Chop the Dog è un'applicazione di una banalità allucinante, assurda e senza pretese, ma è spalmata di quell'ironia politicamente scorretta che rende grande GTA 5, che non si riesce a fare a meno di mandare il nostro fedele amico in spiaggia a staccare i bikini delle ragazze. Che poi Chop the Dog è pure integrata con il gioco principale, e vi permette di insegnare a Chop nuovi trucchetti che potrete usare in Gtrand Theft Auto 5, e di prendervi cura di lui e migliorare il suo umore anche quando siete lontani da Los Santos.
Ultima ma non meno importante, grazie all'app di Los Santos Custom potrete modificare direttamente la macchina dei tre protagonisti di GTA 5. Volete montare sospensioni e carrozzeria rinforzata sulla vettura di Franklin, Trevor e Michael? Bastano due click sull'app e l'auto vi verrà recapitata direttamente nel garage, la prossima volta che accenderete la console. Potete anche ordinare una targa personalizzata, e fate in fretta, perchè sarà quella che vi porterete dietro in GTA Online, quando sarà disponibile dal primo di ottobre. Mi raccomando: siate volgari.
L'App di iFruit dovrebbe infine aggiornarsi entro breve con la possibilità di ordinare anche armi particolari ad Ammunition, e, all'arrivo della componente multigiocatore, con interessanti novità su cui non vediamo l'ora di mettere le mani. Chissà, magari un filo diretto con Weazel News.

Grand Theft Auto 5 Diciamoci la verità: iFruit è un'applicazione un po' spicciola e non molto interattiva. Ma sottolinea una volta di più la brillante inventiva di Rockstar. Invece di sviluppare una companion app come quelle che vanno di moda ultimamente (in cui ci sono solo mappe del mondo di gioco e poco altro), il team ci fa fare un tuffo “reale” nella Los Santos virtuale, “trasformando” il nostro smartphone nel telefono delle meraviglie di GTA 5. Dentro ci sono tutte le volgarità e le punzecchiature di Rockstar, ed in qualche maniera il contesto del titolo non può che uscirne arricchito. Speriamo che il team aggiunga presto nuove funzionalità, perchè l'idea di ordinare, oltre che alle auto, armi speciali e magari qualche altro contenuto da ritrovare in-game appena si avvia la console è sicuramente vincente.

Che voto dai a: Grand Theft Auto 5

Media Voto Utenti
Voti: 393
8.9
nd