Kirby Star Allies Recensione: la pallina rosa debutta su Nintendo Switch

La tenera pallina rosa arriva su Switch con Kirby Star Allies, un platform dallo stile colorato e vivace, come da tradizione per la serie.

Kirby Star Allies
Videorecensione: Nintendo Switch
Articolo a cura di
Mario Marino Mario Marino nasce a Napoli una domenica di maggio all'inizio degli anni '90. Il primo contatto con il mondo videoludico avviene intorno ai quattro anni, quando riceve il vecchio NES dei cugini più grandi con Super Mario Bros., Duck Hunt ed Excitebike: un passaggio di consegne che ha tutto l'aspetto dell'investitura a cavaliere del regno Nintendo. Appassionato di cinema e di narrativa in ogni sua forma, ancora non ha deciso se vuole più bene a mamma, papà o Hideo Kojima. Fra una canzone triste e un post sul Napoli, lo trovate su Facebook.
Disponibile per
  • Switch
  • Ricordate il video di presentazione di Nintendo Switch, quello di un anno fa o giù di lì? Una delle caratteristiche della console su cui quel trailer insisteva maggiormente era la possibilità di condividere l'esperienza di gioco con più persone, tramite la spartizione dei due joycon. Alcuni titoli, come quel capolavoro epocale di The Legend of Zelda: Breath of the Wild, non se ne sono curati affatto; altri ottimi giochi come Super Mario Odyssey o ARMS, poi, sono riusciti ad offrire un sistema di multiplayer locale progettato attorno al controllo tramite singolo joycon, ma senza che questo stesso multiplayer lasciasse il segno. Fino ad oggi, l'esperienza in multi locale che maggiormente ha saputo soddisfare gli utenti è stata, con ogni probabilità, quella di Mario Kart 8 Deluxe. Kirby Star Allies si accoda a tale idea di gioco, offrendo agli acquirenti un titolo divertente in singolo e imperdibile in compagnia. L'esordio dello sferico eroe rosa sull'ibrida di Kyoto segna un ritorno alla formula di gioco canonica, abbandonando le istanze "pittoriche" de Il Pennello Arcobaleno, il non-proprio-riuscito capitolo per Wii U. HAL Laboratory, con questo Star Allies, porta sul mercato un gioco tanto gradevole ai giocatori più navigati quanto formativo per i neofiti dei platform in due dimensioni. Come si sarà comportata la palletta rosa questa volta?

    Sgt. Kirby's Lonely Hearts Club Band

    Non c'è proprio verso di starsene sereni, lì a Dream Land. Anche questa volta, il riposino pomeridiano di Kirby viene interrotto da un qualche tipo di cataclisma. Un'improvvisa pioggia di meteoriti a forma di cuore, ordita da un misterioso individuo incappucciato, nascosto nelle profondità dello spazio siderale, sconvolge il bucolico mondo che più di una volta è stato salvato da Kirby negli ultimi venticinque anni. Questa precipitazione di massi dal cielo sembra interessare anche il protagonista, che si ritrova nel giro di pochi minuti a controllare un nuovo potere.

    Oltre alla possibilità di svolazzare in giro e assorbire le abilità dei nemici dopo averli fagocitati, come da tradizione, questa volta Kirby potrà trasformare tutti - o quasi - i mob presenti nei vari livelli in fedeli alleati. Lanciando sulle loro teste un cuore tramite la pressione del tasto X, i nemici si accoderanno a Kirby, diventando fieri compagni nella sua missione per la salvezza di Dream Land e di tutto il pianeta Pop. È questa la grande novità che HAL Laboratory ha voluto introdurre nell'ultima avventura della pingue mascotte. Le abilità e le armi messe a disposizione di Kirby sono decine, ed è quasi impossibile elencarle tutte: sciabole, spade, fruste, martelli, bastoni e finanche yo-yo, per non parlare dei poteri elementali di cui alcuni avversari si fanno consapevoli portatori. Tutti questi talenti possono essere controllati da Kirby, ovviamente dopo aver banchettato con i piccoli antagonisti. In Star Allies, la creatura nata dalla fantasia di Masahiro "Smash Bros" Sakurai può formare una squadra di tre assistenti, per un massimo quindi di quattro eroi a schermo. Ognuno di questi può essere controllato da un giocatore armato di joycon. Il "giocatore 1", colui cioè chiamato a muovere Kirby, fa da traino all'esperienza. Dopo aver "cuorizzato" un mostro, l'amico seduto al suo fianco può entrare nella partita. Così come Kirby, anche gli alleati controllati dai giocatori 2, 3 e 4 possono lanciare cuori sulla testa di tutti i fastidiosi rompiscatole che popolano i livelli. A differenza di quanto accade impersonando Kirby, però, i mostri cap-turat... ehm, colpiti dall'amore dei nostri compagni di ventura, non si aggiungeranno al codazzo di eroi da strapazzo. Essi andranno, invece, a sostituire l'eroe attualmente in controllo del secondo giocatore, rendendo ogni livello un'altalena che oscilla fra la giusta voglia di sperimentare e un'attenta strategia di gruppo, necessaria a scoprire ogni anfratto segreto.

    Kirby in the Sky with Friends

    Chiariamoci: Star Allies non riscrive le leggi della serie nata nel 1992. L'ultimo titolo a base di palline rosa fluttuanti è accademicamente canonico, rispetta gli stilemi della saga: ritmo compassato, livello di difficoltà tendente al basso e level design facilmente intellegibile tornano anche in quest'ultimo capitolo. Tali caratteristiche non devono essere necessariamente viste come difetti, vogliamo soltanto avvertire quei giocatori alla ricerca di un platform 2D ostico e intricato di rivolgere altrove le proprie attenzioni. Detto questo, i livelli di Kirby Star Allies nascondono più di una sorpresa, anche nella loro semplicità. Superato il primo mondo, da considerare come un unico grande tutorial, gli altri tre pianeti offrono una pletora di situazioni varie e stimolanti, sebbene palesemente guidate. Così come accadeva in Planet Robobot, anche in Star Allies i diversi stage nascondono percorsi secondari e collezionabili rari. Per guadagnarsi l'accesso a tali sezioni, sarà necessario superare alcuni enigmi ambientali.

    Queste prove si risolvono in una manciata di secondi, a patto di avere le giuste armi e i necessari poteri a disposizione. Come abbiamo già avuto modo di parlare in occasione della pubblicazione della demo, l'altra novità che Star Allies porta con sé è la fusione fra le varie abilità. Alzando al cielo l'arma stretta fra le mani di Kirby, questa andrà a fondersi con gli elementi dei nostri alleati: bastoni elettrizzati, fruste infuocate, spade acquatiche e chi più ne ha ne metta, per una varietà di combo tutta da scoprire. C'è da far esplodere una bomba appesa al soffitto? Tagliare la miccia con una spada di fuoco può tirarvi fuori dall'impasse. Non avete modo di raggiungere quei fili scoperti e azionare il cancello? Un colpo di frusta caricata ad elettroni è tutto ciò di cui avete bisogno. I game designer di HAL Lab sono stati clementi con i giocatori, data la cura che hanno riposto nel posizionare alcuni "totem" tramite i quali invocare i giusti compagni nelle vicinanze delle sezioni puzzle. Gestire i propri alleati, nel momento in cui si decida di affrontare Star Allies in single player, aggiunge quel pizzico di strategia che non guasta mai.
    C'è da dire che gli aiutanti, comunque, risultano il più delle volte quasi invadenti. Com'è tradizione quando si parla di Nintendo, anche Kirby Star Allies è un tripudio di animazioni, colori ed effetti visivi - purtroppo azzoppati dalla scellerata scelta di bloccare il motore di gioco a 30 fps. Muovere una squadra di quattro elementi, tutti perfettamente animati e caratterizzati, porta a sessioni di combattimento in cui è difficile capire dove sia finito Kirby.
    Durante le battaglie poi, e in particolare negli scontri con i boss, avere tre compagni d'armi spinge il gioco verso una sorta di modalità "pilota automatico": i nostri amici butteranno infatti a terra i campioni di fine livello anche senza il contributo del paffuto protagonista del gioco.

    È altrettanto vero che Star Allies non obbliga gli utenti a formare una squadra, rendendo quindi il livello di difficoltà un concetto fluido, inversamente proporzionale al numero di alleati che decideremo di portare con noi. In alcuni frangenti del gioco, in ogni caso, si rende necessario accompagnarsi a qualche altro personaggio. Diverse sezioni dei livelli dividono il percorso in due vie, dove specifici interruttori aprono le porte del sentiero opposto. Affrontare queste micro-sezioni con un amico regala qualche sorriso, mentre aspettare che sia la CPU ad attivare gli switch necessari rende il tutto inutilmente tedioso e lineare. Altrettanto guidate sono le porzioni di gioco che richiedono di usare i quattro membri del team come un unicum, formando ad esempio una ruota in grado di travolgere ogni cosa sullo schermo o una cometa volante, dalla quale sparare colpi e bombe come in uno shoot ‘em up.

    Ghost Track

    Kirby Star Allies non è un gioco difficilissimo, perciò arrivare ai titoli di coda, nel caso in cui siate giocatori esperti, richiederà intorno alle cinque ore del vostro tempo. Fortunatamente, l'offerta ludica non si ferma soltanto allo story mode. La quarantina di livelli che formano Star Allies - e dove ritornerete se siete maniaci del 100% - include un poker di minigiochi. I primi due, disponibili già dal primo avvio, si basano sull'utilizzo del motion control e sono palesemente pensati per piacere agli under 10: in uno, bisognerà tagliare legna per costruire una casetta nei boschi, mentre nel secondo occorrerà rispedire nello spazio profondo un asteroide che minaccia il pianeta Pop.

    Gli altri due minigame saranno giocabili solo dopo aver completato la storia. Il primo, "??? Sei tutti noi! Star Allies!", elimina Kirby dall'equazione e propone gli stessi livelli dello story mode, giocabili nei panni di uno qualsiasi degli amici della palletta rosa; il secondo minigioco, "La scelta decisiva", altro non è che un survival mode all'interno del quale affrontare i vari boss uno dopo l'altro, senza la possibilità di riprendere fiato.

    Kirby: Star Allies Kirby: Star AlliesVersione Analizzata Nintendo SwitchKirby Star Allies segna l’esordio dell’eroe rosa su Switch. Abbandonando la plastilina de Il Pennello Arcobaleno e i mecha di Planet Robobot, la sferica mascotte di Nintendo torna ad una formula di gioco più canonica, con i livelli in 2.5D e il ritmo compassato che da sempre caratterizzano la serie. In questa nuova avventura di Kirby, HAL Laboratory ha voluto puntare tutte le proprie fiches sulla casella del multiplayer locale, elaborando un sistema in grado di esprimersi al meglio se affrontato in compagnia. Grazie al nuovo potere del protagonista, i giocatori potranno creare una squadra di quattro elementi e affrontare gli stage facendo affidamento sul supporto dei propri compagni. Tali alleati possono essere gestiti da altrettanti partecipanti, condividendo uno dei joycon attaccati alla console, fino ad un massimo di quattro utenti seduti sullo stesso divano. Con i suoi livelli variegati, colorati e mai realmente ostili, Star Allies è un’esperienza pensata principalmente per un pubblico molto giovane e magari non ancora avvezzo alla bellezza dei platform in due dimensioni. Se siete alla ricerca di un titolo rilassante e divertente con cui intervallare giochi più impegnativi, Star Allies potrebbe essere una scelta azzeccata. Allo stesso modo, se avete uno o più bambini che vi corrono in casa, l’ultima avventura di Kirby si rende un acquisto quasi obbligatorio.

    8.2

    Che voto dai a: Kirby: Star Allies

    Media Voto Utenti
    Voti: 9
    6.6
    nd