Injustice 2 Recensione: il picchiaduro DC Comics arriva su PC

Batman, Superman, Joker, Flash, Harley Quinn, Wonder Woman e gli altri personaggi del mondo DC Comics si sfidano per il predominio del Multiverso.

Versione analizzata: PC
recensione Injustice 2 Recensione: il picchiaduro DC Comics arriva su PC
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One

Si saranno mangiati le mani tutti quei giocatori PC che non hanno potuto godere di Injustice 2 sin dal suo esordio sugli scaffali videoludici: come abbiamo già confermato qualche mese fa, il picchiaduro supereroistico di NetherRealm è un piccolo gioiellino di spettacolarità e tecnica, ricco anche di alcune caratteristiche davvero rare per un fighting game.
Non ci riferiamo solo ad una storyline che, come per la gran parte dei giochi dello sviluppatore americano, si fregia di scene esaltanti, tenute insieme da una narrativa che fa il suo dovere e da una ricercatezza estetica sempre brillante, ma anche a tutto un microcosmo composto da pezzi d'equipaggiamento sbloccabili che permettono di modificare nell'aspetto e nelle statistiche i nostri guerrieri DC preferiti.
Ebbene, la pazienza è stata ripagata: l'attesa di sei mesi ci ha regalato una versione PC in forma smagliante e con tantissime opzioni per la personalizzazione dell'esperienza. Il modo migliore, per chi ha preferito aspettare, di recuperare uno dei picchiaduro più vigorosi di quest'ottima annata.

Scontro fra titani

Injustice 2 si apre con una situazione di tensione tra i due più celebri supereroi dell'immaginario DC: Superman e Batman. il Cavaliere Oscuro è fermamente convinto che uccidere i propri nemici, per quanto crudeli essi siano, è un atto che degrada la morale dei difensori del giusto; l'Uomo D'Acciaio, riarso dal rancore, crede invece che il sacrificio di alcuni per la salvaguardia dei molti sia doveroso. Il conflitto di ideali, prima ancora di quello fisico, è alla base dell'immenso scontro tra titani che devasta il Multiverso.

Flash, Lanterna Verde, Supergirl appoggiano Batman ed aderiscono alla visione di un mondo in cui i supereroi non uccidono i malvagi e, soprattutto, non hanno la superbia di elevarsi ad arbitri di giustizia. Wonder Woman, Aquaman, Black Adam seguono invece la strada di Superman, che vuole istituire un regime in cui i potenti governano col pugno duro e mantengono l'ordine anche rinunciando alla clemenza, quando necessario. L'arrivo di Braniac e del suo esercito a minacciare la Terra aggiunge una variabile in un clima già teso e finisce per amplificare la situazione di caos e distruzione: tuttavia, dopo essersi confrontati per l'ennesima volta, Bruce Wayne e Clark Kent decidono di mettere da parte i livori per unire le forze. Ovviamente un'alleanza così fragile è destinata a rompersi, e così Injustice 2 permette di prendere le parti di una delle due icone DC Comics e poi culmina con due possibili finali. Sebbene l'intera story mode del picchiaduro di NetherRealm sia stata studiata per includere il maggior numero di eroi e villain senza curarsi troppo della narrativa (che è molto scontata e banale), il risultato finale è piacevole e degno di nota.
Gli appassionati non rimarranno delusi da come sono stati riprodotti i vari personaggi nella loro versione digitale - fatta forse eccezione per alcuni, come Joker -, sia nella loro dimensione ludica che in quella semplicemente visiva. I movimenti sinuosi di Catwoman e i suoi sferzanti colpi di frusta, l'irruenza di Gorilla Grodd, la frenesia omicida di Harley Quinn: ogni eroe ha una caratterizzazione davvero ottima, a cui contribuiscono animazioni, costumi e spettacolari mosse e supermosse. Non è un segreto che Injustice 2 appartenga alla scuola "occidentale", quella in cui si trovano i picchiaduro meno essenziali ed ordinati: i combattimenti sono quindi un tripudio di effetti spettacolari e di mosse eccessive, magari anche un po' troppo confusionarie. Ma il modo così "hollywoodiano" di rappresentare le tenzoni è un marchio di fabbrica che ci piace e che, a suo modo, permea profondamente la personalità delle produzioni targate NetherRealm.

Il gusto filmico per la rappresentazione delle scene non risparmia neanche le sequenze tra un combattimento e l'altro, in cui un ottimo motion capture dà vita a scambi di battute credibili e ricchi di pathos (sempre si evitiamo di scandalizzarci per la piattezza delle linee di dialogo), una regia dinamica compone cambi di scena azzeccati e fluidi: l'azione ne risulta quindi sempre ricca di adrenalina, piacevole da guardare e con un ritmo incalzante.
Injustice 2 mette in risalto l'estetica e la celebra, rifiuta la sola "funzionalità" e riempie ogni suo elemento di una dose d'eccesso barocco che, però, stucca solo in pochi casi - e tutti dipendenti dalla vostra sensibilità. Neanche le arene svolgono il ruolo di mero scenario, e possono essere modificate dall'utilizzo di azioni contestuali che sconquassano l'ambiente e ne cambiano l'apparenza. È possibile persino che due eroi differenti facciano un uso diverso di un oggetto dello scenario, oppure che un colpo ben assestato sposti lo scontro in un'altra arena, dopo una cutscene spettacolare, chiaramente.
Il fattore più sorprendente alla base di un comparto visivo che scalpita come un giovanotto è che Injustice 2 fa ancora uso del venerando Unreal Engine 3.

Il motore di Epic è stato sottoposto a pesanti modifiche per apparire sgargiante, e solo di tanto in tanto mostra le sue rughe: la versione PC, tuttavia, è di gran lunga la migliore del lotto e permette un'impostazione approfondita di varie opzioni per migliorare il colpo d'occhio o, al contrario, per permettere a configurazioni un po' incanutite di muovere la scena al sacro limite dei sessanta frame per secondo. I settaggi vanno dalla qualità delle texture a quella dei particellari, passando per l'anti aliasing, ombre, illuminazione ed altri effetti in post-processing: ogni voce è accompagnata da un comodo menu che fornisce dettagli e prova a fare una previsione sulla quantità di risorse impegnate da quell'opzione.
Se invece non avete voglia di sperimentare e poi testare le vostre impostazioni attraverso il benchmark di gioco, potete anche decidere di lasciar fare tutto al programma, attendere una serie di prove e poi trovarvi con tutti i settaggi ottimizzati per garantire i 60 FPS senza sacrificare troppo in quanto a beltà visiva. In ogni caso, a meno che non abbiate un computer troppo deboluccio dal punto di vista hardware, Injustice 2 vi sorprenderà per la sua estrema scalabilità. Con le giuste impostazioni il tachimetro dei frame morderà sempre il limite dei sessanta, senza schiodarsi neanche durante gli scontri più pirotecnici. A noi è capitato che tentennasse un pochettino nelle cutscene, per poi tornare granitico nel corso delle fasi giocate, ma nulla in grado di minare l'esperienza di gioco. La scelta più fastidiosa - anche questa, tuttavia, totalmente innocua - è il blocco a 30 frame delle scene che partono all'attivazione di una supermossa: un occhio attento percepisce subito il netto stacco, ma considerando che in quel momento non è necessario compiere nessuna azione il compromesso ci è parso accettabile.

Injustice 2 Injustice 2 irrompe su PC nel migliore dei modi: porta con se tutte le primizie delle versioni PlayStation 4 e Xbox One e ci aggiunge la personalizzazione dell’esperienza tipica del personal computer. Cogliete quindi l’occasione di recuperare il picchiaduro di NetherRealm, se lo avete lasciato per strada, per un motivo o per un altro. Qualora foste abbastanza appassionati, potreste persino pensare di affiancare alla vostra edizione console anche quella PC, per godere di un’esperienza migliore sotto moltissimi punti di vista. Il problema più grande rimane sempre la gestione discutibile dei picchiatori distribuiti attraverso i DLC, una criticità che lo studio di sviluppo americano si trascina dietro fin da Mortal Kombat. Ma è meglio non pensarci troppo e concentrare la mente sulla bontà offerta dal gioco base: con una campagna spettacolare, un’estetica affascinante e un sistema di gioco fresco e godibile, Injustice 2 se la gioca ad armi pari nel confronto con altri pezzi da novanta giunti nel 2017.

CONFIGURAZIONE PC DI PROVA

  • CPU: CPU: i5-2500k @3.3Ghz
  • RAM: 8GB
  • GPU: NVIDIA GTX 670 2GB RAM
8.5

Che voto dai a: Injustice 2

Media Voto Utenti
Voti: 49
8
nd