Recensione Horizons

Leggi la nostra recensione e le opinioni della redazione sul videogioco Horizons - 1549

Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • Di primo acchito...

    Nel paradiso videoludico di questo ultimo periodo abbiamo visto l'affacciarsi di numerosi titoli nuovi, sopratutto nel genere dei MMORPG (Massively Multiplayer Online Role Play Game), prima Galaxies (uscita americana), Final Fantasy XI (uscita only US in questo caso) e abbiamo inziato a sentir parlare di titoli come Lineage 2, World of Worcraft che si avvicinano al periodo di Open Beta.
    Il titolo del quale ci accingiamo a fare la recensione è stato atteso da molti giocatori sparsi per il globo per via dell'ambientazione e di molti altri piccoli fattori che vi illustreremo in seguito.
    Sicuramente si tratta di un titolo massiccio sotto tutti gli aspetti che ci mette nei panni di un avventuriero e che ci inzierà verso un mondo dove potremo incontrare draghi, non morti, troll e tante altre specie bizzarre. Lo definiamo un titolo massiccio per diversi motivi, in primis perchè il mondo che è vastissimo e completamente esplorabile, ma purtroppo anche per la pomposità dei requisiti minimi che a tutti gli effetti risultano essere esclusivamente teorici, infatti con quelli riportati sulla scatola potremo a malapena giocare a dettagli minimi in 640*480 con vistosi cali di framerate nelle situazioni più congestionate.

    Gameplay

    Parlando del Gameplay sicuramente abbiamo a disposizione una buona caratterizzazione dei personaggi, potremo scegliere tra le razze fantasy piu classiche, come umani, elfi drow, nani e gnomi, ma faranno la loro comparsa anche razze prese direttamente dal mondo di Morrowind (Bethesda Studios) e le ben piu originali razze dei Draghi: si avete capito bene potremo decidere di impersonare un drago e farlo crescere nel mondo fino a farlo diventare adulto e permettergli di volare su vaste lande in paesaggi suggestivi. Non raggiungiamo livelli di caratterizzazione pari a quelli di galaxies che mantiene il suo meritato primato, ma sicuramente trovare un personaggio identico al nostro sarà ardua impresa, in quanto potremo caratterizzare dai tratti somatici del volto al colore della carnagione (o delle scaglie nel caso dei draghi).
    La schermata di creazione viene rappresentata come una lunga galleria dove troveremo "gli esemplari" maschili e femminili di tutte le razze ritratte nel loro habitat naturale.


    Una volta scelto il nostro alter ego verremo catapultati in una sorta di Tutorial direttamente sul pianeta che ci insegnerà le basi del gioco, e dove sceglieremo le classi del nostro personaggio. Ogni personaggio ha la possibilità di selezionare una classe combattente e una da lavoratore (in gergo crafter), e addirittura anche i draghi avranno la possibilità di creare oggetti tramite macchine particolari. Ogni giocatore può alzare queste 2 classi in parallelo ma sarà possibile cambiare la nostra professione durante l'avventura partendo ovviamente dal livello iniziale.
    Questa caratteristica potrebbe far storcere il naso ai puristi del genere, perche ogni personagigo potrebbe diventare pressoche autonomo ( Warrior - Blacksmith ) (Mage - Scribe ) giusto per citare le piu classiche.

    Grafica e suono

    Il reparto grafico, come introdotto in precedenza, risulta molto pesante, pur non presentando una mole visiva impressionante, ci sono molti poligoni presenti sullo schermo e questo renderà il gioco spesso poco fluido.
    Inoltre la lag fisiologica di ogni MMORPG renderà frustranti alcune situazioni.
    Non sono presenti il supporto per il pixel shader, e il bump mapping poteva essere usato decisamente meglio.
    Scordatevi, a meno che non abbiate un PC Ninja, di giocarci a risoluzioni superiori a 1024*768 con un framerate decente.
    Il reparto audio è praticamente assente, saremo circondati dagli effetti ambientali e sporadicamente da qualche musichetta che allieterà le nostre scampagnate in giro per il mondo.
    Tutto sommato in un genere come questo l'assenza non si nota quasi, ma sicuramente un minimo di atmosfera avrebbe reso un po' più coinvolgente l'esperienza di gioco.

    Concludendo

    Una nota particolare la meritano alcune chicche di questo gioco, che sicuramente rispetto a come era stato presentato risulta piu buggato e problematico.(la compenetrazione dei poligoni con il terreno è una delle tante imperfezioni)
    Ogni personaggio, sia esso mago o guerriero avrà l'abilità di Recall, ossia una sorta di incantesimo che teletrasporterà pressochè istantaneamente il giocatore al punto in cui si e “bindato” questo comando: quando si muore questa caratteristica può avere un significato piu che plausibile, mentre diventa comico quando tale dinamica rimane attivaanche quando il persoonaggio è in vita.
    Durante particolari situazioni di pericolo si potrà scampare alla morte utilizzandolo al momento giusto.


    Altro fattore che sicuramente non ricorda un'ambientazione gdr sono i cartelli presenti nel mondo che ci indicheranno addirittura dove trovare le risorse da estrarre, ma non solo! Addirittura le zone di respawn dei mostri!

    Concludendo

    Al momento della stesura possiamo giocare sui 3 server europei, ma non è esclusa in futuro l'apertura di altri server per un eventuale aumento del bacino d'utenza.
    Concludendo posiamo sicuramente non definirlo all'altezza degli altri titoli del genere, pesante nella gestione delle riorse di sistema, banale in alcune parti e addirittura comico (il nostro personaggio puo saltare e sedersi, ma anche i draghi si siedono a gambe incrociate...)
    Nel complesso un titolo differente da quello che ci era stato presentato tempo addietro nelle preview, sicurametne cambiato, in peggio, e che passato il periodo di prova spingerà solo pochi di voi a continuare a pagare l'abbonamento mensile.

    Concludendo

    Quanto attendi: Horizons

    Hype
    Hype totali: 0
    ND.
    nd