Recensione Il pianeta del tesoro

Leggi la nostra recensione e le opinioni della redazione sul videogioco Il pianeta del tesoro - 1730

Articolo a cura di
Disponibile per
  • PS2
  • Gba
  • Come ogni anno

    Per Natale, nelle sale cinematografiche di tutta Italia, esce immancabilmente un nuovo lungometraggio della Disney, accompagnato dal gioco multipiattaforma ispirato ad esso, e naturalemente non poteva mancare la versione per il sempre più famoso Gba.

    Ottimo inizio

    Inserendo la cartuccia ed iniziando una partita, si viene immediatamente accolti da un breve filmato tratto dall'omonimo film, davvero piacevole da guardare, ed a quel punto si passerà al gioco vero e proprio. Il gioco si presenta come un avventura d'azione in cui impersonificherete Jim, un ragazzo con il sogno di viaggiare e di esplorare nuovi mondi.

    Qualche piccola licenza

    Già dalle schermate iniziali, chi ha potuto vedere il film Disney, noterà qualche distacco tra la trama del gioco e quella del film, infatti il nostro Jim sarà sin dall'inizio accompagnato da Morf, una strana creaturina mutaforma che nel film incontra solo più tardi. Inoltre il gioco, tiene conto dell'ordine cronologico degli eventi, facendo visitare le locazioni nell'ordine dl film, ma non tiene quasi per niente conto di tutto il resto, proponendo sfide e trame non presenti nel lungometraggio che, riducono la trama del film praticamente nei minimi dettagli

    La semplicità come punto di forza

    Il gioco usa una comoda grafica isometrica, capace di darvi perfettamente idea della situazione, infatti, salvo qualche raro caso, la prospettiva isometrica non fa confondere affatto, e rende pienamente l'idea delle distanze e delle profondità del livello. I comandi da usare sono davvero pochi, saltare, dare pugni, ed usare le abilità di Morf; pochi comandi, che però non vi faranno sentire la necessità di avere altro, in quanto nel gioco potrete fare praticamente tutto.

    Analisi sul gioco

    Fin dall'inizio, grazie anche ad un sistema di controllo perfettamente calibrato e che risponde ad ogni vostro comando, troverete il gioco davvero facile. Proseguendo nell'avventura, Morf acquisirà abilità sempre nuove (come la possibilità di farvi saltare più in alto o più a lungo, la possibilità di spostare casse, ecc.), che si riveleranno utili andando avanti. Il gioco si svolge più o meno sempre alla stessa maniera, vi ritroverete all'interno di una mappa, da cui potrete accedere a delle dungeon la cui meta finale è il ritrovamento di un pezzo di qualcosa da ricostruire (il surf volante, la tuta del professore, ecc.), alla fine di tutte le dungeon ci sarà una corsa ad ostacoli con il proprio surf volante.

    Va bene così

    Come quasi tutti i titoli targati Disney, anche Il pianeta del tesoro si rivela come un gioco facile da portare a termine, le dungeon sono divise in stanze, e, se perderete una vita, vi ritroverete al'interno della stanza in cui eravate, ma tutto ciò che avete già fatto resterà esattamente com'è; inoltre esistono dei punti di controllo da cui ricomnciare nel caso si perdessero tutte le vite, ma anche in quest'ultimo caso tutto quello che avete già fatto resterà invariato, mettendo quindi a disposizione del giocatore tutte le vite e tutti i tentativi che vuole per risolvere gli enigmi di una stanza. Inoltre sia voi che i nemici potrete muovervi solamente in diagonale e, mentre questo potrebbe creare qualche piccola difficoltà nei salti, rende i nemici facili prede dei vostri pugni. Il gioco è quindi molto semplice, ma questa semplicità non rende il gioco noioso, infatti, l'andare avanti senza troppe difficoltà e frustazioni, rende il tutto molto fluido e scorrevole. Le uniche difficoltà potrebbero essere nelle gare a bordo del surf in quanto, a causa della visuale isometrica che risultà un pò scomoda e dei controlli non proprio precisi, potreste ritrovarvi a fare lo stesso livello più volte.

    Commento

    Un gioco semplice, che fa della semplicità il suo punto di forza. La grafica è vivace e colorata, mentre il sonoro tende a diventare fastidioso; il sistema di salvataggio con password non pesa molto in quanto usa parole di senso compiuto come "tesoro", "pianeta", "caverna", ecc. E' consigliabile vedere il film prima di provare il gioco, in quanto potrebbe altrimenti non capirsi lo scorrere degli eventi e la personalità dei protagonisti. Se vi piacciono i giochi semplici ed avete amato il film prendetelo, ma ricordate che vi ritroverete con un gioco che anche i meno bravi finirebbero nel giro di una settimana, e che difficilmente verrà ripreso.

    Che voto dai a: Il Pianeta del Tesoro

    Media Voto Utenti
    Voti: 4
    6
    nd